L'ira dei 5s milanesi per la liaison tra Sala e Grillo

I grillini stoppano una convergenza per il bis del sindaco. Acque agitate pure nel Pd

La rimpatriata in spiaggia tra Beppe Sala e Beppe Grillo ha guastato le ferie a grillini e dem. «Pronto per la notte di San Lorenzo» aveva scritto la sera del 10 agosto il sindaco di Milano su Instagram sotto la foto di un tramonto in riva al mare. Era già a Marina di Bibbona, dove ha trascorso la notte ospite del fondatore del Movimento 5 Stelle e signora a «Villa Corallina», nel livornese, e il giorno dopo i due Beppe sono stati avvistati sulle sdraio della spiaggia pubblica, chiacchierata fitta prima di raggiungere le compagne in casa per il pranzo. Difficile - anzi impossibile - che non abbiano parlato di politica come ha provato a sostenere Sala con chi lo ha sentito. E la liason sempre più stretta tra il sindaco del centrosinistra (senza tessera) e il comico, quasi alla vigilia del voto sulla piattaforma Rousseau che potrebbe benedire gli accordi Pd-M5s alle prossime amministrative, assume un peso particolare. Sala non ha ancora sciolto le riserve sul bis e la sua popolarità è in calo dopo una serie di uscite maldestre in piena emergenza Covid. Un patto col Movimento al primo turno (o la garanzia di un avversario debole, non certo con la popolarità e il seguito del sottosegretario Stefano Buffagni) potrebbe essere la spinta a tentare la ricandidatura nel 2021. Ma a livello locale la sintonia tra i Beppe ha suscitato forti malumori. Boccia un'ipotesi di accordo sotto la Madonnina il capogruppo M5s Gianluca Corrado che nel 2016 scese in campo contro Sala: «Non sarebbe la cosa giusta. Siamo una democrazia diretta, se chi ha la responsabilità di decidere riterrà diversamente, l'ultima parola dovranno comunque averla gli iscritti con Rousseau». Ma il Movimento secondo Corrado «dovrebbe dare la propria visione di Milano, non è giusto ipotizzare alleanze con chi abbiamo contrastato fino a ieri. E non sarebbe utile né a noi né al Pd andare uniti al primo turno. Sala deve provare a vincere con le proprie forze». I grillini in aula a Palazzo Marino sono due e sulla stessa onda: «Concordo e sono i territori a decidere, qualora ci fosse questa proposta passerà sicuramente dalla piattaforma» frena anche la consigliera Patrizia Bedori. Stesso entusiasmo in casa Pd. Il capogruppo milanese Filippo Barberis ricambia la cortesia: «A Milano la coalizione uscente, allargata a forze come Italia Viva, Azione e Più Europa, deve avere e ha la forza di presentarsi autonoma agli elettori rivendicando con coerenza quanto fatto e rilanciando sui prossimi 5 anni. Con M5s abbiamo sempre dialogato ma non ci sono le condizioni per un'alleanza organica». Dietro le quinte c'è chi ammette che si potrebbe andare divisi al primo turno, concentrando l'artiglieria pesante sul candidato di Lega-Fi-Fdi e scongiurando un exploit del centrodestra, e firmare il patto al ballottaggio garantendo posti in giunta a esponenti M5S. Lo stesso giochino del 2016 con i Radicali, anche se in quel caso basto l'1% dei voti per portare a casa un assessorato. Altri scommettono che Sala rinuncerà al secondo mandato e l'amicizia con Grillo potrebbe garantirgli una exit strategy nazionale. «Sala va a baciare la pantofola a Grillo in cerca di sostegni per la sua ricandidatura milanese o per un nuovo ruolo romano - domanda provocatoriamente l'eurodeputato Fdi Carlo Fidanza -? Quel che è certo è che da quei due non potrà nascere nulla di buono per Milano». Ieri Sala ha fatto tappa a Firenze. «Grazie per la visita e per la bella chiacchierata! Le nostre città risorgeranno insieme e presto», il commento del sindaco riformista del Pd Dario Nardella.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 13/08/2020 - 10:19

questo si che è un vero e proprio INCIUCIO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di jonny$xx

jonny$xx

Gio, 13/08/2020 - 10:39

IRA MA QUALE IRA, BASTEREBBE NON VOTARLI, ORAMAI SI RENDANO CONTO GLI ELETTORI DEL M5***** CHE SONO SOLAMENTE LO SCENDILETTO DEL P.D.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 13/08/2020 - 10:51

A Milano la gente di Grillo è contraria ad accordi tra M5S e il Sindaco Sala, che si sono incontrati, ma ignoriamo il perché. Sta di fatto che gli M5S non possono sperare di vincere a Milano (e neppure a Roma). La situazione politica è cambiata, soprattutto nel centro destra, finalmente unito.

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 13/08/2020 - 11:02

Mai col PD. Mai più voti ad entrambi. Perché due komunisti is pejo che one.

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Gio, 13/08/2020 - 11:16

E quale e' il problema? Basta non votarlo... Oppure i rimanenti elettori M5S moriranno PD e pro-Sala per ordine del guru maximo?

filder

Gio, 13/08/2020 - 11:25

E' cominciato il mercato delle vacche e Sala cerca alleanze per una sua probabile ricandidatura, una bella coppia di spasimanti all'Italiana

Jon

Gio, 13/08/2020 - 11:31

Pappa e ciccia alla Marina di Bibbiano eh..!! Non si sa chi sia il peggiore dei due..!!

Calmapiatta

Gio, 13/08/2020 - 11:42

Grillo è ormai perso nei suoi stestti contorti "piani" politici. Mi sembra evidente che lo scopo sia quello di NON mollare, a nessun costo, la presa sulla poltrona. PEr far ciò, tutto è accettabile, anche rinnegare se stesso e rimangiarsi tutto quello che è andato predicando per 10 anni. Politicamente è un comico di successo.

ulio1974

Gio, 13/08/2020 - 12:18

a parte tutto, mi viene solo da dire "Che vacanze tristi", ma personaggi così non meritano altro.

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Gio, 13/08/2020 - 13:38

Chi se ne importa. Il PSI ha annunciato di presentarsi con una sua lista tutta sua.

agosvac

Gio, 13/08/2020 - 14:26

Grillo ha fondato il suo movimento sulla lotta ai poteri forti che, in quel periodo erano rappresentati dal PD. "mai col PD" è stato il suo cavallo di battaglia. Ora a chi ha votato su questo programma vuole appioppare un'alleanza col PD che disorienta totalmente chi lo ha seguito finora. Ovvio che la lotta è decisiva: o spariscono i 5 stelle o deve assolutamente sparire Grillo. Comunque sono problemi di chi lo ha votato, certamente non miei.

Capricorno29

Gio, 13/08/2020 - 15:00

Ma cosa s8 arrabbiano due partiti senza coerenza e dignità possono benissimo stare insieme sono uno peggio del.altro .....altro che novità ...pagliacci senza vergogna

Capricorno29

Gio, 13/08/2020 - 15:02

Di cosa si lamentano sono due partiti senza coerenza dignità e vergogna stanno benissimo insieme....

lawless

Gio, 13/08/2020 - 15:47

sala d'aspetto con comico!Cosa non si fa per la poltrona....

Gianca59

Gio, 13/08/2020 - 17:05

Sala si è fatto l' ultima bevuta di cervello: spero che i milanesi non lo votino .