L'Algeria ruba il mare all'Italia e manda migranti in Sardegna

Il 21 marzo del 2018 l'Algeria ha unilateralmente allargato i confini della propria Zee, spingedosi fino a ridosso della Sardegna. Il caso è stato sollevato dall'ex presidente sardo Mauro Pili e potrebbe avere implicazioni anche sull'immigrazione

Una notizia passata inosservata, ma che dopo essere stata rilanciata nei giorni scorsi potrebbe riservare non poche clamorose ripercussioni a livello politico e non solo.

Il caso riguarda le rivendicazioni algerine sul mare antistante la Sardegna. Un contesto non dissimile da quello che, sotto il profilo geopolitico internazionale, è apparso come uno dei casi più delicati degli ultimi mesi e che ha a che fare con il memorandum turco – libico che estende le rispettive Zee (Zone Economiche Esclusive) a ridosso delle acque territoriali di altri Stati.

Cartina alla mano, a tirare fuori il caso è stato l’ex presidente della Regione Sardegna, Mauro Pili: “Ad attaccare i confini internazionali a mare questa volta è l' Algeria – ha dichiarato Pili – che, con decreto del presidente della Repubblica del 21 marzo del 2018, ha messo nero su bianco i nuovi confini della propria zona economica esclusiva marittima”.

Algeri, con un tratto di penna sulla mappa, di fatto si è accaparrata un tratto di mare antistante le acque territoriali italiane difronte la Sardegna: “L’operazione è emersa solo qualche settimana fa – ha spiegato l’ex presidente sardo – ma è stata tenuta segreta di fatto in Italia”.

Secondo Mauro Pili, il paese nordafricano avrebbe esteso la propria Zee in tutta la zona del Mediterraneo passante davanti Sant' Antioco, Carloforte, Portovesme, Oristano, Bosa e Alghero. Di fatto, il mare della Sardegna occidentale sarebbe per intero delimitato dalla nuova zona economica algerina.

Un fatto certamente rilevante da un punto di vista politico, ma anche da quello economico: il rischio è che la Sardegna e l’Italia possano essere limitati nello sfruttamento delle risorse marine delle acque internazionali vicine al territorio formalmente del nostro paese. Un pescatore di Alghero o di Oristano, per fare un esempio, potrebbe essere accusato da Algeri di appropriazione di “proprie” risorse se trovato con il peschereccio anche ad appena 13 miglia dalla Sardegna.

L’ex presidente Pili ha accusato tutti i vari governi succedutisi dal marzo 2018 in poi: “Come al solito – ha dichiarato l’esponente politico – il nostro paese dorme e soltanto qualche settimana fa ha presentato una protesta formale alle Nazioni Unite”.

La querelle è dunque diventata tale solo alla fine del 2019, con la recriminazione dell’Italia avanzata all’Onu, nonostante il decreto algerino sia in vigore da almeno un anno e mezzo prima. Ed in quel lasso di tempo non sono mancati incontri e vertici bilaterali tra esponenti del governo di Roma e di Algeri. Eppure, la questione non era mai stata messa in agenda.

“Nonostante il tentativo dell'Italia di porre rimedio a questa gravissima falla nel sistema della tutela dei confini a mare e delle acque internazionali – ha dichiarato ancora Mauro Pili – Dall'Onu non è arrivata sino a oggi nessuna risposta. Sorprende come tutte le forze politiche e gli stessi governi, sia quello italiano che quello sardo, non siano stati in grado di respingere questo ennesimo blitz ai danni della Sardegna e dei sardi. Svendono la Sardegna e anche il suo mare”.

Nel mirino di Algeri non soltanto le risorse derivanti dalla pesca, bensì anche quelle energetiche. La questione però, potrebbe riguardare anche quella migratoria. Già dal 2017 il Sulcis ha iniziato a fare i conti con il fenomeno degli sbarchi fantasma, il quale ha portato nelle coste del sud della Sardegna decine di barchini partiti dall’Algeria.

“Se l'Italia cede la propria sovranità sul tratto di mare fra la Sardegna e l' Algeria – ha dichiarato già alcuni mesi fa il capogruppo di Fratelli d’Italia in commissione difesa, Salvatore Deidda – il messaggio suona: «Accomodatevi, fate pure come se foste a casa vostra». Ed ecco come le coste sulcitane sono divenute la meta preferita per migliaia di migranti algerini”.

La questione appare tanto delicata, quanto poco approfondita sotto il profilo mediatico e politico. Eppure, la scelta unilaterale algerina oltre a costituire fonte di pericolo economico per il nostro paese, potrebbe dare dell’Italia un’immagine di un paese sempre più debole nel Mediterraneo e sempre più marginale nel contesto del cosiddetto “mare nostrum”.

Commenti

Giorgio5819

Lun, 03/02/2020 - 11:27

...poi i dementi attaccano chi vuole difendere l'Italia...

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Lun, 03/02/2020 - 12:03

La colpa è dei fantocci piddoleghisti, che si fanno calpestare da un qualunque Stato africano in ossequio alla volontà massonica dell'UE. Però continuano a scroccare i 50 MILIARDI annui di spesa militare.

Ritratto di giangol

giangol

Lun, 03/02/2020 - 13:05

Tranquilli ci pensa il nostro governo rosso a dare ragione all'algeria

killkoms

Lun, 03/02/2020 - 13:27

che dice il genio al governo?

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 03/02/2020 - 13:35

allora e zona sar algerina,pertanto le ong schiaviste è là devono sbolognare i clandestini!!!

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 03/02/2020 - 13:42

mahhh le navi da guera che manteniamo profumatamente,inoltre a traghettare clandestini che min...fanno??? arrivati a questo punto,se lo sgoverno pidiota grullo, mi paga profumatamente + rimborso spese,pattuglierò le acque oltre le 12 miglia,attingendo chiunque voglia fare il furbo!!

mimmo1960

Lun, 03/02/2020 - 13:43

Con questo governo vanno tutti a nozze, ma!!!

mozzafiato

Lun, 03/02/2020 - 13:50

QUINTUS S. Non so a che ora ti svegli amico mio, ma ora al governo i leghisti NON CI SONO PIÙ! Ci sono i fantocci PIDDO GRILLINI!! Se solo Salvini provasse ad aprire bocca anche dall'opposizione USCIREBBE FUORI DALLA FOGNA IL MAGISTRATO DEL POPOLO DI TURNO CHE LO INQUISIREBBE FULMINEAMENTE PER SEQUESTRO DI ACQUE ALGERINE!

Malacappa

Lun, 03/02/2020 - 13:52

Fra un po' si prenderanno pure la sardegna e noi buoni buoni

savonarola.it

Lun, 03/02/2020 - 13:59

Oramai l'italia è diventata lo zimbello del mondo. Non è più uno stato. É una barzelletta.

ulio1974

Lun, 03/02/2020 - 14:09

l'algeria! l'algeria, ve ne rendete conto?!?! pure l'algeria si prende gioco del popolo italiota. ma fanno bene, vi dico!

Ritratto di aresfin

aresfin

Lun, 03/02/2020 - 14:10

@Quintus_Sertorius: Ma che cavolo scrivi: "La colpa è dei fantocci piddoleghisti...." ???

ulio1974

Lun, 03/02/2020 - 14:17

pure gli algerini ci mettono i piedi in testa. siamo a livello di senegal.

Trinky

Lun, 03/02/2020 - 14:32

Paccato che quel pxxxa simpatizzante dei 5stalle e del PD si nasconda dietro commenti insulsi........

Abit

Lun, 03/02/2020 - 15:02

Coda aspetta il governo a fare un blocco navale con l'aiuto di droni? Per andare in Algeria devo aspettare anche 3 mesi per il visto!

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Lun, 03/02/2020 - 15:06

@aresfin Perché, secondo il mio modesto parere, i liberali centristi sono i maggiori colpevoli della prostrazione della nostra patria a ogni forma di interferenza estera, dall'immigrazione all'economia. Sono loro che hanno modificato l'Art. 117, loro che regolarizzano stranieri a milioni, loro che firmano i peggiori accordi commerciali, loro che leccano la mano dell'UE dopo che ci ha bastonati. Avrei detto "piddoforzisti", ma FI e moribonda, e l'ho sostituita con il partito più rappresentativo del centrismo liberale "di destra". Spero di non averla offesa.

DRAGONI

Lun, 03/02/2020 - 15:25

TENIAMO LA NOSTRA MARINA MILITARE IN NAFTALINA!! SAREBBE OPPORTUNO FARE SOLCARE DALLE NAVI MILITARI ITALIANI , DA SUBITO, IL MARE DI CUI L'ALGERIA A MO' DELLA LIBIA DI GHRDDAFI HA FATTO PIRATESCAMENTE SUO. MANCA CHE LA TUNISIA FACCIA UNA ANALOGA OPERAZIONE.

Ritratto di moshe

moshe

Lun, 03/02/2020 - 15:26

Qualcuno pensa che a questo governo di pesci marci e di stallieri importi qualcosa? di sicuro non si sono accorti di niente, senza contare che tutte le nostre navi sono impegnate nella "pesca dei clandestini" e non andranno certo a difendere i nostri pescherecci !!!!!

gianf54

Lun, 03/02/2020 - 15:34

Ed ecco che, a forza di minimizzare se non sconfessare i nostri poteri di Stato Sovrano, c'è chi comincia ad approfittarne. Bel messaggio che questo governicchio di str***i ha fatto passare finora. Adesso che facciamo? Ci mandiamo lo zero tagliato Di Maio a risolvere questa storia? O chiediamo direttamente a Mattarella come dovremmo comportarci? Aspettiamo la rivolta popolare per difendere i nostri confini?

effecal

Lun, 03/02/2020 - 16:00

ci pensano i bravi comunistelli a sistemare le cose , ovviamente a vantaggio degli algerini.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 03/02/2020 - 16:19

@Giorgio5819 - esatto. Però sono tutti di sinistra. Casualità?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 03/02/2020 - 16:21

@Quintus_Sertorius - no ndare colpe agl ialtri. la colpa è d igente come te.Leggiti sopra il tuo, il commento dell'amico @Giorgio5819 e dimmi se non ha ragione.

aldoroma

Lun, 03/02/2020 - 16:27

Tutti comandano e tutti ci dicono cosa fare e tutti i clandestini in Italia E noi....ZITTI...SEMPRE PIÙ REMISSIVI

amedeov

Lun, 03/02/2020 - 17:01

Giorni indietro ho ascoltato l'intervista del presidente dell'industri di eternit che operava in piemonte e mi ha colpito una frase detta da lui:L'ITALIA E' UNO STATO FALLITO. Come dargli torto

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Lun, 03/02/2020 - 18:52

@Leonida55 Che c'incatstra il commento di Giorgio5819 con il mio scambio con aresfin? Che c'entri tu? Se non ti piace l'associazione "piddino"-"leghista", perché non mi spieghi in cosa differisce il programma PD dal programma Lega sui seguenti punti fondamentali: 1) UE ed euro; 2) Banca d'Italia; 3) recuperò della sovranità nazionale (Art. 117); 4) i 240.000 immigrati che non entrano via mare e ONG; 5) politica industriale; 6) infrastrutture. Grazie mille.

machimo

Mar, 04/02/2020 - 11:03

Non manda i migranti in Italia ma solo i criminali dopo aver svuotato i carceri. Questo è il problema. Poi c’è li troviamo qui e naturalmente l’Algeria non li vuole indietro...