L'Aquila, così la New Town ha sconfitto il terremoto

Dopo le ultime scosse le villette costruite nel 2009 dal governo Berlusconi non hanno subito danni

nostro inviato a L'Aquila

È nuvolo, ma non fa il freddo pronosticato dai meteorologi. Meglio così. All'Aquila si vive circondati dalle gru che costruiscono la città del futuro antisismico. Si comincia all'alba e, alle 5 di pomeriggio puntuali, se ne vanno via tutti che sembra un coprifuoco. Mercoledì lo sciame sismico si è fatto sentire anche da queste parti. Non c'è pace, ma di crolli qui neanche a parlarne. Nel frattempo, attorno al capoluogo abruzzese gli sfollati del terremoto dell'aprile 2009 continuano a vivere serenamente nei 4500 alloggi che costituiscono la tanto criticata New Town berlusconiana. E magari a pianificare il meritato trasloco in città.

Dei 16 mila originari, qui sono rimasti in 9 mila. Molti hanno cambiato aria. Stanno tutti bene e non capiscono la martellante campagna denigratoria. Del progetto C.A.S.A (costato 860 milioni), hanno scritto di tutto, ma non che permette a gente che ha vissuto l'inferno di dormire sonni tranquilli. Che è poi l'unica cosa che conta. Le prime chiavi vennero consegnate dall'allora Premier Silvio Berlusconi davanti alle telecamere dei tg nazionali il 29 settembre 2009, giorno del suo compleanno. Ovvero a soli 5 mesi dal sisma. Nei frigoriferi torta e spumante. Ora qualcuno dice che queste «casette» cadono a pezzi, che si gela dentro, che c'è poco verde e che sono tristi e periferiche. Per questo il Pd vorrebbe chiuderle col lucchetto.

Diciamo che se il problema esiste, è forse solo a Cese di Preturo, dove un balcone è crollato e i magistrati hanno aperto un'inchiesta per difetti di costruzione. Trentanove indagati dovranno dare qualche spiegazione. Un'inchiesta cavalcata dai nemici del Cavaliere. Ma se a Cese c'è qualche balcone sigillato, nel resto si vive egregiamente. Arischia, Collebrincioni e Sassa distano pochi chilometri da l'Aquila e sono ben servite. A ridosso di Coppito, un paesino delizioso, hanno creato due nuove zone: Coppito 2 e 3. Distano un chilometro dal centro storico che è ben fornito di negozi. Al 2 vive Giulio, impiegato comunale. Non capisce certo disfattismo. «Possibile che sui giornali leggo solo critiche? Questo progetto ha dato tranquillità a me a alla mia famiglia, molti lo hanno dimenticato. Vede qui? Le case sono pulite e solide, che colpa ne ha Berlusconi se a Cese hanno risparmiato sui materiali, sul legno, e se il sindaco dell'Aquila Cialiente non ha rinnovato il contratto di manutenzione? Li chiamano alloggi di fortuna ma, visti da fuori, hanno tutt'altro aspetto. Unico neo, dicono, il condominio. «Abbiamo problemi a pagare le bollette, sono care, scrivetelo...». Anche a Preturo, frazione situata nella conca aquilana, si vive bene. Le case non hanno mai dato problemi e a dieci minuti di camminata (ma c'è pure l'autobus, volendo) c'è la «Galleria delle Arti», un centro commerciale che fa sentire meno isolati. Lo hanno inaugurato tre anni fa ed è diventato un affollato punto d'incontro. E poi ci sono le case di sant'Antonio, quelle con i balconcini in stile tirolese. Dodici eleganti palazzine. Dicono che stanno talmente bene e isolati dal freddo che non gli serve accendere il riscaldamento che per un paio d'ore al giorno. C'è pure tanto verde attorno che sembra di stare in America. È l'area più prestigiosa, tanto che quando si libera un appartamento perché gli inquilini tornano in centro, c'è subito qualcuno delle «nuove città» più periferiche che prende il suo posto.

Che fine faranno queste abitazioni quando tutti potranno tornare in città? Cialente vorrebbe demolirle. Ma a ben guardare sono l'unica certezza nel raggio di venti chilometri. Il comune dell'Aquila ha già investito 4 miliardi nella ricostruzione. «Il centro è stato ricostruito al 50 per cento, ci servono altri anni, ce la faremo», dice l'assessore Pietro Di Stefano. Nel frattempo meglio stare al sicuro.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

linoalo1

Dom, 06/11/2016 - 09:25

Antisismiche??Sarà anche vero,ma fino a che Grado di Sisma???E se,la Natura,dispettosa,si manifestasse con un Sisma di un Paio di Gradi Maggiore,cosa succederebbe???Quindi,in Sintesi,non esiste una Difesa Sicura contro gli Eventi Naturali perché non sappiamo,a priori,la violenza con cui si manifesterenno!!!!Quindi,cosa fare???Esattamente quello che abbiamo sempre fatto!!!Convivere e sperare!!!!

An_simo

Dom, 06/11/2016 - 09:51

ma dai un po' di serietà e rispetto oh voi del giornaletto.... non è mica una partita del milan la questione terremoto.

blackindustry

Dom, 06/11/2016 - 09:54

Miserabili comunisti, speculano sulla vita delle persone terremotate. Berlusconi ha dato case vere in 5 mesi, altri premier solo tendopoli e poi l'oblio. Certo che per terminare il lavoro occorre un grosso sforzo, se avessero lasciato lavorare Berlusconi e Bertolaso gli aquilani sarebbero gia' tutti con una casa, ma hanno preferito votare PD e poi Bertolaso scomodo alla magistratura rossa, indagato. Berlusconi poi ancora indagato per il nulla, pari solo al nulla mentale dei comunisti. Brutta cosa la gelosia...

Linucs

Dom, 06/11/2016 - 10:12

Il Signore ha creato le maiuscole per un motivo: fattene una ragione.

alfa2000

Dom, 06/11/2016 - 10:30

niente eh!!! daje addosso al berlusca, adesso provatece voi comunisti fantastici a farli stare al caldo in 5 mesi, P R O V A T E C I . ma de chè state ancora agli ordini alle coop, in alto adige in 3-5 settimane le installano finite, oggi a mesi dal sisma ancoar non risultano effettuati ordini. e certo si devono prima organizzare le COOP, per fare affrari e farle csotare più care. l'articolo è quì sul giornale saluti

Popi46

Dom, 06/11/2016 - 10:47

@blackindusty-non è gelosia,e' invidia. Popi46

bruco52

Dom, 06/11/2016 - 10:50

E' risaputo che i comunisti non riconoscono mai le cose buone fatte dagli altri, pronti a nascondere le loro malefatte, vivono impostando le loro vite con l'odio per gli altri. Per coloro che non la pensano come loro solo calunnie, campagne di falsità e disinformazione, ma giustificano o coprono le nefandezze loro e dei loro accoliti...che mondezza maleodorante 'sti compagni.....

Ritratto di marystip

marystip

Dom, 06/11/2016 - 11:04

Quegli handicappati e sottosviluppati di compagni non ammetteranno mai che la formula di Berlusconi è quella vincente e dovrebbe essere imitata anche per il recente terremoto. Sono fatti così; dementi e complessati come il sindaco Cialente, luminoso esemplare di imbecillità.

Ritratto di bandog

bandog

Dom, 06/11/2016 - 11:31

Ma comee? Le "famigerate" new town del Berluska resistono impassibili alle scosse e basta una folata di vento a far volar via le tende del bomba e dei suoi compari????

gcf48

Dom, 06/11/2016 - 11:58

visto e considerato che tutta quella zona è infestata dal terremoto sarebbe una cosa logica che le case lasciate siano manutenute e pronte ad accogliere i vari sfollati. credo che sia meglio che vivere in albergo e meno costoso per lo stato. Dico una stupidata?

Giorgio1952

Dom, 06/11/2016 - 12:23

L'altra sera in TV hi visto un servizio in cui si diceva che 120 appartamenti sono stati sgomberati, hanno fatto vedere balconi crollati, finestre penzoloni, etc.etc. altro che un solo balcone crollato e casette tirolesi dove non c'è neppure bisogno di accendere il riscaldamento.

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 06/11/2016 - 13:07

Questo è stato voluto da Berlusconi, ora che ci provino i comunisti, con le loro mafie-edili a costruire e al prossimo terremoto vediamo i risultati e apriamo le galere per chi ha peccato, o approfittato!!!

roberto.morici

Dom, 06/11/2016 - 13:08

Però...volete mettere la tragica caduta del balcone nella New Town, costruita in lunghissimi 5 mesi, contro la "fantastica" promessa di Stenterello di sistemare entro "7 mesi 7" i terremotati del centro Italia?

Cheyenne

Dom, 06/11/2016 - 13:08

ai sinistri puoi dare il colosseo, ma diranno che è una schifezza se lo offre berlusconi. Che pena

Ritratto di salvo38

salvo38

Dom, 06/11/2016 - 13:27

caro linoalo,, e certo che le persone come te avranno sempre da criticare non vi va bene niente,, siete elementi della peggiore spece umana.

Ritratto di niki 75

niki 75

Dom, 06/11/2016 - 14:32

I comunisti sono stati e saranno sempre cosi. Distruggono ogni cosa che toccano (vedi da ultimo i Monte dei Paschi di Siena), ma odiano tutti coloro che non la pensano come loro e tutto ciò che questi realizzano. Vedrebbero volentieri e con gioia il crollo delle case costruite per il terremoto dell'Aquila solo perché loro non sarebbero mai capaci di fare altrettanto.

lupo1963

Dom, 06/11/2016 - 15:33

Detto da un elettore di ESTREMA destra,con poca o nessuna simpatia per Berusconi : Di fronte alla schifosa campagna denigratoria , con le consuete prese in giro dei comici col cuore a sinistra ed il portafoglio in Svizzera , le inchieste dei giornali e dei programmi "progressisti" , piu' l'immancabile filmino della guzzanti carico di livore ed odio fatti passare per satira , Berlusconi ha il merito enorme di avere fatto quello che NESSUN politico e' mai stato in grado di fare di fronte ad un terremoto:Fare un piano in brevissimo tempo un piano di costruzione di alloggi,portarlo avanti rispettando i tempi.Ed in pochi mesi dare ai terremotati di una cittadina piuttosto grande abitazioni VERE . Il resto sono chiacchere ,ed in una tenda in mezzo al fango ci vorrei vedere la guzzanti.A vita.E cosi' renderla felice.

il_viaggiatore

Dom, 06/11/2016 - 16:01

@linoalo1 Sei della peggiore specie di italiota disfattista. Quindi siccome una cosa può sempre andare peggio, perché mettere la cintura di sicurezza in auto? Perché avere l'airbag? Tanto se l'auto resiste a 50 km/h mica nessuno ti garantisce che tu non urti a 100 km/h. Perché indossare il casco in moto? Puoi sempre sbattere più forte! E già che ci siamo, perché non andare a camminare sul ciglio di un burrone? Sai mai che non succede niente...

cgf

Dom, 06/11/2016 - 16:14

da quelle case molti non vorranno più venir via dopo le ultime scosse e se poi hanno 'riempito' le baracche del Belice con altre persone dopo che gli sfollati sono tornati alle loro case...

cgf

Dom, 06/11/2016 - 16:16

vorranno buttarle giù perché, per mentalità, piuttosto che far contenta la moglie se lo tagliano?

Mr Blonde

Dom, 06/11/2016 - 18:00

Oh imbecilli il terremoto e' a 80 km...

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 06/11/2016 - 23:17

@cgf: il problema è che loro vogliono convincerti che quella mossa è la migliore che si possa fare. Ossequi.