I soliti ultras dell'accoglienza: applausi al piano Ue (senza averlo letto)

Bruxelles annuncia l'addio al trattato di Dublino. Conte già esulta. Ma il piano Ue è un mistero: applausi a scatola chiusa

L’annuncio di Ursula von der Leyen è di quelli pensati appositamente per agenzie di stampa e giornali. E infatti quel “aboliremo il trattato di Dublino”, scagliato dalla presidente della Commissione europea durante il discorso sullo Stato (malandato) dell’Unione, ha subito scatenato le ovazioni dei vari M5S, Pd ed esponenti del governo. Ma la “svolta” (Conte dixit) per cui tutti già si spellano le mani, per ora è solo un pourparler con poco di concreto.

I bollenti entusiasmi andrebbero spenti per una lunga serie di motivi. Il primo è di natura pratica. Il Patto sui migranti verrà presentato mercoledì dalla Commissione, una settimana prima di quanto previsto, ma solo il giorno prima dell’inizio del Consiglio europeo con tutti i capi di Stato e di governo dell’Ue. Troppo a ridosso. Secondo Politico.eu, che ha raccolto le indiscrezioni di un funzionario Ue, il 24 settembre i grandi d’Europa potrebbero non avere il tempo di studiare il dossier così da iniziare una discussione dettagliata durante il vertice. E allora tutto potrebbe essere rimandato a data da destinarsi.

C’è poi la questione contenuti. Cosa sappiamo per ora del nuovo Piano migratorio? Poco o nulla. Ursula ha anticipato pochi dettagli e molto generici. Dovrebbe nascere una “governance europea della gestione delle migrazioni”, con una “struttura comune per l’asilo e i rimpatri” e soprattutto “un meccanismo di solidarietà molto forte e incisivo”. Tutto bellissimo. Ma nella pratica? Vito Crimi si aspetta una “proposta davvero ambiziosa”. L'europarlamentare Laura Ferrara (M5S) chiede ricollocamenti automatici e obbligatori”. E Zingaretti è già convinto che il progetto “renderà finalmente co-protagonisti e partecipi tutti i paesi, non solo l'Italia, nella gestione dei flussi migratori”. Ma di concreto per ora non c’è niente.

Abolire Dublino significherebbe mettere fine alla politica dello “Stato di primo approdo”, quella norma che obbliga Paesi come l’Italia e la Grecia a farsi carico - in pratica - di tutti i richiedenti asilo che sbarcano sulle coste europee. Sarebbe sicuramente una nota positiva, ma fino a che punto? "Il trattato riguarda i rifugiati - dice Giorgia Meloni - che sono il 10% dei migranti che arrivano da noi. Ma noi dobbiamo risolvere il problema del rimanente 90%, cioè degli immigrati clandestini che noi, anche se modificassimo cento volte il decreto di Dublino, non potremmo comunque ricollocare in Europa”. L’Italia (da tempo) preme per rendere obbligatorio il meccanismo di ripartizione dei migranti recuperati in mare. Oggi l’adesione è volontaria (solo da parte di alcuni) e ogni volta per attivarla servono sforzi diplomatici. Secondo Repubblica, l’idea della Commissione sarebbe quella di far rientrare nella redistribuzione obbligatoria solo chi ottiene l’asilo e non i migranti economici (quindi una piccola parte). Mentre una ripartizione totale potrebbe essere garantita solo in caso di flussi “straordinari”, ma assicurando agli Stati restii alla solidarietà la possibilità di sfilarsi. Magari facendosi carico dei costi dei rimpatri.

Ecco, i rimpatri. Ursula ha assicurato che ci sarà un “collegamento più stretto tra asilo e rimpatrio”, perché “dobbiamo fare una chiara distinzione tra coloro che hanno il diritto di restare e coloro che non lo hanno”. Posizioni già assunte in passato, ma che dal 2015 - anno di inizio della crisi migratoria - non hanno mai trovato applicazione. I numeri parlano chiaro.

Il vero problema riguarda però le divisioni storiche tra gli Stati membri. Il blocco di Visegrad e l’Austria di Kurz non sono propensi a condividere stranieri. Ursula proverà ad ingolosirli proponendo di “rafforzare le frontiere esterne”, stipulando a livello Ue accordi con i Paesi africani per i rimpatri e sviluppando “canali legali di migrazione”. L’obiettivo è dare vie sicure ai profughi, accogliere solo chi può lavorare e tagliare il “business” ai trafficanti. Basterà? Difficile dirlo. Di sicuro i precedenti non sorridono alla bionda presidente.

Per capirlo basta scorrere la (lunga) pagina web dedicata dal Consiglio europeo alla cronistoria delle politiche migratorie. È dal 2015 che si promuovono incontri, riforme, modifiche, proposte. Ma a parte pochi passi in avanti siamo sostanzialmente al punto di partenza. Gli ignobili campi sulle isole greche continuano a incendiarsi. Gli scafisti incassano. Gli sbarchi continuano. Magari questa è la volta buona (si spera). Ma gioire per una sicura “svolta” è sicuramente prematuro. Alle parole occorre infatti far seguire i fatti. E per arrivare ad una soluzione la riforma dovrà essere approvata in co-decisione da Consiglio e Parlamento Ue. Tradotto: i tempi sono lunghi. L’abolizione per ora è poco più di un sogno, lontano dalla realtà.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di NonMolliamo

NonMolliamo

Gio, 17/09/2020 - 16:10

Tutto bello con l'indicazione....aboliremo il trattato di Dublino...ma magari il nuovo trattato potrebbe essere peggiore per l'Italia! A questo chi già esulta non ci hanno pensato, come sempre.

Tommaso_ve

Gio, 17/09/2020 - 16:11

“dobbiamo fare una chiara distinzione tra coloro che hanno il diritto di restare e coloro che non lo hanno” ma siete sicuri che lo abbia detto Ursula??? No, dico: sicuri sicuri? ma... sicuri??? Semplicemente perché, a quello che mi è dato leggere, sembra che Salvini lo dica da anni ma gli danno del fascista... caro Matteo, fatti biondo (e cambia nome) magari ti applaudono pure! E' questione di punti di vista!

barbarablu

Gio, 17/09/2020 - 16:19

hanno promesso i soldi quindi qualsiasi cosa DEVE essere accettata, pii se o quanti soldi arriveranno vedremo... tra l'altro prima dobbiamo versare e solo poi forse riceveremo qualcosa... cornuti e mazziati

cgf

Gio, 17/09/2020 - 16:20

l'incapacità e l'inadeguatezza di svolgere un ruolo porta inconsciamente ad accettare ed applaudire qualunque cosa piova dall'altro. È quanto credono poi di fare loro con tutti gl'italiani, il famoso popolo bue contornato dagl'inutili idioti di Staliniana memoria.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Gio, 17/09/2020 - 16:33

"Cosa sappiamo per ora del nuovo Piano migratorio? Poco o nulla. Bruxelles ci lavora da fine 2019, la sua presentazione era prevista a marzo" La Sciarelli che dice? Prudenza sulla politica degli annnunci, specie in questo periodo elettorale. Comprendo lo stato d'animo dei salvinmelonsilviototifobici: meglio attendere l'approvazione mentre "barchette fanno la spola" dalle spiagge tunisine/libiche verso Lampedusa, la Sicilia o finti turisti in barchette. Abbiam visto l'(in)efficacia conclamata del "patto di malta"...

gedeone@libero.it

Gio, 17/09/2020 - 16:43

E che c'è di strano? E come per il nobel preventivo ad Obama, sulla fiducia. I boccaloni sinistri sono fatti così.

Valvo Vittorio

Gio, 17/09/2020 - 16:44

Leggere costa fatica, riflessione ed impegno di tempo. Molto meglio delegare altri. Il telefonino accanto all'articolo è ben azzeccato.

Mborsa

Gio, 17/09/2020 - 16:44

I migranti economici sono il problema, non i rifugiati. Il trattato di DUblino non riguarda i rifugiati “umanitari” e neppure i salvataggi in mare. Se la Svizzera o l Francia rimandano in Italia i clandestini fermati vicino alla frontiera, l’Italia non potrebbe rimandare in Tunisia i clandestini al limite delle acque territoriali italiane?

Ritratto di pendra

pendra

Gio, 17/09/2020 - 16:47

In cambio di ipotetici miliardi(che in Italia arriveranno a metà 2021) la Comunità Europea col beneplacito dell'ineffabile duo Italiota Sassoli Gentiloni (Una Poltrona per Due) ha gettato finalmente la maschera- Vogliono trasformare l'Italia nella Casbah dell'Europa in modo che Francia e Germania finiscano per fagocitare gli Ultimi brandelli delle nostre risorse rendendoci un Paese Povero e Sottomesso. Tanti schiavi disarmati da svendere a poco prezzo.

acam

Gio, 17/09/2020 - 16:49

vogliamo scommettere sul nuovo piano che sostiruisce dublino? "Italia prenderà i migranti essendo il paese sicuro piu vicino, difatti gli spagnoli li fermano a ceura sulla terra ferma. noi per fermarli non abbiamo nulla sulla terra ferma e i turch ci stanno fregando coooonteeeeee!

gedeone@libero.it

Gio, 17/09/2020 - 16:50

#Tommaso_Ve, potrebbe essere un'idea; Salvini come Nino Manfredi che nel film Pane e cioccolata si tinse i capelli di biondo per farsi accettare dagli Svizzeri...

Giorgio1952

Gio, 17/09/2020 - 16:55

Scusate ma se il patto migranti verrà presentato dalla Commissione mercoledì prossimo è ovvio che per ora non vi sia nulla di concreto.

Ritratto di PeccatoOriginale

PeccatoOriginale

Gio, 17/09/2020 - 16:57

Come i lettori del Giornale che leggono solo il titolo degli articoli e poi pontificano senza sapere o capire...

TheExpatriate

Gio, 17/09/2020 - 17:09

Due ipotesi: 1) tutto sostanzialmente come oggi; 2) il piano del "se siamo tutti cornuti ognuno è meno cornuto", con marginale ridistribuzione di parassiti buoni a nulla che non scappano da nessuna guerra, per proseguire a grandi passi il piano di impoverimento ed islamizzazione dell'Europa voluto dai potentati mondiali.

PassatorCorteseFVG

Gio, 17/09/2020 - 17:15

ormai da troppo tempo leggiamo notizie sul problemi dei migranti o clandestini, e da troppo tempo constatiamo che nulla si risolve, forse nessuno il vuole piu? credo di si , ed allora basta con l" ipocrisia europea,basta con gli annunci che poi si rivelano nulli vuoti e fatui,come le persone che il producono, fautori del nulla e produttori di aria fritta. intanto tanta gente arriva,ma poi chi li mantiene? ciao a tutti.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 17/09/2020 - 17:27

Quanto al “regolamento” di Dublino (1990) sappiamo tutti che è stata l’inizio di una “fregatura” d’altri tempi, quando dell’immigrazione clandestina non si aveva neanche notizia. Poi siamo trapassati fino al “Regolamento di Dublino III (2013), successivo alla guerra dei Francesi (e non solo) contro Gheddafi. Da allora è iniziata la fuga dal Nord Africa (Tunisia in particolare) verso l’Europa, cioè ovviamente verso l’Italia. Adesso finalmente la UE sembra svegliarsi, ma l’esperienza ci insegna a temere un’ennesima fregatura. Amen

Ritratto di Azo

Azo

Gio, 17/09/2020 - 17:33

Mi sembra che i responsabili dell`unione europea, siano in ritardo di più di tre anni e di promesse, ne hanno fatte tante e sembra più che abbiano fatto una unione di assistenti DITTATORI, di una DITTATURA SOCIAL-COMUNISTA!!!

Ritratto di moshe

moshe

Gio, 17/09/2020 - 17:33

Bruxelles annuncia l'addio al trattato di Dublino ... ... ... segnatevela bene questa frase e la data del giorno che l'avete letta ... ... ... ci risentiamo ...

Ritratto di adl

adl

Gio, 17/09/2020 - 17:36

“Aboliremo il trattato di Dublino”.......entro domenica 20 oppure nel 2023 dopo il Mes il Fondo Ricoveri ed il ballo della TROKA.

Maura S.

Gio, 17/09/2020 - 17:41

PeccatoOriginale, sino ad oggi purtroppo l'Italia se l'è presa in quel posticino. I clandestini continuano ad arrivare, come pure la Francia e la Germania ce li rimandano se questi riescono ad arrivare da loro. Il paese d’origine rifiutano di riprenderli: allora, come la mettiamo. Con la UE e il beneplacito di questo (S)governo ci ritroveremo con lo stesso problema.

mepiabene

Gio, 17/09/2020 - 17:55

Diciamo pure che uno dei tanti problemi dei politici italiani è la pigrizia, al punto che molto spesso firmano leggi, decreti o trattati internazionali senza neanche leggerli, così a scatola chiusa. Un po' come quando in banca, con i contratti più lunghi del mondo, l'impiegato ti dice di mettere una firmetta e se tu chiedi di poter portare a casa il contratto per leggerlo con calma ti viene negato: ho scoperto di essere uno dei pochi, se non praticamente quasi l'unico, a fare tale legittima e logica richiesta: la mentalità generale dominante pare essere quella diametralmente opposta.

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 17/09/2020 - 18:03

Se le cantano e se le suonano da soli,ancora per poco.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Gio, 17/09/2020 - 18:08

Fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio ... però ... se anche solo per sbaglio questi scalzacani al governo riuscissero davvero a far togliere la norma sullo stato di primo approdo ci sarebbe da fargli una statua ...

Pigi

Gio, 17/09/2020 - 18:10

In effetti quando le elezioni si avvicinano la nomenklatura Ue, sapendo che gli italiani ne hanno le scatole piene dei clandestini, e soprattutto spostano i voti sui partiti che vogliono ostacolarla, vengono i aiuto dei partiti loro servi in Italia con le solite promesse, con cui riempire i media di regime. Lo abbiamo già visto con ricollocamenti mai avvenuti e invece con restituzioni di clandestini puntuali.

fjrt1

Gio, 17/09/2020 - 18:11

"Aboliremo il trattato di Dublino" Così ora i giallo-rossi potranno presentarsi alle elezioni dicendo che il problema migrazione tanto caro alla destra è superato. La UE è consapevole che se non si vuole consegnare alle prossime elezioni il governo al CD bisogna che la questione migratoria venga risolta e forse neppure basta. Io sono convinto che la UE non abbia l'autorità e tanto meno le idee per venirne a capo. Quindi si fa qualche bella annuncio con la speranza che siano in tanti a crederci.

quarantena

Gio, 17/09/2020 - 18:19

Diciamo che l'accordo di Malta DOCET! Buffoni!

frapito

Gio, 17/09/2020 - 18:25

Mi torna in mente la strategia del cioccolatino prima d'ingozzarti, con il cucchiaio in fondo alla gola, l'olio di fegato di merluzzo. Sarò malpensante?

Helter_Skelter

Gio, 17/09/2020 - 18:29

Quante cose si ottengono in più usando la diplomazia invece sbraitando a beneficio dei propri fan mandando a quel paese l'Europa parlando di uscita dall'Euro, ecc.. È evidente che Conte ha una buona capacità relazionale con l'UE. Vediamo dove porterà la proposta.

Ritratto di Smax

Smax

Gio, 17/09/2020 - 18:30

Aiutino pre elettorale al pd dai loro compari ue. Lunedì dopo il voto il piano verrà svelato, i migranti tutti in italia nessuna redistribuzione. L’ha già detto la merkel la settima scorsa.

acam

Gio, 17/09/2020 - 18:35

I buoi manco l'hanno letto Ma già plaudono al piano Ue la promessa sarà quella come le altre vi faremo mantenere gli immigrati con i 209 miliardi perche se non li tente non ve damo gnente e ve li tenete l'istesso sete o stivale d'europa ciavete civilizzato corpa vostra

Nes

Gio, 17/09/2020 - 18:53

SE non erro la nuova carta (se ci sarà e che non sia solo uno slogan elettorale a favore di Giuseppi) deve essere successivamente approvata dai tutti i Paesi in UE e li che poi i nostri politici si devono alzare la voce e farsi rispettare perché la maggioranza del popolo italiano é contrario all'invasione dei clandestini. Il trattato di Dublino é datato e obsoleto degli anni 90, forse andava bene per singoli casi ma non per esodi di massa. I flussi migratori verso l'Europa devono essere controllati dall'UE nella considerazione che il nostro Paese é territorio europeo e gli altri stati non possono fare più le spallucce e lasciare solo l'Italia ad affrontare tale problematica, anche se alcuni politici remano al contrario per scopi oscuri

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 17/09/2020 - 18:55

poveri grullo pidioti sinistroidi, la ue abbandona il trattato perché di fatto l'itaglia diventerà,da nuovo trattato, il ricettacolo mondiale di clandestini,migranti ETC.!!!besughi

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 17/09/2020 - 18:57

Ma non avevamo già risolto tutto con il Trattato di Malta? O forse c'è un disperato bisogno di un bidone bis?

acam

Gio, 17/09/2020 - 19:14

Nes Gio, 17/09/2020 - 18:53 Nes suno sa bene cosa sia il trattato di dublino manco io in verità, so solo che ora i clandestini preferiscono buttarsi a mare perché l'itaglia non è piu cio che credevano l`ospitalità e consumata e nun c'è più pecché acca nisciuno è piu fesso come prima...