Mario Draghi rispolvera la "politica dei due forni": è la fine della cabina di regia

Mario Draghi è pronto ad assumersi le responsabilità decisionali dei provvedimenti: non ci sarà più la cabina di regia a governare il Paese

La cabina di regina è stato uno dei leitmotiv dell'ultimo anno di Giuseppe Conte. Potrebbe però essere accantonato nel cassetto dei ricordi con il nuovo corso di Mario Draghi. Come ha rivelato Marco Antonellis in un articolo su Tpi.it, infatti, "sarà Mario Draghi a farsi ‘sentire’ e ad incontrare, se sarà necessario, i leader dei partiti che compongono la maggioranza di governo per chiarire le cose ove ce ne fosse bisogno". Questo pare riferiscano dall'entourage del neo presidente del Consiglio, che ha deciso di prendere in mano il pallino decisionale per evitare scontri tra i tanti partiti che compongono la maggioranza di governo.

Mario Draghi vuole portare l'Italia fuori dalla crisi economica e sanitaria e per farlo ha bisogno di non avere distrazioni. Dovrà prendere decisioni importanti, spesso non universalmente condivise dai partiti, pertanto vuole mettere i paletti, prendendosi la piena responsabilità decisionale. Secondo Marco Antonellis questo potrebbe essere anche un modo "per 'intimidire' leader e leaderini che volessero alzare troppo la voce". Il vento a Palazzo Chigi è cambiato e lo dimostra il nuovo approccio di Mario Draghi, più pragmatico e istituzionale, lontano dai clamori ai quali Giuseppe Conte ha abituato negli ultimi due anni. Il nuovo presidente del Consiglio non sarà un uomo solo al comando e si è circondato di esperti di alto rango al di là del Consiglio dei ministri, per gestire al meglio la situazione. "Mario Draghi non ha esperienza politica diretta, però conosce perfettamente il sottobosco capitolino e sa benissimo a quali rischi va incontro", scrive Antonellis nel suo articolo, riportando le parole di chi ha avuto modo di incrociare il nuovo premier.

Il governo di larghe intese è stata una strategia di andreottiana memoria: in accordo con Sergio Mattarella, infatti, Mario Draghi avrebbe deciso di attuale la cosiddetta "politica dei due forni". Marco Antonellis la spiega molto bene: "Per acquistare il pane, cioè per fare la politica più congeniale ai propri interessi si servirà di volta in volta di uno dei due forni a disposizione, quello di centrodestra o quello di centrosinistra". Così si spiegherebbe la variegata maggioranza che Draghi ha chiamato a sé, dove sono presenti tutti i partiti eccezion fatta per Fratelli d'Italia, unica opposizione in un governo di larghissime intese. La presenza della Lega di Matteo Salvini insieme al M5S e al Pd concede al presidente del Consiglio spazi di manovra molto ampi.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 22/02/2021 - 11:42

Ci vogliono i fatti. Se segui la sinistra, sei spacciato.

bernardo47

Lun, 22/02/2021 - 11:58

Forza Dini....

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 22/02/2021 - 12:02

Mario Draghi è stato scelto dal Presidente Mattarella, quindi lui ha il potere ed il dovere di fare il suo lavoro. Però il Popolo ha anche Lui i suoi diritti, fra i quali quello di non essere ignorato e di far sentire il suo pensiero.

Ritratto di scapiddatu

scapiddatu

Lun, 22/02/2021 - 12:14

Quale è stata la prima cosa che hanno pensato.... quella di voler disconoscere il principio scritto all'art. 1 comma 2 della costituzione , in concreto ((((LA D E M O C R A Z I A)))). (La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione). Mi pare che ci sono riusciti perfettamente, anzi in modo peggiore, perché invece di decentrare il potere legislativo e amministrativo lo hanno sempre più accentrato nella figura del Presidente della repubblica, del Primo Ministro e del potere esecutivo. Con questo "tableau", comunque, siamo ben distanti dal vissero e felici contenti. La sovranità appartiene al popolo!!!???!!!???....se non ci fosse da piangere ci sarebbe da ridere.

necken

Lun, 22/02/2021 - 13:38

il governo Draghi è democratico e legittimato dal Parlamento! se non tutti ne sono convinti se ne facciano una ragione

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Lun, 22/02/2021 - 14:18

Il governo Draghi e' legittimato dal Parlamento, e IL PARLAMENTO E' LEGITTIMATO DALL'EUROPA, CHECCHE' NE PENSINO I LEGITTIMI ELETTORI, CHE ORMAI CONTANO MENO DEL DUE DI PICCHE.

sbrigati

Lun, 22/02/2021 - 15:05

In parole povere avrà quei pieni poteri che nessuno, pd e 5stalle in primis, voleva fossero concessi.

rigampi1951

Lun, 22/02/2021 - 16:12

Bravo recken lei ha completamente ragione, ma sembra proprio che tanti non lo hanno ancora capito come funzionerà d'ora in poi

marzo94

Lun, 22/02/2021 - 16:55

Legittimato.. dal PD: basta e avanza, il partito del Potere che comanda ininterrottamente da 10 anni senza mai vincere le elezioni e precipitando nel numero di seggi (ad ora l'11%, di fronte al potere totale in tutti i sotto ministeri e nella pubblica amministrazione). Un colpo di stato strisciante e perfetto, grazie al loro uomo di turno al Quirinale (sembra che spetti a loro quasi per legge costituzionale: infatti questa legislatura va avanti solo per evitare che dopo 30 anni si possa lontanamente immaginare che al Quirinale vada uno non strettamente PD.) Paese ormai a democrazia limitata (assai).

mariolino50

Lun, 22/02/2021 - 17:05

necken Il governo sarà legittimato dal parlamento, ma che sia democratico ne dubito, le leggi le dovrebbe fare il potere legislativo, e non l'uomo solo al comando, non è previsto in nessun articolo della costituzione, e se anche ci fosse sarebbe un obbrobrio. A quanto pare a molti piace obbedire a scatola chiusa.

Ritratto di Koerentia

Koerentia

Lun, 22/02/2021 - 18:38

Se Draghi ama l'Italia come spero deve scovare i vaccini e farci vaccinare tutti in massa e da lì il Paese riprenderà a crescere. Non c'è altro.