La doppia faccia di quelli che volevano la testa di Gheddafi

L'Italia torna in guerra: così rimediamo all'errore di Napolitano che quattro anni fa ci costrinse ad attaccare Gheddafi

Conviene ricordare che nel 2011, quattro anni orsono (non 100), mezzo mondo dichiarò guerra alla Libia, dando la stura alle violenze tuttora in corso in quel Paese. Il primo a menare le mani fu Nicolas Sarkozy per motivi inconfessati ma palesi: la Francia era golosa del petrolio che Gheddafi vendeva a buon prezzo all'Eni. Il dittatore aveva ottimi rapporti con l'Italia ed era addirittura amico di Silvio Berlusconi. I due si scambiavano favori e inviti pacchiani, il che favoriva la nostra economia, ma infastidiva gli antiberlusconiani. I quali, con la manifesta complicità dei soliti media, si scagliavano contro il governo di centrodestra un giorno sì e l'altro pure, sostenendo che il premier e il despota erano simili, affetti dagli stessi vizi, entrambi inaffidabili e privi di senso della democrazia. Opinioni. Discutibili, ma legittime.

Quando il capo di Stato francese fece decollare una flotta aerea con l'ordine di bombardare la Libia, avviando un conflitto sciagurato, la cosiddetta comunità internazionale si mobilitò a propria volta per abbattere il regime del rais, sollecitando l'Italia a fare altrettanto.

Il Cavaliere nicchiava. Era imbarazzato. Considerava inopportuno pugnalare alla schiena l'amico aggredito. Al contrario, Giorgio Napolitano, il Pd e l'opposizione brigarono affinché scendessimo in guerra con gli alleati. Ebbero partita vinta anche perché Stati Uniti e Inghilterra praticamente obbligarono Berlusconi a cambiare linea.

In quel periodo di tensione, l'Occidente predicava la necessità di agevolare la primavera araba che, secondo la vulgata progressista, avrebbe garantito un futuro radioso ai popoli ancora sotto il tallone di despoti sanguinari. Storie. Si è poi constatato com'è andata a finire. All'epoca fummo tra i pochi a gridare che la cacciata del colonnello sarebbe stata una soluzione catastrofica: in effetti chi pretendeva di sostituirlo si è rivelato peggiore di lui. Nessuno ci prese sul serio. Napolitano e la sinistra non sentirono ragione, agirono di testa loro e aprirono la strada alle bande di estremisti che hanno ridotto la Libia a una macelleria, il luogo più idoneo alle prodezze dell'Isis.

E adesso? Siamo nell'angolo, timorosi di essere attaccati, dato che ci troviamo a un tiro di schioppo dalla zona infestata dagli uomini del califfato. Il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, ha affermato di essere pronto a combattere. Come? Inviando 5.000 soldati nella nostra ex colonia. Il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, è scattata sull'attenti e ha detto: obbedisco. Ci stiamo infilando per disperazione in un tunnel di guai da cui non immaginiamo come usciremo, se ne usciremo. Il tutto causato da un vecchio signore comunista che, in odio a Gheddafi e a Berlusconi, si inginocchiò ai potenti della terra, senza nemmeno avvertirli che premendo il grilletto saremmo andati incontro allo sfacelo.

Sarkozy, dopo aver giocato ai soldatini, non conta più niente; e di petrolio ne ha succhiato poco. Obama è sul punto di fare le valigie. Gli inglesi tacciono. Federica Mogherini, responsabile esteri della Ue, che sembrava un fenomeno, non parla e forse è un bene. Quanto all'Europa, se c'è batta un colpo. Ma non c'illudiamo che possa muovere un dito perché è notoriamente paralizzata nella propria nullità; rimane indifferente all'immigrazione che ci affligge, lasciandoci da soli a (non) controllarla; e se ne impipa della Grecia in coma, figuriamoci se si preoccupa dei missili di Maometto che minacciano la penisola. Noi ci affidiamo a Gentiloni e alla Pinotti, i gendarmi di Matteo Renzi. Se non rischiassimo la pelle, ci verrebbe da ridere.

 

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di centocinque

centocinque

Lun, 16/02/2015 - 12:13

Un po' di comprnsione per tovarich Giorgio, è dalla repressione di Ungheria ad opera dei "gloriosi soldati sovieitci" che non ha più potuto menare le mani.

pupism

Lun, 16/02/2015 - 15:46

Ma se Gianni e Pinotto con i loro generali e ammiragli non riescono a far tornare i ns. due maro' come si pretende di far guerra alla Libia. Tolti pochi reparti addestrati bene gli altri militari sono solo figli di mamma che disoccupati vanno a guadagnare lo stipendio nelle forze armate. Aspettiamo i Marines che e' meglio per tutti

Ritratto di aperfectworld

aperfectworld

Lun, 16/02/2015 - 16:03

Grande Feltri, esprime il sentimento del buon senso comune, che ci siamo giocati in nome del buonismo e di certo politically correct.

Ritratto di ohm

ohm

Lun, 16/02/2015 - 17:16

Mamma mia...mi stanno venendi i brividi di freddo...una che non ha fatto il servizio militare, un 'altro che non sa neanche cosa vuol dire strategia di guerra ebbene siamo nelle mani di quetsi due e l'altro, il capo in lato, che sta temporeggiando per aspettare uil momento buono per stare sereni ....ma qui non sitratta più di accoltellare alle spalle gli amci..qui si tratta di combattere contro un nemico quasi invisibile...e non è cosa da poco...POVER NOI! (a prosposito desidero augurare alcune maledizioni al sig. sarkosy che ci ha porato in questo schifo!)

Ritratto di Loudness

Loudness

Lun, 16/02/2015 - 17:17

A parte i cialtroni ottimamente descritti da Feltri, ma avete mai provato ad essere fermati per un banalissimo controllo dalle Forze dell'Ordine? Uno col mitra in mano e l'altro col cellulare che chatta su whatsapp o facebook... Oppure dovremmo pensare di essere difesi dalla Marina, che con i cannoni a bordo si fa spaventare da quattro cavernicoli incappucciati? Qui o si da la possibilità alla popolazione di armarsi fino ai denti, o è finita. O altrimenti chiediamo all'ISIS di combattere a suon di botte di smartphone, chats e blogs... li saremmo vincitori sicuri... ma così...

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Lun, 16/02/2015 - 17:17

pupism vorrei ricordale 2 cose: 1° che i marines SONO i reparti speciali della fanteria aviotrasportata.L'equivalente del 9° Col Moschin od i marò che stanno in India.La differenza è nei numeri, è nel governo che sta dietro,è nelle risorse di cui dispongono.Con loro al posto dei marò non sarebbe andata esattamente allo stesso modo.E poi noi abbiamo Renzi,che fortuna!!

Ritratto di Semprebannato

Semprebannato

Lun, 16/02/2015 - 17:18

Un cialtrone come il compagno giorgio andrebbe messo al muro per alto tradimento

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Lun, 16/02/2015 - 17:20

Feltri saresti stato unottimo presidente.Un solo difetto:non sei abbastanza ladro per fare politica,non sei abbastanza delinquente per essere un cattocomunista.

Massimo25

Lun, 16/02/2015 - 17:20

Dr.Feltri sposo in toto quanto scritto. Sordi ci dipingeva perfettamente e cosi siamo..non voglio entrare nei dettagli perché mi vergogno profondamente di me stesso e per le origini che porto.

roberto bruni

Lun, 16/02/2015 - 17:20

Carissimo Feltri leggo tutto d'un fiato (come sempre) ogni tuo splendido articolo. Anche in quello di questa mattina, hai come al solito, senza fronzoli, centrato appieno il problema e le motivazioni di quella scellerata (per noi) scelta. Naturalmente (leggi il mortadella) nessuno di LORO riconoscera' tale loro errore. Tiremm innanz!

Ritratto di Baliano

Baliano

Lun, 16/02/2015 - 17:20

--- pupism 15:46... I Marines di Hussein Barack ? Campa cavallo... l'abbronzato, comincia a puzzare di Islamico, persino di qua dall'Oceano. Al punto in cui siamo, meglio l'"Armata Rossa", almeno non sono più Comunisti, questi.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Lun, 16/02/2015 - 17:22

Idioti!! Berlusconi aveva intrapreso un dialogo con la Libia e gli sbarchi erano diminuiti. PD idiota!! Ma si sa, loro capiscono sempre tutto...

marcomasiero

Lun, 16/02/2015 - 17:22

il peggio è Renzi che un colpo dice siamo pronti e quell' altro dice che non è ora !!! immaginiamoci le truppe a Tobruk che ricevano disposizioni dal governo ... con Mister Bean come primo ministro c'è poco da stare allegri sugli ordini: "sparate ... ma non troppo" già lo sento !!!

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Lun, 16/02/2015 - 17:28

Grazie signor Feltri, la sua analisi è perfetta e veritiera. Qualche sinistroide indottrinato scriverà che sono fandonie per non ammettere la realtà dimostrata dal susseguirsi dei fatti. Col benestare dei sinistri da lei citati, il cui intento era combattere SB, hanno innescato una guerra ormai dietro l'angolo di casa nostra. Il dramma, come è chiaro anche nel suo articolo, è che per combattere questa guerra saremo soli e male armati a causa dei continui tagli alla Difesa voluti dai soliti ipocriti sinistri. Confidiamo nelle nostre forze.

carlo5

Lun, 16/02/2015 - 17:29

Tutto vero Feltri quello che Lei ricorda. L'assassinio occidentale di Gheddafi ha creato questa situazione. Lei Feltri dovrebbe pretendere da tribuni come Santoro e affini trasmissioni televisive dove questa verita' venga rimarcata. Si dovrebbe continuare a scrivere di questo per il ripristino oltre che della verita' dell'onore di Berlusconi massacrato sia dalla stampa che da una sinistra allo sfascio dove vediamo che basta un sospetto soffio di guerra, quindi senso delllo Stato, che si frantuma e torna nelle sue trincee. Per senso di responsabilita' internazionale torna il Nazareno.

fedeverità

Lun, 16/02/2015 - 17:33

MA GUARDATE QUEL NANO DEL SARKOSY..con quel sorrisino....MI FA UNA RABBIA!! TUTTO QUESTO CASINO PER INSABBIARE LE SUE CxxxxxE!!! DI BERLUSCONI CE NE VORREBBERO 1000!!!

tormalinaner

Lun, 16/02/2015 - 17:35

Alla Guerra!!!! La Pinocchietta Pinotti brandisce minacciosa i ferri da calza in mano e Renzi che tenta di stordire l'ISIS con le sue parole.... Speriamo che l'ISIS si perda nel Grande Raccordo Anulare.....

fedeverità

Lun, 16/02/2015 - 17:35

NAPOLITANO...ora sei tranquillo? Certo tanto ora son c...i NOSTRI!!! VIVA IL COMUNISMO!!VIVA I RADICAL CHIC!!! VIVA I VIGLIACCHI!!

gigetto50

Lun, 16/02/2015 - 17:42

...si ma quello che fa veramente incavolare, é che sono sempre in francesi a fare i "grandi"...prima con Sarkozy per buttare giu' il colonnello libico, ora con Hollande che appoggia (giustamente) l'Egitto, bussando con insistenza all'ONU per poi, ne sono certo, guidare una coalizione anti ISIS in Libia...

hdm

Lun, 16/02/2015 - 17:43

All'ottimo e doveroso articolo, peraltro in ritardo rispetto agli eventi, mancano due aspetti importanti: 1) La campagna di Libia non ha portato "solo" a tutto quanto scritto: l'ISIS è nato lì! Mercenari che una volta finita la campagna si sono spostati in siria e sono diventati quello che sono. 2) Non si puo' assolvere così Berlusconi: o non aveva capito, ed è colpevole come gli altri, o aveva capito e per difendere il suo governo (leggi i suoi interessi), certo, dopo una notte insonne, ha pensato bene di mandare a morte il suo amico Colonnello, che aveva appena accolto a Roma come un imperatore, di fottersene degli interessi italiani in Libia, di fottersene se la Francia ci sarebbe subentrata, con il RIDENTE marito di Carlà. Che capolavoro! un ex elettore di FI

Nerone2

Lun, 16/02/2015 - 17:43

Feltri, non dare solo la colpa agli altri. Anche Berlusconi e' colpevole di questo scempio.

Ritratto di marione1944

marione1944

Lun, 16/02/2015 - 17:43

Cari sinistri che non scrivete, per ora su questo articolo, questa di Feltri è la dura realtà che voi, sinistri, non volete accettare per via della vostra indole di falsità.

Ritratto di lafamigghia...

lafamigghia...

Lun, 16/02/2015 - 17:44

certo come no napoletano, il pd e l'opposizione ma... silvioti ricordate chi era premier nel 2011?

Holmert

Lun, 16/02/2015 - 17:45

Feltri ,sempre onestamente fuori dal coro dei pennivendoli al servizio permanente effettivo della sinistra, dice la santa verità, che si evince dalle ultime righe dell'articolo, dove cita i maggiori responsabili di questo disastro. E non ci possano salvare i Gentiloni, le Pinotti, i Renzi o gli Alfano. Mandare i nostri ragazzi in quell'inferno, significa esporli ai tagliagole che saranno molto felici di poterlo fare. Noi non siamo guerrieri, siamo solo portatori di pace, con tante colombe con i ramoscello d'ulivo nel becco e Cecco Beppe con l'ostensorio. A dire la verità, le abbiamo sempre prese e di brutto. Che armi abbiamo?...Sono anni che i nostri militari invece di addestrarsi e prepararsi ad eventi imprevisti, vanno a raccogliere disperati nel Mediterraneo, a servire loro il rancio e cambiare pannolini ai loro neonati. Del resto siamo gente buona ed amiamo il prossimo nostro, anche se esso non ci ama.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Lun, 16/02/2015 - 17:47

Grande articolo Dott. Feltri. È la realtà delle cose, insomma una fotografia.

Ritratto di Baliano

Baliano

Lun, 16/02/2015 - 17:54

... Nonò ... nessun soldato Italiano a farsi ammazzare da quegli antropomorfi neri, in realtà insetti e scorpioni mascherati da ominidi. Il Sarin è la vera cura, alla faccia di chi non sa nemmeno dove sta Ginevra e la sua Convenzione. "A la guerre comme à la guerre". Loro tagliano teste? Noi li gasiamo. Altro che la cura di "Anonimus", a proposito che fine hanno fatto, saranno tutti alla Bahamas a spese dell'Arabia Saudita, quella Nazione Araba che "sta coi frati e zappa l'orto", ma sempre alla faccia nostra.

chicolatino

Lun, 16/02/2015 - 17:55

pupism:concordo in pieno, conosco tantissimi militari e confermo quanto detto da te,qui si tratterebbe di combattere spietati assassini e i nostri militari se la farebbero sotto solo all'idea di salire sul c130...

angelomaria

Lun, 16/02/2015 - 17:56

e il prodi che ha il coraggio di dare la colpa a l caro silvio pezzenti fino alla fine!!!

baio57

Lun, 16/02/2015 - 17:58

Nessun commento dai cocomerioti sinistrati,ovvio.

stesicoro

Lun, 16/02/2015 - 17:59

Con la Libia avevamo rapporti economici privilegiati. La qualcosa non andava giù, tra gli altri e in primis, a Sarkozy. Berlusconi non avrebbe voluto destabilizzare Geddafi, ma ormai, dopo due decenni di attacchi subiti della più svariata natura (giudiziari, economici e quant'altro), le sue energie, la sua capacità di tener duro, si erano notevolmente logorate. Le pressioni su di lui, prime fra tutte quelle esercitate da Napolitano, ebbero malauguratamente la meglio, e così l'Italia partecipò alle "operazioni" belliche decise da altri. Coloro che tanto si spesero in favore di quella infelice determinazione pensano di avere ottenuto qualcosa per cui andarne fieri?

Felice48

Lun, 16/02/2015 - 17:59

E adesso siamo nei guai. La considerazione è un'altra ed è ciò che ho sempre sostenuto: come gli USA che hanno un esercito unico e proprio la grande europa non ha alcun esercito, ognuno fa da sé. Per le teste grigie di quest'europa invece di cerare la costituzione di un'esercito, cosa primaria e necessaria alla creazione di ogni Stato nascente, più necessario è stato legiferare sulle banana, zucchini, quanta acqua scaricare nel water, ecc. E non parlare di arricchire le banche e sovrastare sulle altre nazioni. E ridurre la gente alla fame.

giovannianselmo46

Lun, 16/02/2015 - 18:00

Leggo questo paragrafo e non si capisce chi sia il colpevole. Napolitano, Obama, Berlusconi o Sarkozy? La verità, al di là delle semplificazioni di questo articolo, non è così a portata di mano, è molto molto complessa e molto probabilmente non divulgabile, almeno per ora. Oppure sì: basta crederci.

gigetto50

Lun, 16/02/2015 - 18:00

....missili di Maometto che minacciano l'Italia....oltretutto visto che nell'ultimo video della decapitazione degli egiziani, i jihadisti tirano in ballo Roma come mai prima (vista anche la vicinanza) quello che lascia veramente senza parole ma anche moooolto perplessi, é l'assenza (se non erro) di qualsiasi fresco commento di solidarieta' da parte delle innumerevoli associazioni islamiche, a questo paese che li ospita e che in parecchi casi offre loro comunque la possibilita' di vita migliore che non nelle loro terre.

flip

Lun, 16/02/2015 - 18:02

pupism. i figli di mamma non guadagnano" lo stipendio. lo rubano.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Lun, 16/02/2015 - 18:03

Poverini quelli della sinistra pronti a fare le guerre contro i NOs. Cristiani Serbi e RUssi e sono veramente inqualificabili di fronte all'ondata di devastazione a cui stanno portando l'Italia con quest'ondata di clandestini che la Polizia non può controllare men che meno la Sanità Pubblica; io manderei Renzi e i compagni insieme ai grillini a buttare a mare i loro poveri resti. Shalòm P.S. Scordavo i sellini ma sono veramente insignificanti come gli stecchini; si usano dopo il pranzo o la cena.

Klotz1960

Lun, 16/02/2015 - 18:05

Giorgio, il grande stratega, accolto con commozione dal popolo del Rione Monti. Un vero, lungimirante Padre della Patria!,

Renee59

Lun, 16/02/2015 - 18:07

Dobbiamo entrare in guerra, se non altro per aiutare l'Egitto e la stessa Libia. Dobbiamo mostrare a tutti quelli che hanno abbattuto Gheddafi, che non siamo conigli alla Grillo, ora che il pericolo avanza.

xgerico

Lun, 16/02/2015 - 18:08

@@@Ebbero partita vinta anche perché Stati Uniti e Inghilterra praticamente obbligarono Berlusconi a cambiare linea....................MAI che abbia preso decisioni in proprio, e da la colpa sempre agli altri!

gianfran41

Lun, 16/02/2015 - 18:10

Con l'Iraq è stata la stessa cosa, se non vado errato.

xgerico

Lun, 16/02/2015 - 18:12

Che bello leggere l'articolo e poi commenti, tipo "abbeveratoio"!

Sacchi

Lun, 16/02/2015 - 18:14

Osama probabilmente è un cripto mussulmano che sente il richiamo della umma, e sta semplicemente smantellando il sistema di difesa occidentale, e spera in una conversione di massa all'islam.

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 16/02/2015 - 18:15

Governo schizofrenico, con i ministri da una parte e il loro presidente dall'altra. Ma, mi consenta, in questo marasma, il nostro grande difensore, nonchè ex presidente del consiglio all'epoca dei tristissimi fatti da lei evocati, da che parte sta? Interveniamo per fare un piacere al bulletto fiorentino (che poi nel frattempo ha cambiato idea...), o cerchiamo altre vie? Ci spiegassero quali, poi, ci farebbero anche un piacere.

artu55

Lun, 16/02/2015 - 18:15

Come si può pensare che le nostre Forze militari siano in grado di difendere il paese, se non riescono nemmeno a fermare un barcone, con un paio di terroristi armati di fucili. Il buonismo parte anche da queste azioni per cui una parte diventa sempre più forte e l'altra debole.

Ritratto di manasse

manasse

Lun, 16/02/2015 - 18:19

pensavo che con scalfaro avessimo toccato il fondo ebbene con il napoletano il fondo era ancora troppo alto e allora hanno scavato per scendere ancora di più e dulcis in fundo con il governo del quaquaraquà toscano siamo se fosse ancora possibile scesi nel gradino della scala umana a livello dei cavernicoli ma credo che avessero più dignità di questa classe politicodirigente Dio ci guardi dalla guerra ma sopratutto da quella che faranno questa marmaglia di incompetenti

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Lun, 16/02/2015 - 18:20

Care le mie teste di cxxxo comuniste provate a riflettere su quest'articolo chiaro e inoppugnabile..... OK lo soooo infatti ho solo detto provate...non condividete o addirittura approvate sarebbe un salto troppo alto....come al solito il Sig. Feltri non sbaglia un colpo

Anonimo (non verificato)

vincenzo1956

Lun, 16/02/2015 - 18:23

scusa Bingo Bongo,ma mi permetto di correggerti. I marines altro non sono che fanti di marina,inquadrati nella us navy.Nella stessa us navy sono presenti reparti speciali ( navy seals) che nulla hanno a che fare in pratica coi semplici marines- Riguardo i nostri maro'in India li chiamiamo cosi' ma altro non sono che fucilieri di marina,da non confondere coi maro' veri e prorpi che fanno parte del battaglione S.Marco.Questo èper opportuna chiarezza

Ritratto di Baliano

Baliano

Lun, 16/02/2015 - 18:24

--- Piuttosto, stasera guardiamoci "l'Oriana" Fallaci, sperando che lo sceneggiatore ce la racconti tutta e "giusta" su una grande Donna che guardava e vedeva lontano, ben oltre il ristretto orizzonte del pollaio politico dei vari pupetti "renzini-angelini, sellini e selleroni e grillini" de noantri.

vincenzo1956

Lun, 16/02/2015 - 18:26

Concordo purtroppo con nquanto affermato da diversi commentatori.Gran parte delle ns forze armate e' composta da ragazzi e ragazze che al primo colpo di fucile alzerebbero le braccia ( ma con l'isis non e' possibile in quanto sappiamo che fine fanno i loro prigionieri). Non per niente invieremmo 5000 uomini del Tuscania,del Col Moschin.della Folgore e via dicendo.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 16/02/2015 - 18:26

e di quelli che volevano la testa di Saddam, cento e 70 anni fa.

ghorio

Lun, 16/02/2015 - 18:27

Una sola considerazione: nelle"primavere arabe" si era distinta per il vero tutta la stampa italica, senza le distinzioni di oggi, e la Segretaria di Stato Usa, Hillary Clinton, fingeva addirittura di non conoscere Mubarak che, giustamente a mio parere, ci era stato presentato per 30 anni come statista illuminato.

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Lun, 16/02/2015 - 18:27

Se tutti quelli che obbligarono il Berlusca ad entrare in guerra contro Gheddafi, giornalisti compreso, morissero di morte tragica non avremmo più alberi per costruire le bare.

Pinozzo

Lun, 16/02/2015 - 18:29

Vitto sei il solito pennivendolo venduto. La colpa e' degli americani, degli inglesi, del pd che era all'opposizione, di napolitano.. Buffone. La responsabilita' di aver buttato giu' gheddafi (se sia stata una colpa e' discutibile) ricade interamente su chi era al potere, e con larga maggioranza, in quel periodo, ergo il suo datore di lavoro, il pregiudicato. O davvero vuol farci credere che il preg era cosi' una mezza cartuccia da calar le braghe di fronte alle pressioni americane (cosa che, per dire, craxi a sigonella non fece, ed era ben piu' tesa la faccenda)?

mila

Lun, 16/02/2015 - 18:32

@ Holmert -Veramente nei secoli scorsi (prima della II Guerra Mondiale) gli Italiani, magari non ancora uniti, di guerre ne hanno fatte parecchie, e non sempre perse. Bisognerebbe chiedersi perché ora ci siamo ridotti in questo modo.

Ritratto di ersola

ersola

Lun, 16/02/2015 - 18:33

AHAHAAHAH oggi le scemenze si sprecano hahahhah, feltri ottimo presidente haahaha poi leggere gli esilaranti commenti di adriano romaldi è veramente uno spasso.

Ritratto di Matko Srzich

Matko Srzich

Lun, 16/02/2015 - 18:39

Caro Feltri lei ha saltao un passaggio (visto che state dicendo che Napolitano ha fatto tutto) Berlusconi aveva 2 opzioni: 1. agire come la Germania,.... tirarsi fori per le raggioni storiche. 2. dimettersi di sana pianta( che poi ha dovuto fare lo stesso piu'tardi) Per non parlare che anche lui abbia tradito un amico e quindi inaffidabile anche se in questo caso si trattava di Gheddafi. Personalmente, non mi fiderei di uno come lui. In fatto dopo quello che ha fatto allora...non lo voto piu. Inaffidabile ciononostante tutte le ingiustizie che ha subito.

plaunad

Lun, 16/02/2015 - 18:43

Napolitano, tutto il sinistrume, i francesi. Tutti quelli che a tutti i costi vollero la fine di Gheddafi adesso fanno gli sbruffoni contro quell' ISIS che loro stessi hanno creato. Si vergognino.

Ritratto di Roberto53

Roberto53

Lun, 16/02/2015 - 18:44

Posto che l'odio verso Gheddafi si sapeva fosse figlio di quello verso Berlusconi, quest'ultimo non doveva accettare di fare la guerra, che il francese se non sbaglio sembrava chiedere con motivazioni che nascondevano mire personali (il discorso del rais contro la Bruni) e anti italiane. Sebbene la Merkel è stata capace di dire no, il Cav., sia pure indebolito da tante vicende, non ha fatto altrettanto. E del resto sappiamo come poi gli è finita.

Raoul Pontalti

Lun, 16/02/2015 - 18:47

Doppia faccia hanno i Cameron, i Sarkozy, gli Obama mentre noi avevamo un grande statista con una faccia sola: di bronzo. Con ancora fresco l'inchiostro del trattato di amicizia perpetua appena siglato con la Libia, sulle labbra ancora il sapore salato della sudaticcia mano del rais avidamente baciata, nelle narici ancora il profumo di gnocca delle hostess del rais, l'uomo dall'unica faccia e dalla lingua multiforcuta concede le basi ai bombardieri di USA, GB e F, aggiunge anche qualche aereo italiano e partecipa alla macellazione della Libia per lucrarne qualche frattaglia. Fedeltà alla parola data? Rispetto degli impegni solennemente sottoscritti? Lealtà nei confronti dell'amico e compare di lupanari?...L'uomo dall'unica faccia e dal giuramento facile sulla testa dei propri figli ha onorato da par suo le promesse fatte.

elianto

Lun, 16/02/2015 - 18:54

Un bell' articolo del cortigiano di Arcore, pur di difendere il suo padrone direbbe che la terra è piatta. Io ricordo il Rais che ha fatto i suoi comodi nel nostro paese e B che gli baciava la mano.. Siamo seri e mandiamo a nanna il nano, per 20 lunghi anni ha fatto solo i suoi interessi a discapito dei cittadini. x favore...

Ritratto di oliveto

oliveto

Lun, 16/02/2015 - 18:55

Berlusconi lo aveva detto: "bisogna essere cxxxxxxi per votare e credere nella sinistra" con tutti i loro capi buoni a nulla, a cominciare da napolitano che è stato il peggiore dei presidenti della repubblica in buona compagnia con scalfaro già passato a miglior vita. La miopia di napolitano e di tutto l'apparato comunista e mediatico sa dell'incredibile: solo questi cxxxxxxi non potevano comprendere cosa sarebbe successo con la caduta di GHEDDAFI: sarebbe bastato fare una "gita" per qualche giorno in LIBIA per capire che aria tirava, invece i cxxxxxxi sono rimasti nei palazzi con stipendi e pensioni d'oro a farsi masturbazioni mentali e non solo...

Chevejo

Lun, 16/02/2015 - 18:57

Ben venga la guerra, ma ci vuole un uomo al comando e dove lo troviamo nel paese dei vigliacchi traditori voltagabbana e mafiosi del cxxxo!Certo sarebbe una buona occasione per eliminare musulmani zingari e tutta quella feccia che arriva dall'africa che i nostri degenerati politici ci hanno fatto arrivare a migliaia. Potremmo liberarci pure dei politici e dei comunisti. E poi perchö non ricolonizzare la Libia?

lamiaterra

Lun, 16/02/2015 - 18:59

ORA ANCHE I TRADITORI COMUNISTI ASSIEME I LORO FIGLI, SONO NELLA STESSA NOSTRA BARCA ED ORA ABBIAMO FUORI E DENTRO CASA NOSTRA IL MOSTRO ISLAMICO. ORMAI SIAMO MALEDETTAMENTE VICINO ALLA RESA DEI CONTI CON I MAOMETTANI TAGLIATESTE !!! – Tutti quelli che non hanno fatto il servizio militare, cominciano già da ora, almeno teoricamente a conoscere come funzionano fucili, pistole, magari anche lanciarazzi RPG, mentre tutti quelli che hanno fatto il servizio militare si aggiornano sui moderni fucili, pistole, RPG, ecc. come è ovvio per chi ha fatto il militare sarà molto semplice. NON ILLUDIAMOCI. Noi Italiani, Donne comprese, nostro malgrado, in futuro saremo costretti, in un certo modo, a collaborare con le forze dell’ordine e a difenderci anche in casa nostra e per le strade. Noi tutti, pagheremo molto caro il fott-uto buonismo dei traditori di casa nostra.

Ritratto di genviello

genviello

Lun, 16/02/2015 - 18:59

Qua si tratta il Berlusconi quasi come se fosse un minorato mentale: tutte le volte che fa delle cavolate la colpa e' sempre di qualcuno altro che gliela ha fatto fare!!! Sembra quasi di rivivere il Ventennio, quando Mussolini non sbagliava mai, ma erano quelli che aveva intorno che sbagliavano a sua insaputa. Si abbia invece il coraggio di dire che, in Politica estera (e non solo), il Berlusconi ha "toppato" varie volte!!!

roberto1942

Lun, 16/02/2015 - 19:06

schifo! voi benpensanti ed intellettualmente disonesti (oltre che limitati nella memoria) non capite un cavolo di politica internazionale. Dovremmo fare un monumento a Maroni e Berluscono che avevano capito che per SALVARE vite umane bisognava non farle partire dalla Libia. E da qui l'invito a Roma di Gheddafi che i trinariciuti di sinistra e limitati di comprendonio non hanno capito che era un'operazione di Real-Politik sopraffina.. Ma la sinistra del cavolo che ci ritroviamo non ce la faceva a capire. E ora con Sarkozi e Merkel hanno sulla coscienza migliaia e migliaia di morti annegati. Però certo: le majorette di Gheddafi a Roma non erano eleganti.... A ridatece er Puzzone!

salvatore40

Lun, 16/02/2015 - 19:06

Certo,la doppia faccia...Il problema è che,con questa doppiezza di faccia, i Lorsignori hanno sempre ragione. Anche quando,successivamente,una delle due facce ha torto,l'altra non lo riconosce.Sommamente leale sarebbe ammettere d'aver sbagliato.Manco pe' a capa!Ora siamo alle strette.Renzi aspetta il miracolo dell'Onu.L'Egitto,invece,colpito in modo atroce,va al sodo.Pensa eziandio di chiedere solidarietà all'Italia.Non sa che noi,sotto la guida sapiente di Renzi e la Boldrini, siamo pronti a partire.A quelli dell'Isis,gliela faremo vedere la nostra arma micidiale:IL DIALOGO! A questo punto, pur di evitare le Renziadi e le Boldrinate, preferisco direttamente rivolgermi ad Allah,il Clemente:abbia pietà di noi!Sì,facciamo pietà!

Ritratto di ersola

ersola

Lun, 16/02/2015 - 19:09

adriano romaldi continua dai ..... facce ride ancora.

Ritratto di mina2612

mina2612

Lun, 16/02/2015 - 19:15

La fotografia del politico italiano: essere nelle mani dei guerrafondai perchè è un inutile idiota.

Anonimo (non verificato)

Settimio.De.Lillo

Lun, 16/02/2015 - 19:19

LA FAMIGGHIA: allora NON ha kapito niente. Beato lei!

claudio63

Lun, 16/02/2015 - 19:21

pupism, da dove ha preso queste notizie sulle FFAA? lei ha fatto il militare e quando? ha una vaga idea dello stato di preparazione delle ns brigate meccanizzate,di quelle alpine,per non parlare dei bersaglieri,paragonati ai desert rat degli inglesi?la smetta di fare del disfattismo facilone e sinistro e si documenti con calma su quanto fanno,in silenzio,con efficienza e modestia le nostre FFAA nel mondo. si documenti,e si vergogni.

Dordolio

Lun, 16/02/2015 - 19:24

@ HDM. Berlusconi (che non voto) fu effettivamente messo all'angolo. E oggettivamente non potè fare che quel che fece, e cioè accodarsi. Quale era l'alternativa? Schierarsi a difesa del Gheddafi militarmente (possiamo ridere) o fare il grande rifiuto mettendosi in un angolo? Gheddafi fu leccato da tutti, qui in Italia. Mediaset (voce del padrone certo) mandò in onda gli sdilinquimenti di Prodi, D'Alema e compagnia bella. Ciò che si desume da tutto questo (ma nessuno vuole ammetterlo) è che i presunti alleati occidentali sono solo parenti-serpenti. Prima ci ritiriamo dall'Europa meglio è.

claudio63

Lun, 16/02/2015 - 19:24

per la cronaca sig. pupism, non e' compito delle FFAA far rientrare a casa i due maro', ma bensi dell farnesina/ministero degli esteri, che difatti, ha brillato per la sua efficenza e fulgida attivita' sul piano internazionale, prova ne sia la costante presenza ai principali tavoli delle trattative diplomatiche mondiali della Mongherini, e del gentiloni, e prima ancora dei vari Passera e Terzi , Bonino ecc. ecc. una bella massa di 3 "I" : Inetti , Incapaci, irresponsabili.

Ritratto di Gios'',,40.

Gios'',,40.

Lun, 16/02/2015 - 19:26

Qualcuno , dovrebbé comunque pensare a denunciare Sarkozy, per crimini contro l'Umanita, i morti sono tanti, ed é colpa sua. Saluti

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 16/02/2015 - 19:31

Non so se sia stato l'uomo di Budapest a spingerci in guerra contro il nostro "alleato" Gheddafi, affiancando Serkò&USA in una delle più sconclusionate operazioni belliche del dopoguerra, con la quale ci siamo "liberati" di un "amico" prezioso fornitore di petrolio. Resta il fatto che Silvio, con il suo fido ministro della guerra La Russa, ha ceduto alle richieste provenienti dall'"alto" in uno dei più disastrosi errori nella storia della Repubblica. Il precedente era stato la nomina dell'uomo di Budapest alla carica regale, con tre residenze già dei Savoia a disposizione, ma quello fu un errore di molti.

Ritratto di Nanuq

Nanuq

Lun, 16/02/2015 - 20:00

giovannianselmo46: Non si sa che cosa, se la storia degli ultimi 20 anni l'abbiamo vissuta, cosa c'è che non sappiamo, o lei vive con la testa in un sacco. No nha mai letto i giornali, guardato la televisione, e ad ogni avvenimento avrà avuto modo di capire chi stava dlla parte giusta e chi sbagliava, o no? Vi sono ancora beoti che danno la colpa di tutto a Berlusconi e sempre Berlusconi il quale è stato l'unico con degno d'essere considerato un vero statista. Certo che se si nasce tardi di comprendonio, allora la colpa non è vostra ma dell'avarizia di Madre Natura, ma anche lì non è colpa di Berlusconi. PORCACCIA LA MISERIA!!! Sveglioatevi larve!

Ritratto di lafamigghia...

lafamigghia...

Lun, 16/02/2015 - 20:08

Dordolio - semplice l'itaglietta non entrava in guerra e non concedeva le sue basi ed il suo spazio aereo per i bombardamenti

Mackeeper

Lun, 16/02/2015 - 20:14

hdm, 16/2/ 17:30no! tu non sei mai stato un elettore di FI. Tu sei un sinistro che cerca di intorbidire le acque per far vedere che FI viene abbandonata dai suoi . Il gioco, é vecchio, cerca di inventarne un altro.

Ritratto di Semprebannato

Semprebannato

Lun, 16/02/2015 - 20:19

@vincenzo1965 anche no...il corpo dei marines sta per i fatti suoi e con la Marina, non corre neanche buon sangue....i seal poi sono in seno alla marina, ma sono una storia davvero a parte ....è come paragonare quelli del Varignano con un marinaio.....

Mackeeper

Lun, 16/02/2015 - 20:22

SE viene la guerra, i primi a fuggire sono i sinistri. Loro sono coraggiosi solo quando sparano tradimento.

Ritratto di Nanuq

Nanuq

Lun, 16/02/2015 - 20:56

afamigghia... Hai la gesta dura eh! "...semplice l'itaglietta non entrava in guerra e non concedeva....". Questa È storia che hai vissuto, e non hai capito cosa vivevi. Capra! "Io sono io e tu sei" una capra!

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Lun, 16/02/2015 - 20:59

...Stimat.mo Vittorio! Il Suo scritto riporta, in sintesi ma chiaramente. quelli che furono gli accadimenti alla vigilia dell'attacco alla Libia. Emerge altrettanto chiaramente che, all'epoca, l'unico capo di Governo saggio nell'Unione, fu quello italiano. Non potendo, processare sarkozy ed altre teste di c. straniere, dovremmo, perlomeno, farlo con quelle del nostro Paese. Oggi se l'Italia fosse governato da veri uomini, renderebbe ai francesi, pan per focaccia, traghettando con la nostra flotta gli immigrati da Lampedusa al porto di Marsiglia.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Lun, 16/02/2015 - 21:02

"Giorgio Napolitano, il Pd e l'opposizione brigarono affinché scendessimo in guerra con gli alleati. Ebbero partita vinta anche perché Stati Uniti e Inghilterra praticamente obbligarono Berlusconi a cambiare linea". Obbligarono, un cavolo. E comunque, non per questo lo si può assolvere. Era lui, il Silvio Berlusconi, presidente del consiglio in quel frangente e se avesse avuto veramente gli zebedei si sarebbe dovuto opposto duramente e convintamente a lor signori, arrivando, se necessario, a minacciare anche le sue dimissioni. Altro che storie. E' così che si fa quando non si vuol veramente essere coinvolti in un pasticcio. E non facendo la vittima.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Lun, 16/02/2015 - 21:07

"Giorgio Napolitano, il Pd e l'opposizione brigarono affinché scendessimo in guerra con gli alleati. Ebbero partita vinta anche perché Stati Uniti e Inghilterra praticamente obbligarono Berlusconi a cambiare linea". Obbligarono, un cavolo. E comunque, non per questo lo si può assolvere. Era lui, il Silvio Berlusconi, presidente del consiglio in quel frangente e se avesse avuto veramente gli zebedei, si sarebbe dovuto opporre duramente e convintamente a lor signori, arrivando, se necessario, a minacciare anche le sue dimissioni. Altro che storie. E' così che si fa quando non si vuol veramente essere coinvolti in un pasticcio. E non facendo la vittima.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Lun, 16/02/2015 - 21:09

"Giorgio Napolitano, il Pd e l'opposizione brigarono affinché scendessimo in guerra con gli alleati. Ebbero partita vinta anche perché Stati Uniti e Inghilterra praticamente obbligarono Berlusconi a cambiare linea". Obbligarono, un cavolo. E comunque, non per questo lo si può assolvere. Era lui, il Silvio Berlusconi, presidente del consiglio in quel frangente e se avesse avuto veramente gli zebedei, si sarebbe dovuto opporre duramente e convintamente a lor signori, arrivando, se necessario, a minacciare anche le sue dimissioni. Altro che storie. E' così che si fa quando non si vuol veramente essere coinvolti in un pasticcio. E non facendo la vittima. (2^ invio)

Mr Blonde

Lun, 16/02/2015 - 21:50

Feltri e con questo si "smaschera" quello che lei è veramente, un vile servo del suo editore. Ma come al governo c'era berlusconi che contrattò aerei basi navi ed intelligence e la colpa è di napolitano? Ma può essere che ogni caprata fatta dal cav alla fine è sempre colpa di qualcun altro? E senza approfondire voci di intelligence per cui il cav ricattò l'alleanza fornendo il suo sì in cambio della promessa che il rais non ne sarebbe uscito vivo

Nonmimandanessuno

Lun, 16/02/2015 - 21:59

Don Sturzo ha detto che i comunisti non saprebbero amministrare neppure una bottega da ciabattino. Figurarsi se sono in grado di gestire il paese in guerra.

Nonmimandanessuno

Lun, 16/02/2015 - 22:00

A leggere certi commenti che colpevolizzano Berlusconi altro che paraocchi. Ciechi dalla nascita.

alkt90

Lun, 16/02/2015 - 22:03

grande vittorio feltri..! hai ricordato perfettamente le motivazioni di berlusconi per essere amico di gheddafi. .!

forbot

Lun, 16/02/2015 - 22:16

Ottimo Feltri. Articolo pertinente e da riportare come storia. Se adesso andassimo a cercare il "vanaglorioso napoleone" che ha messo in atto questo gran canaio, mentre a noi tornava molto utile il buon rapporto con Gheddafi, e gli chiederemmo di assumersi le sue responsabilità e di sistemare le cose senza altro spargimento di sangue. Riuscirebbe a rendersi utile? o la sua natura lo tiene in disparte per godersi lo spettacolo da lui messo in scena? Comunque rimane il fatto che l'ho fece per contrastare l'amicizia che s'era creata fra il Berlusca e il dittatore, col tempo non avremmo più importato energia elettrica dalla Francia.

Ritratto di mambo

mambo

Lun, 16/02/2015 - 22:29

Purtroppo questa è la tragica situazione e non sappiamo come uscirne. Con questi chiacchieroni al governo dove andiamo? Ed il nostro attuale esercito che da anni fanno solo gli assistenti sociali? Condivido in pieno l'analisi del Dott. Feltri, dissentendo solo sul comportamento di Berlusconi, che doveva reagire ed al limite dimettersi. Ma chi lo ha consigliato? Gianni Letta?

giovannianselmo46

Lun, 16/02/2015 - 23:16

Nanuq: forse è meglio imparare un po' di italiano e poi di connettere il cervello (se c'è)...

giovannianselmo46

Lun, 16/02/2015 - 23:32

Nanuq: dalla tastiera mi è partito il post senza possibilità di correzione. Per la cronaca credo vi sia un "di" di troppo. Circa il contenuto: ammiro, ma non invidio la sua sicurezza, visto che lei sta dalla "parte giusta", madre natura l'ha favorito etc. etc. Ma non è che abbia esagerato con gli antidepressivi? Poi, B. statista? Non usiamo parole di cui probabilmente non conosciamo il significato... Stia bene e magari un po' più tranquillo.

Luigi Farinelli

Lun, 16/02/2015 - 23:47

Analisi ineccepibile per chi ancora sa ragionare, quindi non guardate le anime belle della sinistra per i problemi attuali (immigrazione selvaggia, destabilizzazione di una nostra favorevole area geo-politica, pericolo di terrorismo) dovuti al crollo del regime di Gheddafi da loro invocato pur di defenestrare Berlusconi. Dopotutto, la sinistra, dall'alto della sua "superiorità morale" autoconclamata, non può scendere al livello dei "bananas" che già allora però avevano capito tutto. Ossia che il nostro esimio Capo dello Stato non ha esitato ad approfittare della situazione per abbattere un Governo (legittimo) che stava indigesto ai suoi referenti massoni europei, fra cui Sarkosy e Cameron. Però Napolitano ha agito da traditore del suo popolo anche se da socialista massone (votato quindi all'abbattimento degli Stati sovrani) lui si sente investito di una missione storica: quella di turlupinare il popolo dicendogli di fare i suoi interessi.

Ritratto di gangelini

gangelini

Mar, 17/02/2015 - 00:24

Concordo con Feltri sulla guerra in Libia. Scelte sciagurate di Napolitano dettate più da umori vaginali che da strategie di medio lungo periodo.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 17/02/2015 - 00:31

Il maggior responsabile di questa situazione è il comunista Napolitano che ora si sta godendo la pensione fregandosene DELLE TERRIBILI CONSEGUENZE DELLA SUA INETTITUDINE. Aveva costretto Berlusconi ad accettare la follia dell'attacco alla Libia. Era motivato solo dalla MISERABILE VOLONTÀ DI DISTRUGGERE ciò che Berlusconi era riuscito a costruire nei rapporti con Gheddafi. Questa è la vergognosa realtà della politica antidemocratica dei comunisti. Non esitano a ricorrere a qualsiasi mezzo pur di distruggere i loro avversari politici.

GVO

Mar, 17/02/2015 - 01:16

.......la faccia come il culo, a dire poco, altro casino che questa sinistra ha combinato al nostro povero paese, e come al solito Berlusconi l'aveva vista giusta , Gheddafi era meglio averlo amico che andarlo a bombardare, ma i nostri sinistri , in tutti i sensi, di cervello ne hanno poco, solo invidia per chi la testa ce l'ha davvero!

paspas

Mar, 17/02/2015 - 07:11

Sono al 100 x 100 con l'analisi fatta da V. Feltri. Da quando parlo il card. Biffi nel 1990 e non solo non fu ascoltato ma addirittura criticato e deriso lo dico ogni volta che mi e' data la possibilita' ma quanta delusione, nessuno ci crede. Ho vissuto oltre 40 anni in un paese con il 4o per cento di mussulmani e so come la pensano anche su l'ISIS. Ora sono arrivati anche qui' e si stanno svegliando. Abbiamo dato la nostra liberta' in cambio del Petrolio e la liberta' di cui vogliamo essere i paladini non esiste piu. in europa.,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Mar, 17/02/2015 - 08:52

In riferimento a quello che sostieme nel suo commento del "lun, 16/02/2015 - 22:00", sig. "Nonmimandanessuno", è proprio sicuro che i ciechi siano gli altri? Mi sembra proprio che a lei si addica alla perfezione il detto evangelico di chi è bravo a scorgere solo la pagliuzza nell'occhio dell'altro, ma la trave che ha lei nei suoi occhi mai.

ANTONIO MILANETTI

Dom, 08/03/2015 - 18:28

Dott. Feltri leggendola mi ha evocato Honoré de Balzac: "Esistono tre tipi di ideali di bellezza: una bella donna quando danza, un cavallo di razza al galoppo, un veliero a vele spiegate sottovento". ora capisco perchè ama i cavalli