Politica

Marino: "Coppia gay ha diritto ad avere figli"

Il sindaco di Roma: "A Philadelphia ho visto mia figlia andare alle elementari, dove c’erano coppie omossessuali con bambini e ho visto che crescevano esattamente con le stesse gioie e le stesse difficoltà di mia figlia"

Marino: "Coppia gay ha diritto ad avere figli"

"Credo che una coppia omosessuale abbia il diritto di avere una famiglia purché questo avvenga nell’interesse del bimbo, non nell’interesse dell’adulto". Parola di Ignazio Marino. Intervenendo alla trasmissione "La vita in diretta", il sindaco di Roma ha detto la sua sui matrimoni gay e sulla possibilità di avere un figlio. "Se miavessero fatto nel 1985 una domanda relativamente alla omogenitorialità, cioè a come cresce un bimbo con due genitori dello stesso sesso, probabilmente avrei avuto una visione simile a quella che ha il senatore Giovanardi. Poi la vita mi ha portato a lavorare e vivere in una città come Philadelphia e ho visto mia figlia andare alle elementari, alle scuole medie, dove c’erano coppie omossessuali con bambini e ho visto che crescevano esattamente con le stesse gioie e le stesse difficoltà di mia figlia", ha aggiunto il primo cittadino di Roma. Che poi, parlando delle trascrizioni dei matrimoni gay contratti all’estero, ha spiegato: "Io credo che avrei commesso una illegalità se non avessi trascritto un atto di matrimonio di due cittadini di Roma, della nostra città, che si sono sposati in un altro Paese".

Poi c'è stato un battibecco sui matrimoni gay tra Ignazio Marino e Carlo Giovanardi. "Ci sono ordinamenti che riconoscono che un uomo possa avere tre mogli ed è perfettamente legale ma non lo trascrive in Italia - ha detto Giovanardi -. Ci sono ordinamenti in cui un uomo può sposare una bambina di nove anni se c’è l’amore. Allora, se è legale in paesi con centinaia di milioni di abitanti, deve essere legale anche in Italia? Devo ammettere che se c’è l’amore una bambina di otto anni possa sposare uno di sessant’anni? La poligamia, se c’è l’amore, devo ammetterla?".

"Non mi sembra che l’amore tra due adulti sia paragonabile alla pedofilia - ha risposto Marino -. Credo che gli omosessuali abbiano diritto a un rispetto e che si sentano gravemente insultati da una frase di questo tipo". "Ma quale frase?", ha ribattuto Giovanardi. E, ancora, Marino, in crescendo: "È un insulto gravissimo!".

Commenti