L'Isis seleziona la razza: bambini down soppressi

L'eugenetica in nome dell'islam ultima tappa dell'escalation dell'orrore: già uccisi brutalmente decine di piccoli

L' orrore dell'Isis si nutre di efferatezze che superano la più aberrante tra le fantasie. Questa volta nel mirino dei tagliagole del Califfato di Al Baghdadi sono finiti i bambini. I jihadisti hanno infatti redatto una fatwa che autorizza i miliziani a uccidere sui territori amministrati i fanciulli down o nati con malformazioni fisiche e psichiche. La segnalazione arriva dal blog iracheno di informazione Mosul Eye, lo stesso che esattamente cinque anni fa aveva raccolto la denuncia di una squadra di pallone composta da ragazzi di religione cattolica costretti a ritirarsi dal campionato per ripetute minacce di morte di matrice qaidista. Questa volta lo scenario è ben più inquietante e ricorda l'eutanasia nazista dei bambini disabili e l'atroce «selezione» degli spartani che abbandonavano sulle pendici del monte Taigeto i neonati venuti al mondo deformi, e quindi destinati a soccombere alle intemperie e alle fiere. Secondo Mosul Eye i miliziani avrebbero già trucidato con iniezioni letali o per soffocamento almeno una quarantina di bambini di età compresa tra una settimana e tre mesi e nati con qualche handicap. Le uccisioni sono avvenute in Siria e a Mosul, la roccaforte dell'Isis in territorio iracheno, e i bambini sarebbero per lo più piccoli nati dalle unioni di foreign fighter con irachene, siriane e altre asiatiche. La fatwa è stata emessa da un giudice del tribunale della sharia, il saudita Abu Said Al Jazrawi, fratello di Abi Ammar Al Jazrawi, governatore di Al Baghdadi nella provincia siriana di Hama ucciso lo scorso marzo nel corso di un raid aereo americano. L'uomo, che dice di essere ispirato nelle sue intenzioni direttamente da Allah, sostiene che «la selezione è fondamentale per preservare bambini sani e robusti che possano affrontare la guerra santa senza alcuna debolezza. Gli altri che non saranno all'altezza della situazione verranno ugualmente accolti nella grazia divina, pur essendo un peso per la società».Le deliranti affermazioni di Al Jazrawi trovano drammatica conferma nel racconto di chi ha denunciato la vile pratica. «Purtroppo abbiamo prove e documentazioni sul nuovo massacro dell'Isis - spiega Omar Al Iraqi, blogger di Mosul Eye - come se non fosse abbastanza per l'Isis uccidere uomini, donne e anziani, adesso sopprimono anche i bambini più deboli per creare macchine da guerra». Bambini martirizzati dall'eugenetica come dai bombardamenti: sono infatti una decina, tra i 45 civili siriani, ad aver perso la vita nelle ultime ore nei pressi di Damasco in lanci di razzi da parte delle forze del regime contro scuole e rifugi per sfollati. Lo riferisce l'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria.La notizia della fatwa è apparsa anche sulla pagina facebook di Mosul Eye assieme all'hashtag «I Am Disabled The Caliph Will Kill Me», corredato anche da un video di bambini disabili delle zone controllate dal Califfato. Sul social i commenti degli utenti si dividono tra quelli che manifestano tutta la loro indignazione e altri che sperano che non esista alcuna prova. Sulla vicenda è intervenuta anche il ministro iracheno per la Famiglia Adila Mahmoud Hussein che ha espresso la propria «preoccupazione», confermando di avere «documentazioni terribili sul fenomeno» e definendo l'Isis «un cancro che va estirpato nel più breve tempo possibile».

Commenti