L'anatema di Gualtieri su Matteo: vuol far esplodere il debito pubblico

Il ministro e Conte vogliono usare i soldi Ue per ridurre la spesa per gli interessi. Renzi sogna di piantare tante bandierine sui progetti

La diatriba tra il premier Giuseppe Conte e il suo predecessore Matteo Renzi ha un fondamento non solo politico, ma soprattutto economico. E sta nei numeri del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) che, a breve, sarà presentato a Bruxelles. Da mesi è noto l'intento del capo del governo e del ministro dell'Economia Roberto Gualtieri: usare la quota di prestiti di Next Generation Eu (127 miliardi) per sostituire il debito esistente e prossimo venturo per godere di minori tassi di interesse su quelli che invece sarebbero applicati ai nostri Btp.

Il leader di Italia viva, invece, vuole moltiplicare i progetti per piantare proprie bandierine politiche, ma anche perché (e questo va detto) lo spirito del Recovery fund è il finanziamento di nuovi investimenti e non la sostituzione di quelli esistenti, magari già cofinanziati dall'Unione europea come l'Alta velocità. Il problema è che nell'ultima bozza circolata del Pnrr il ministro Gualtieri con i suoi tecnici intenderebbe destinare alle nuove iniziative solo 40 miliardi dei 127 di prestiti (loans) e i restanti 82 miliardi di sovvenzioni (grants).

Il motivo è presto spiegato. L'Italia dovrebbe aver chiuso il 2020 con un rapporto debito/Pil del 158% e con un deficit/Pil al 10,6%, ovviamente se gli ultimi lockdown non hanno prodotto ulteriori sconquassi. Dall'anno prossimo il nostro Paese dovrà mettere i conti pubblici su un sentiero di sostenibilità riportando i parametri allo status pre-pandemia entro la fine del decennio. Tanto più che nel 2022 dovrebbero ritornare in vigore i diktat dei Trattati Ue su deficit/Pil entro il 3% e avanzo di bilancio costante.

La grandeur renziana rischia di essere troppo costosa e di costringere l'Italia, una volta terminato il piano di acquisti emergenziali della Bce, a ricorrere al Mes vero e proprio, non quello in versione soft che potrebbe garantire al nostro Paese 37 miliardi aggiuntivi per le spese sanitarie. Insomma, l'Italia finirebbe commissariata da una Troika comunitaria se i conti finissero fuori controllo e c'è da dire che i Paesi frugali aspettano Roma al varco. Anzi, Gualtieri avrebbe anche cercato di guadagnare tempo chiedendo a Bruxelles se i prestiti di Next generation Eu potessero scomputarsi dal conto del deficit pubblico. Un esercizio superfluo: la risposta è stata negativa. Il Recovery fund nella parte loans equivale a disavanzo di bilancio e, dunque, in quest'ottica è meglio utilizzarlo per finanziare a un minore tasso di interesse progetti già in cantiere come l'Alta velocità e la manutenzione delle reti autostradali, ad esempio.

Il conto è presto fatto: 127 miliardi di euro equivalgono all'incirca al 7% del Pil italiano. Impegnarli interamente significherebbe intraprendere una direzione contraria a quella che l'Europa auspica. O, se si volesse effettivamente imboccarla, bisognerebbe garantire coperture adeguate a quello sbilancio, cioè tradurre in realtà le ipotesi di patrimoniale finora circolate, inclusa un'applicazione più estesa dell'Imu o la famigerata riforma del catasto.

Non si tratta di terrorismo psicologico ma, purtroppo, del prezzo che l'Europa chiede di pagare per il sostegno ai Paesi indisciplinati dal punto di vista finanziario. La «guerra», vera o finta che sia, tra Renzi e Conte non ha, però, lambito un campo di battaglia nel quale sarebbe valsa la pena scontrarsi. Il Pnrr italiano, sempre secondo le ultime indiscrezioni, prevedrebbe 55 miliardi di euro destinati a bonus vari, molti dei quali ricompresi nell'ultima legge di Bilancio e la cui conferma pluriennale è appunto demandata alle risorse di Next generation Eu. Considerata l'entità, una sforbiciata a ciò che è inessenziale potrebbe essere un buon viatico per investire veramente nel futuro del Paese. Non solo con le parole, ma con i fatti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Duka

Dom, 03/01/2021 - 10:08

Se lo dice questo miracolato di sicuro sarà l’esatto contrario

stefano.f

Dom, 03/01/2021 - 10:13

Prima sparisce questo governo meglio sarà per tutto e per tutti! Poi se spariscono anche quelli che li hanno votati perfetto!

PassatorCorteseFVG

Dom, 03/01/2021 - 10:15

gualtieri, uno dei tanti ministri delle finanze del P.D., ALLA FINE INCAPACI DI RISOLVERE I PROBLEMI ITALIANI. forse non si ricorda, per la cronaca, che dal governo monti in poi, il suo partito è stato parte attiva nella stesura delle leggi di bilancio, tralasciando la parentesi del ministro tia, il suo partito ha incrementato il deficit dai 1920 miliardi agli attuali 2600, e con il rischio di arrivare a 1800 prossimo venturo, alla fine chi è colpa del suo mal pianga se stesso e il suo partito, ma non credo abbiano la onestà intellettuale di riconoscerlo. ciao a tutti.

cgf

Dom, 03/01/2021 - 10:21

vero che al peggio non c'è fine, ma regalare a pioggia, insistere voler sconfiggere la povertà per decreto (rdc), aprire i porti, regalare monopattini e cashback, tanto per citarne alcuni, cosa è? E poi non ho parlato di MES, debito che forse i pronipoti dovranno pagare. Noi non siamo islandesi, magari prendessero esempio da loro.

amedeov

Dom, 03/01/2021 - 10:23

Fintanto che i soldi vengono spesi per mance elettorali,il deficit italiano andrà alle stelle.Il lavoro non si crea per DECRETO ma investendo su infrastrutture e industria riportando l'italia ai livelli del boom economico o almeno provarci

Jon

Dom, 03/01/2021 - 10:29

MA quali Progetti?? Per fare favori a chi?? E le centinaia di migliaia di aziende che chiudono?? A loro nessun risarcimento? E come pensano di sostituire tutti quei posti di lavoro?? Con i Banchi a rotelle elettrici?? HAnno voluto chiudere?? ORA RISARCISCANO SUBITO!!

leopard73

Dom, 03/01/2021 - 10:29

Era già esploso il debito durante la sua presidenza del consiglio ora ci risiamo e dentro fino al collo impossibilitati ed inermi contro questi GOVERNANTI INCAPACI tenuti a governare per volere di MATTARELLA!!!

Ilsabbatico

Dom, 03/01/2021 - 10:49

Se lo dice questo ministro "specialista" di economia e finanza.....

Savoiardo

Dom, 03/01/2021 - 10:58

Italian dream:tutti dipendenti pubblici.Con il reddito di cittadinanza ci siamo al 60 %.Gli altrî sono quelli che lavorano..I piccoli Landini crescono.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Dom, 03/01/2021 - 10:58

Ma perchè lui con il governo e l'aiuto di mattarello non hanno gi fatto esplodere il debito pubblico? Ed è quello di cui sarà presentata una azione di rivalsa soprattutto propio verso questo inutile ed inadeguato ministro delle finanze.

Boxster65

Dom, 03/01/2021 - 10:59

Parla quello che non sa fare di conto ed è ministro delle finanze

Ritratto di Smax

Smax

Dom, 03/01/2021 - 11:01

Distruggerà di più l’italia il famoso 3% che non significa nulla, è un parametro quasi casuale, che i bombardamenti alleati dell II guerra.

SemprePiùBasito

Dom, 03/01/2021 - 11:06

Caro Gualtieri, il debito pubblico lo ha già fatto esplodere Lei e Conte con tutti i bonus inutili, soldi che avrebbero potuto sostenere un'economia in affanno.Già avete ipotecato il Recovery found per mantenere la promesse sugli acquisti con carta di credito. Ma per cortesia cercate di riuscire a guardarvi allo specchio.

Ritratto di nordest

nordest

Dom, 03/01/2021 - 11:08

Questo poveraccio prima fa i danni poi da la colpa agli altri; ha imparato dal suo amico Conte nascondere sempre anche dopo la chiara evidenza dalla colpevolezza.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 03/01/2021 - 11:35

Caro Gualtieri, finora l'esplosione del debito pubblico l'avete provocata voi, conti alla mano, con l'arroganza dei comunisti e gli incapaci grillini. Ma voi di sinistra siete capaci solo a fare misfatti e dare sempre la colpa agli altri che non c'entrano?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 03/01/2021 - 11:36

@Caro Guakltieri, magari i suoi compagni avessero messo un ver oeconomista la posto di uno storico, forse la situazione sarebbe stata, non dico perfetta, ma almeno migliore.

Ritratto di Flex

Flex

Dom, 03/01/2021 - 11:45

Il debito pubblico lo ha creato solo Renzi?.

Triatec

Dom, 03/01/2021 - 12:00

Fare peggio di Gualtieri mi sembra un'impresa titanica nemmeno Renzi, con tutta la sua incapacità, potrebbe riuscirci.

DRAGONI

Dom, 03/01/2021 - 12:01

GUALTIERI SI E' DIMOSTRATO DI ESSERE UN SALVAGENTE BUCATO!!!

stefano751

Dom, 03/01/2021 - 12:10

Ma come si fa ad insultare e screditare colui che gli ha permesso di stare a quel posto? Se sei contro devi dimetterti.

Ritratto di bet_65

bet_65

Dom, 03/01/2021 - 12:18

Mal comune mezzo gaudio, il debito pubblico lo hanno fatto crescere TUTTI, prima o poi, un pò meno, un pò di più, quindi Gualtieri è meglio che taccia, sicuramente Rdc, Monopattini, e banchi con rotelle, non sarebbero esistiti con Renzi

killkoms

Dom, 03/01/2021 - 12:37

parla proprio lui?

simonemoro

Dom, 03/01/2021 - 12:40

Pensavo che il debito pubblico l'avessero già fatto esplodere Gualtiere e Conte.......Paura èh di andare a casa?!

necken

Dom, 03/01/2021 - 13:09

l'Italia ha necessita di portare a termine i progetti esistenti prima di approvarne dei nuovi perche vanno considerati i limiti della ns PA nell'approvare tempestivamente nuove opere. Siccome i soldi vengono dalla UE mi auguro che la UE monitori tutte le spese pretendendo che vengano redicondate nell'interesse collettivo mentre putroppo i ns partiti cercano di soddisfare le lobby che li sostengono.

lillo44

Dom, 03/01/2021 - 13:15

....il debito pubblico è esploso negli ultimi venti anni ed infatti è "Raddoppiato" dall'entrata della moneta unica e dalla mancanza di un adeguato controllo della politica. Sono anni che si parla di ripresa del nostro Paese e il risultato è che si sono centuplicate le file alla CARITAS, le TASSE alle stelle, la DISOCCUPAZIONE con percentuali mai viste, AZIENDE che chiudono o non si conosce la loro fine (Alitalia-Ilva ecc.)!! Eravamo una potenza mondiale invidiata dal mondo intero e avendo settantasei anni non posso che confermarlo e nello stesso tempo penso ai veri problemi futuri che stiamo lasciando ai nostri figli, nipoti ecc.!! Le chiacchiere non hanno mai risolto i problemi e e sono state sempre molte, mentre il debito pubblico aumentava!!!

Iacobellig

Dom, 03/01/2021 - 13:18

Tu sei inadeguato di scarsa competenza e capacità, vai via è meglio per il paese. Vergognati, grande ignorante!

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 03/01/2021 - 13:38

Non è vero, Gualtieri lo ha gia fatto esplodere e sta mettendo in pericolo anche il Recovery plan!!!

igiulp

Dom, 03/01/2021 - 13:49

Mettetegli in mano un'hawaiana. Chitarra, s'intende.

ItaliaSvegliati

Dom, 03/01/2021 - 14:00

Già a pensarci su....bonus monopattini, bonus bebè, bonus vacanze, bonus cellulari, bonus occhiali, bonus mobili, bonus idrico ecc....ma chi paga? Poi dice al rignanese compagno di governo che indebita il paese....