M5S, fronda sul ddl taglia-poltrone: 30 deputati pronti alla scissione

Sono una trentina gli onorevoli pentastellati a minacciare lo strappo sulla legge per la riduzione dei parlamentari all'esame della Camera. Il loro "no" potrebbe essere l'anticamera della scissione. E della caduta del governo

Nel Movimento 5 Stelle tira una brutta aria: aria di scissione. Da quando Luigi Di Maio ha deciso di cambiare cavallo, salendo su quello del Pd, è emerso il malcontento di alcune decine di deputati e senatori pentastellati. Tutti contrari all'alleanza con i dem. A tal punto da minacciare di rinnegare uno dei cavalli di battaglia del Movimento: la riduzione dei parlamentari. È atteso per martedì il voto della Camera al ddl taglia-poltrone. Una misura che dovrebbe incassare il "sì" di gran parte di Montecitorio. Ma non sono tutti d'accordo. Alla fronda anti-Di Maio si potrebbero iscrivere alcune decine di deputati grillini. Pronti a rinnegare la lotta ai privilegi della casta in favore di un obiettivo più ambizioso: fare le scarpe al capo politico.

Giggino ha troppi poteri. E nel Movimento c'è poca democrazia. Decide tutto Casaleggio, a cui andrebbe tolta la proprietà della piattaforma Rousseau. È una delle tante richieste che i dissidenti hanno fatto di recente attraverso la presentazione della Carta di Firenze, seguita a stretto giro di posta dalla Carta di Catanzaro. Due documenti diversi, ma con un solo fine: depotenziare Di Maio. I frondisti sono pronti a tutto: anche ad andarsene.

Il voto sul ddl taglia-poltrone potrebbe essere l'occasione giusta per consumare lo strappo. 25, forse anche 30 i deputati pronti a lasciare. Non solo i 5 Stelle, ma anche la maggioranza. Mettendo a rischio la sua sopravvivenza. Già, perché a Montecitorio il governo può contare su 343 voti. Se davvero lo spettro della scissione si concretizzasse, il governo sarebbe in serio pericolo. Una situazione di cui il centro-destra, compatto, potrebbe approfittare per mandare a casa i giallo-rossi. A quel punto non rimarrebbero altro che le urne. Il peggiore scenario possibile per i 5S, già sfiancati dai sondaggi per nulla favorevoli. Insomma, il ddl taglia-poltrone si potrebbe ritorcere contro Di Maio. Che dal sogno di togliere gli scranni ai suoi avversari politici, finirebbe per togliere anche il suo. Eterogenesi dei fini.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Mar, 08/10/2019 - 11:09

Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino. Di Maio un capo politico senza leadership e senza contenuti. Parabola discendente, in caso di urne potrà solo sperare in una poltroncina di consolazione, giusto quanto basta per non accedere al reddito di cittadinanza.

Calmapiatta

Mar, 08/10/2019 - 11:15

Il M5s non esiste più. E non esiste dal momento in cui, con una decisione scellerata, ha deciso di rimangiarsi tutti i principi sbandierati in anni di politica. E' bastato un sencondo. Da quel momento il M5s è sparito. Certo, ancora continuerà a ciarlare, ma sbiadirà sullo sfondo, altra eccellente vittima della foja di potere.

Valvo Vittorio

Mar, 08/10/2019 - 11:15

I cambiamenti organizzativi della sinistra radicale avvengono non per un'efficiente snellezza decisionale, ma per puro tornaconto elettorale! Il PC ha fatto proposte innovative per opportunità di tornaconto elettorale. Si è passati dal teorema che anche un semi analfabeta sia rappresentato in Parlamento all'attuale necessità che i parlamentari devono essere pochi, colti ed efficienti. Probabilmente si sono accorti che la tecnica consente di sapere in tempo reale che cosa succede in Italia e nel mondo. Vedremo (in tempo reale) quando si passerà dalla teoria alla pratica.

Ritratto di giovinap

giovinap

Mar, 08/10/2019 - 11:20

"30 deputati pronti alla scissione"? questi sono 30 prossimi disoccupati alla ricerca di un lavoro part-time di altri 5 anni! e per gli "acquirenti"(renzi e il pd)sono i più appetibili per che sono di poche pretese e si possono manovrare facilmente!

Ritratto di scapiddatu

scapiddatu

Mar, 08/10/2019 - 11:35

Aaaaaaa...... basta! Finiscila! con questo refrain del taglio dei parlamentari, sono “ben altri” i problemi dell'Italia. Ti stai semplicemente comportando in modo grottesco te ne rendi conto? Se hai un briciolo di dignità dai le dimissioni. Come tanti, non mi do pace (si fa per dire!) ..... Ministro degli esteri, ma si puo???? Booooooo!?!!!??!??

Giorgio Rubiu

Mar, 08/10/2019 - 11:37

Bella prospettiva ma temo che,da parte nostra,possa essere solo "wishful thinking",ovvero un pensiero che nasce dal desiderio che le cose possano svolgersi in quel senso,piuttosto che la reale possibilità che ciò possa accadere.Tuttavia,riconosco che il malcontento nei confronti di Di Maio e dell'alleanza con il PD esiste;ciò che metto in dubbio è che i frondisti siano pronti a rischiare la loro posizione in parlamento per fare silurare Di Maio.Lo farebbero certamente se fossero più numerosi e graniticamente compatti.C'è sempre il rischio che tra quei trenta dissidenti ce ne possa essere un certo numero che,a conti fatti, cessino,al momento cruciale,di essere "dissidenti" e diventino "consenzienti"!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 08/10/2019 - 11:51

Tutta una massa di "ectoplasmi parlamentari",ormai esistenti solo per effetto dello scellerato voto del Marzo 2018!

Gatto Giotto

Mar, 08/10/2019 - 12:01

E solo questione di tempo e il M5s scompare... Di Maio è ormai un morto che cammina con il coltello già piantato sulla schiena.

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Mar, 08/10/2019 - 12:02

ah ah ah...quelli della nuova politica..si delle poltrone!! vi ricordate che dovano dare una parte dei loro stipendi in un fondo?? bene,tanto pe ricordare:facevano il bonifico,per poi revocarlo nella stessa giornata!!

Antenna54

Mar, 08/10/2019 - 12:07

Che sia perché i "frondisti" tengono famiglia ed hanno mutuo da pagare?! In pratica si sono adeguati al lavoro di parlamentare!

19gig50

Mar, 08/10/2019 - 12:08

Non è facile mollare l'osso! Quando nacque il movimento dicevano: "Noi non lo facciamo per i soldi e facevano vedere le gigantografie degli assegni che restituivano, noi non useremo le auto blu e i voli di Stato, perchè siamo contro la casta, a noi dei soldi non interessa perchè pensiamo solo al benessere degli italiani e hanno bloccato le grandi opera che davano lavoro a migliaia di persone"...Ok, ora per risparmiare ulteriormente, ridurremo il numero dei Parlamentari e molti di voi, andranno a casa... e fu accoltellato!!

lappola

Mar, 08/10/2019 - 12:51

Fusse che fusse la vorta bona !!!

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Mar, 08/10/2019 - 13:32

Le fronde sbroccano. L'italia affonda. Ma una cosa rimane stabile e progressiva, il furto fiscale. Quello è una certezza. Ecco perchè l'italia è avviata al degrado, alla stagnazione, all'irrilevanza.

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Mar, 08/10/2019 - 13:57

A questi trenta parlamentari suggerirei di trattare o con Salvini o con la Meloni. Fate in fretta.

scorpione2

Mar, 08/10/2019 - 14:08

con quella faccia puoi dire quello che vuoi, conte

Renadan

Mar, 08/10/2019 - 15:19

Magari....

Happy1937

Mar, 08/10/2019 - 15:28

Per forza, col crollo del Movimento e la riduzione dei seggi, la gran parte dei miracolati delle passate elezioni politiche dovrà andare a lavorare; ammesso che trovi qualcuno disponibile ad assumere delle nullità.

frabelli1

Mar, 08/10/2019 - 15:43

Fosse vero

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mar, 08/10/2019 - 15:50

Di Maio,ti rendi conto come stai riducendo il tuo movimento? Non hai più dignità e hai perso l'onore andandoti a infangare coi dem.

Ritratto di bimbo

bimbo

Mar, 08/10/2019 - 16:29

Un classico italiano "dalle stelle alle stalle"

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 08/10/2019 - 17:08

Quale sarà il prossimo step del tirchio di Z>ena?

Ritratto di bimbo

bimbo

Mar, 08/10/2019 - 17:12

Mi sa che oltre il numero dei parlamentari devono ridurre il numero delle stelle...

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 08/10/2019 - 19:10

se vi piace stare con il PD, dovrete giustificare il M5S, e viceversa! il taglio ci poteva anche stare, ma se per tagliare si mette a repentaglio la sicurezza della democrazia, beh, allora no, non va bene! è come chiedere un auto di lusso e risparmiare sulla ruota di scorta! poi se si buca che fate? non verrà nessuno a salvarvi, oppure, dovrete sborsare altri soldi, piu di quanti ne avreste potuti spendere, se si teneva la ruota di scorta. ecco la stupidità del M5S! non si gioca con la democrazia e soprattutto non si gioca con il futuro degli italiani ! abbassare le spese è possibile, fattibilissimo, ma deve essere intelligente! e berlusconi questo lo sa, aspettava solo di salire per dimostrarlo (ovviamente al netto degli attacchi politici, mediatici, giudiziari, e sociali)

investigator13

Mar, 08/10/2019 - 19:30

5s e la democrazia diretta, neanche tra loro c'è democrazia, alla scissione non ci credo fino a quando non avverrà veramente e dopo che fanno sti bivaccari dei cessi sociali, manco Travaglio li riconoscerebbe

maxfan74

Mar, 08/10/2019 - 19:48

Se in 30 se ne vanno potrebbero andare in Forza Italia, tanto non ci sono più regole e uno vale l'altro...a cosa serve votare se fanno tutto ed il contrario di tutto, in uno o più partiti, si denunciano e si assolvono, si querelano e si abbracciano, mai con il Pd ora solo con il Pd, mai con i % Stelle ora viva i 5 Stelle. Io mi chiedo solo una cosa ma perchè sono dovuto nascere in Italia???

buonaparte

Mar, 08/10/2019 - 20:09

SE DI MAIO VUOLE RISPARMIARE SERIAMENTE 10 MILIARDI SU STIPENDI E POCO MENO SU PENSIONI DEVE TOGLIERE LE FAMIGERATA LEGGE BASSANINI SUI DIRIGENTI STATALI . LEGGE CHE ESISTE SOLO IN ITALIA E CHE HA PORTATO GLI STIPENDI DEGLI INCARICHI STATALI IN ITALIA AD ESSERE I PIU ALTI DEL MONDO. UNA VERA E PROPRIA VERGOGNA ..SI PUO RISPARMIARE UNA MEZZA FINANZIARIA E PORTARE UN PO DI EQUITA' SOCIALE