Lega, proposta choc di Boso: "Spariamo ai clandestini, fuciliamo chi li fa entrare"

L'ex senatore leghista: "Da questa invasione ci guadagnano le grandi aziende che vendono i loro prodotti agli immigrati. Bisogna sparare appena passano il confine"

Lega, proposta choc di Boso: "Spariamo ai clandestini, fuciliamo chi li fa entrare"

Che fucili e forconi facessero parte dell'arsenale lessical-ideologico leghista lo sapevamo da tempo. Eppure la proposta di Enzo Erminio Boso - non nuovo a sparate provocatorie - ha lasciato e lascia sgomenti: "Sparare ai clandestini appena varcano il confine".

Lo riporta oggi il Trentino, che riferisce le parole dell'ex senatore del Carroccio, pronunciate davanti alla sede della comunità di Valle. Non solo bisognerebbe sparare ai clandestini, incalza Boso: anche "gli ufficiali che non difendessero i nostri confini andrebbero fucilati." Secondo il leghista a guadagnare dal business dell'immigrazione sono "Quelli della Telecom, della Tim, delle Marlboro, delle scarpe da ginnastica di marca. Questi ragazzoni di 25 anni sono dei disperati che affollano le periferie delle metropoli africane e che hanno colto l'opportunità di emigrare in Europa seguendo il miraggio del benessere".

Più sfumata la posizione dei colleghi di partito, che si limitano a condannare questo modo "scriteriato" di gestire l'accoglienza e a proporre di fermare "l'invasione" non con i fucili ma con i "metodi della democrazia".

Boso, a onor del vero, si era già reso autore di dichiarazioni controverse: nel 2013 aveva già affermato di "essere contento quando un barcone di immigrati affonda".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti