L'auspicio del Colle: "Basta litigare"

Mattarella prepara il suo discorso di fine anno: più coesione

Roma - Venti minuti, non di più. E due «direttrici» precise, due «idee forti» da trasmettere ai cittadini e sulle quali incardinare il discorso di domani sera a reti unificate. La prima è la «coesione», un concetto che sta molto a cuore al capo dello Stato e che, non per caso, è stato ampiamente usato sabato pure da Giuseppe Conte durante la conferenza stampa di fine anno. Coesione, in soldoni, per il Quirinale significa questo: sarebbe bene che la coalizione giallorossa smettesse di litigare e pensasse a governare, perché i problemi del Paese non aspettano i tempi e i rituali della politica. Ma vuol dire anche che maggioranza e opposizione devono finirla con le risse e gli insulti e provare a «fare squadra». La gente non ne può più dei toni alti, infatti si è allontanata dai partiti.

La seconda «idea forte» di Sergio Mattarella e l'«identità italiana». Guai, ovviamente, a confonderla con il nazionalismo: il presidente è convinto che soltanto in Europa (sia pur bisognosa di riforme) c'è futuro per noi. E non si tratta, spiegano dal Colle, di un semplice rilancio del patriottismo. L'identità di cui il capo dello Stato parlerà riguarda il modo di stare insieme e il «riconoscersi come popolo». Farà degli esempi concreti, non si rifugerà nel politichese, userà un linguaggio adatto alle famiglie che a quell'ora saranno sul punto di azzannare il capitone e il cotechino. Ma il principio è chiaro: anche nei momenti difficili, noi italiani sappiamo reagire alle avversità perché riusciamo sempre a trovare i motivi e la forza di essere «una comunità».

Questo vale sempre e a maggior ragione vale oggi, in un Paese in difficoltà economiche, senza lavoro e con una generazione di giovani costretti a partire. Tempi bui, chissà ancora per quanto, eppure secondo il presidente come al solito ce la faremo. Ci salverà appunto lo spirito nazionale, che è qualcosa di più del tradizionale stallone italico: è la capacità di fare sistema per vincere insieme le sfide che ci aspettano nel 2020.

Certo, tocca darsi da fare. Ognuno deve impegnarsi e svolgere al meglio il suo ruolo, cittadini e potere. Ma in questo periodo a Mattarella della politica importa fino a in certo punto, nel senso che, o l'esecutivo si stabilizza e governa, o prima o poi si tornerà al voto. No, quello che preme al capo dello Stato è la sorte di un Paese con le fabbriche che chiudono, le infrastrutture strategiche a pezzi o in liquidazione, i ragazzi laureati con la valigia pronta. Una nazione che rischia di perdere il treno del futuro e della tecnologia. «Il domani è già arrivato e sta cambiando le nostre vite», ha detto un paio di settimane fa durante gli auguri di Natale con le alte cariche della Repubblica. Il futuro è qua, bussa alla porta e la politica invece di programmare e gestire i cambiamenti perde tempo, litigando, «preoccupandosi del contingente», coltivando il proprio orticello elettorale.

Occorre quindi un cambio di passo, a partire dai cittadini: coesione e riscoperta dell'identità ci porteranno forse fuori dalle secche.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Lun, 30/12/2019 - 08:45

Originale, chi l'avrebbe mai pensato!!!!

Asterix il Gallo

Lun, 30/12/2019 - 08:50

Caro Presidente, a capodanno vogliamo sentirti dire solo ADESSO BASTA

evuggio

Lun, 30/12/2019 - 09:23

Buogiorno Signor Presidente! oggi è lunedì 30 dicembre 2019; notizia di rilievo: almeno il 50% degli italiani (in realtà molti di più) sono preoccupatissimi per il loro futuro, quello dei loro figli e nipoti e quello del Paese. In sintesi sono nauseati della situazione!

ClaudioB

Lun, 30/12/2019 - 09:37

Ridateci Cossiga!!

fifaus

Lun, 30/12/2019 - 09:57

Adesso basta: andiamo a votare!

marinaio

Lun, 30/12/2019 - 10:03

Il solito discorso di fine anno, fatto di mille parole per dire inutili banalità.

Ritratto di massacrato

massacrato

Lun, 30/12/2019 - 10:03

Non posso dire ciò che penso; ma credo che, OLTRE AD ESSERCI TROPPE INTERFERENZE, se avessimo potuto votare, tante cose si sarebbero chiarite e non sarebbero state esca per litigi.

giovanni235

Lun, 30/12/2019 - 10:03

Mattarella,sveglia,sveglia,sveglia,sveglia,sveglia….. cosa dobbiamo suonare per svegliare questo presidente??? Possibile che non si accorga che il Paese sta andando in malora e che lui ormai sta per rappresentare solo se stesso e nient'altro??? Siamo in mano a delinquenti e non dice niente?? Ciò fa venire brutti pensieri di collusione tra presidente e malfattori!!!!!

baio57

Lun, 30/12/2019 - 10:05

Dalle 20.30 alle 21.30 del 31 dicembre, a casa mia vige il divieto assoluto di accendere la Tv .

giovanni235

Lun, 30/12/2019 - 10:07

Forse c'è un modo per svegliarlo:al suo discorso inutile e scontato ascolto zero,come sto facendo da 5 anni.Divertitevi guardando i cartoni animati per evitare crampi allo stomaco!!!

giovanni951

Lun, 30/12/2019 - 10:08

basta litigare? ma se non hanno mai smesso? e lo sapeva vero presidente? perché ha autorizzato questo governo? non era meglio consentire di andare a votare? perché non lo ha consentito?

FrancoM

Lun, 30/12/2019 - 10:11

Il vero messagio è guardate che non posso sputtanarmi più che tanto!!! Ma non è possibile, si rassegni PdR, questa volta le è andata male.

baldob

Lun, 30/12/2019 - 10:12

Sono piuttosto stupito dall'anticipazione del discorso di Mattarella.Dopo la caduta del governo lega/5stelle (osceno, va detto, e non sarebbe nato senza Salvini) Mattarella ha accettato che si "costruisse" una maggioranza, ancora una volta, puramente numerica e non politica, tra soggetti altrettanto se non più distanti. Bene, anche se bene non è ma, per cortesia, il presidente farebbe bene a non lamentarsi delle conseguenze. Tanto più che, grazie a quella reiterata condiscendenza verso un secondo ircocervo che sta dando i suoi frutti marci, ora il paese è persino governato da chi è di tanto minoranza nel paese ed evita a tutti i costi (per noi) libere elezioni, come il presidente sa benissimo. Insomma, non mi pare che Mattarella abbia di che lamentarsi. Guardi piuttosto alle conseguenze del suo operato e, visto che sino a prova contraria il presidente nella costituzione dei governi deve guardare anche la concordanza politica, si chieda invece se davvero è stato intelligente.

leopard73

Lun, 30/12/2019 - 10:27

Perché non dice mea culpa ss siamo in questa situazione!!!!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 30/12/2019 - 10:30

Non ho mai ascoltato, di proposito, gli sproloqui retorici di fine anno e non credo proprio che interromperò questa mia inveterata abitudine. Gli anestetici è meglio lasciarli alla sala operatoria.

steacanessa

Lun, 30/12/2019 - 10:32

Ci mandi alle elezioni e vedrà che i nuovi agiranno anziché litigare. Grazie a lui abbiamo il governo peggiore dei peggiori mai avuti. Che si svegli dal torpore indotto dalle aurate volte e ci faccia esercitare il nostro DIRITTO al voto.

Ritratto di Antimo56

Antimo56

Lun, 30/12/2019 - 10:34

Ha parlato l'uomo del colle

acam

Lun, 30/12/2019 - 10:34

baldob Lun, 30/12/2019 - 10:12 carissimo lei la consecutio rispetto alla cronaca, non ancora una volta ma quella volta. sarebbe bello poter pensare che sergio abbia voluto dimostrare chi sono i 5S, la pagliacciata del jolly/grillo é durata poco e ha fatto non pena ma schifo, ci rifletta su

01Claude45

Lun, 30/12/2019 - 10:46

Presidente, nel suo discorso gli ITALIANI non vogliono "sonnifero" ma una "carica sul loro, oggi, incerto futuro". Gli ITALIANI vogliono "BASTA CLANDESTINI ED ELEZIONI SUBITO.

roliboni258

Lun, 30/12/2019 - 10:51

non e' il mio presidente

paolone67

Lun, 30/12/2019 - 10:57

Te la diamo noi un'"idea forte", Sergio. FACCI VOTARE!!!!!

Ritratto di Zizzigo

Zizzigo

Lun, 30/12/2019 - 11:13

Il signor Mattarella non ascolta la gente normale, perché il signor Mattarella può aspettare, mentre la gente normale ha delle scadenze scritte e precise... e muore. Con il distacco dalla realtà va tutto in vacca... quali favole vuole raccontarci ancora? le conosciamo già tutte!

Ritratto di massacrato

massacrato

Lun, 30/12/2019 - 11:13

Mi associo ad altri e dichiaro con estrema obbligata gentilezza che: piuttosto di DOVER accendere la TV nel dopocena di fine anno, la farei a pezzetti con la motosega.

florio

Lun, 30/12/2019 - 11:18

Un Presidente di sinistra, potrà mai fare un discorso serio che rispecchi lo stato attuale di un governo scocciato (inteso attaccato con lo scotch). Assolutamente no, per cui scordiamoci di ascoltare quello che gli italiani vorrebbero sentire: Si vada al voto. Non accadrà, solo lamenti e mielate parole di coesione, basta litigi, e belinate varie. Personalmente faccio come ho sempre fatto, non ascolto la predica inutile di un presidente anestetizzato.

Ritratto di dlux

dlux

Lun, 30/12/2019 - 11:25

Signor Presidente...ehm, lasciamo stare! Signor Mattarella, quando Lei incautamente, inopinatamente, improvvidamente affidò l'incarico di governo a questa masnada di incompetenti, che si erano accusati l'un l'altro di essere il male assoluto fino a mezz'ora prima, pensava forse che le cose si sarebbero sistemate? Non è stato il suo un volgare tentativo di depredare il popolo di un suo sacrosanto diritto (che avrebbe portato Salvini a vincere le elezioni)? Non è stato, visto sotto l'aspetto della democrazia in senso stretto, un atto sovversivo solo per obbedire a logiche di parte? Quando la mattina si guarda allo specchio non sente la coscienza che le rimorde? Passerà alla storia come uno dei peggiori presidenti che l'Italia ricordi...la lista si allunga.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 30/12/2019 - 11:37

Doveva dirlo quando c'era in carica il governo precedente, con gli insulti e la carica d'odio dell'opposizione sinistra. Ora pare un aiutino agli amici degli amici. Forse è meglio accontentare il vero padrone della nazione: il popolo italiano, facendolo votare.

ARNJ

Lun, 30/12/2019 - 11:42

Caro Presidsenre, se occorre un cambio di passo ad iniziare dai cittadini allora faccia una bella cosa : ci mandi a votare,.....così la volontà dei cittadini viene rispettata.

istituto

Lun, 30/12/2019 - 11:54

Resta tutto da dimostrare ( è IMPOSSIBILE) che possa parlare di IDENTITÀ ITALIANA dal momento che LA SI VUOLE DISTRUGGERE IMPORTANDO LEGALMENTE OGNI ANNO CENTINAIA DI MIGLIAIA DI CLANDESTINI ISLAMICI ED AFRICANI. A chiacchiere esiste una identità italiana. C'è un progetto sotto gli occhi di tutti per eliminarla per sempre. Inoltre vedrete che nei suddetti 20 minuti ( che non vedrò, come sempre) parlerà di immigrazione come ricchezza per il Paese. Il 26 gennaio italiani di Emilia e Romagna e Calabria mandate a casa la Sinistra abusiva che sgoverna il Paese. Grazie.

istituto

Lun, 30/12/2019 - 11:57

P.S. vuole la coesione del Paese perché questo Governo ( abusivo) continui a governare. È EVIDENTE.

maurizio50

Lun, 30/12/2019 - 12:10

D'accordo con Asterix. Vorremmo sentire solo una frase:" Adesso basta! Da domani torniamo ad essere una Nazione Civile". Temo però che l'interessato farà . come sempre, l'abituale pistolotto moralistico, nascondendo la testa sotto la sabbia!!!

DRAGONI

Lun, 30/12/2019 - 12:13

MI SEMBRA CHE VIVA IN UN ALTRO MONDO.

Ritratto di bimbo

bimbo

Lun, 30/12/2019 - 12:20

Se si provasse per un anno a non far nessun augurio, magari è la volta che migliora tutto.

Ritratto di apasque

apasque

Lun, 30/12/2019 - 12:54

Per me la figura di Mattarella come Presidente della Repubblica, non dice assolutamente nulla. Peraltro la carica si presta a partigianerie assurde. Perciò non seguo mai gli insulsi e mielosi discorsi di fine anno.

Ritratto di apasque

apasque

Lun, 30/12/2019 - 13:08

Non conosco da quale pianeta arrivi Mattarella, non mi dice mai niente....

Tara

Lun, 30/12/2019 - 13:36

Neppure a casa mia si accende la televisione la sera dell'ultimo dell'anno. Anzi si evitano anche i tg dei giorni successivi.

filder

Lun, 30/12/2019 - 18:59

Signor Presidente! Con tutto rispetto ma a mio modesto parere è stato in parte Lei a volere questa armata Brancaleone e da persona colta con una eccezionale esperienza doveva sapere che le pere con le mele non si mischiano, se poi Lei predica unità e vogliamoci bene il conto non mi torna, mi dispiace e non condivido la sua predica di buonismo, Buon Anno a tutti chi la pensano come me.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mar, 31/12/2019 - 08:55

Discorso tedioso e demagogico, nulla di nuovo se non ritocchi qua e là rispetto ai discorsi di fine anno passati. Caro presidente Mattarella la dritta gliela stanno dando oltre il 50 % della popolazione che non è d'accordo con lei e che vorrebbe andare a votare e lei cocciutissimo si ostina a non ottemperare. Le ricordo che lei coi suoi silenzi assordanti è il principale sostenitore di questo governo orribile... Buon anno a lei che vive di speranza.

morello

Mer, 01/01/2020 - 12:13

Il solito compitino di fine anno con i soliti inviti retorici e richiami al buon comportamento... Tanto per ricordare agli Italiani che il Presidente c'è ,esiste....E naturalmente al discorso seguiranno gli " Evviva il Presidente" di tutti i politici "scolaretti" ..E poi ...la trasmissione a reti unificate con 6 canali In CONTEMPORANEA , .. ma che senso ha? Cos'è un obbligo ascoltare il Presidente ? la RAI che noi paghiamo vuol toglierci la libertà di cambiare canale? Roba da repubblica delle banane . Per fortuna su Italia 1 c'erano " The Blues Brothers " Vuoi mettere i Blues " In Missione per Conto di Dio" con il messaggio di un messaggero di se stesso ,per giunta Impotente come tutti i messaggeri ?