Stadi, cinema e discoteche: cosa ha deciso il governo

Il governo amplia la forbice del Cts e dispone la capienza massima del 50% per la riapertura delle discoteche al chiuso e al 75% all'aperto

Stadi, cinema e discoteche: cosa ha deciso il governo

Dopo la pronuncia del Comitato tecnico scientifico, il Consiglio dei ministri si è riunito per decidere le prossime riaperture. Quasi tutte le attività sono ripartite da alcuni mesi e tra le poche a non aver ancora sollevato le saracinesche, da 18 mesi a questa parte, ci sono le discoteche. Quello dei locali notturni sta subendo più di altri le conseguenze delle chiusure e il suggerimento del Cts di consentire le riaperture solo al 35% per i locali al chiuso e al 50% per quelli all'aperto ha fatto molto discutere. Tanti gestori, tra i quali Flavio Briatore, hanno definito ingiusta questa misura e sono numerosi quelli che, davanti a questa prospettiva, hanno detto che non avrebbero comunque riaperto.

Il Consiglio dei ministri, contrariamente a quanto suggerito dal Cts, ha deciso che non ci sarà più nessun limite per i luoghi di cultura, come cinema, sale da concerto e teatri, e che, soprattutto, le discoteche potranno riaprire con una quota di riempimento del 50% al chiuso e del 75% all'aperto. Nel settore degli spettacoli la capienza sarà al 100% sia al chiuso sia all'aperto. Per gli eventi sportivi sarà possibile riempire gli impianti al 60% al chiuso e al 75% all'aperto. Le nuove norme entreranno in vigore dal prossimo 11 ottobre e saranno valide solo nelle regioni in zona bianca. L'ingresso in tutti i luoghi sarà consentito solo previa esibizione del Green pass.

Già prima che il Consiglio dei ministri si riunisse, l'orientamento del governo sembrava essere diverso rispetto a quello dei tecnici. Indiscrezioni che filtravano da Palazzo Chigi informavano di un allentamento delle maglie sulla capienza delle discoteche e dei luoghi della cultura. La richiesta era arrivata dalla maggioranza e il premier Draghi è sembrato fin da subito propenso al suo accoglimento.

"Il provvedimento del Governo sulle capienze è una boccata d'ossigeno per l'intero Paese e per tante attività economiche. Il Green pass funziona, il numero dei vaccinati aumenta, e di conseguenza in queste ultime settimane i dati dei contagi, delle ospedalizzazioni e dei decessi sono sensibilmente calati", ha detto in una nota Mariastella Gelmini al termine del Consiglio dei ministri, che ha approvato il decreto all'unanimità. "Forza Italia, insieme alla delegazione del centrodestra al governo, ha fortemente voluto questo allargamento delle maglie, che non è un liberi tutti ma che ci consente di dar fiato a tante realtà economiche sinora fortemente penalizzate dalla pandemia. Rivendichiamo, dunque, questo successo. Siamo estremamente soddisfatti per i traguardi raggiunti, per il metodo con il quale sono stati approvati, per il coinvolgimento, mai mancato con questo esecutivo, delle Regioni e degli enti locali. Avanti così", ha concluso il ministro Azzurro.

Commenti