L'Italia ora è senza mascherine. Le abbiamo "regalate" alla Cina

Chiesto aiuto a Bruxelles con il meccanismo di protezione europea. Nessuna risposta

L'Italia ora è senza mascherine. Le abbiamo "regalate" alla Cina

L'Italia ha chiesto aiuto all'Europa per le mascherine anti virus, ma gli stati membri si sono ben guardati dal rispondere dimostrando solidarietà. Anzi Francia, Germania e Repubblica Ceca hanno bloccato le esportazioni delle protezioni che servono come il pane. Però è stata l'Italia a farlo per prima il 25 febbraio. L'assurdo è che, nella settimana precedente al contagio da noi, mandavamo in Cina 2 tonnellate di protezioni individuali, comprese le mascherine, difficili già allora da reperire sul mercato, come «regalo del governo italiano» con tanto di bandierina tricolore. Non solo: la Farnesina del ministro degli Esteri Luigi Di Maio nasconde le informazioni sul carico come il costo e il numero di mascherine richieste dal Giornale.

Il governo italiano alla fine dello scorso mese aveva attivato il Meccanismo di protezione civile Ue per chiedere mascherine agli altri stati membri. Peccato che nessuno abbia risposto all'appello. Il ministro della salute, Roberto Speranza, riunito ieri a Bruxelles con gli altri colleghi europei è convinto che «non dobbiamo farci la guerra con il solo rischio di far aumentare il prezzo» delle protezioni. «Non bastano le parole, ma fatti e tempi brevi. Per questo abbiamo chiesto maggiore coordinamento e velocità» ha aggiunto Speranza. La scorsa settimana è stata lanciata una richiesta di «acquisti congiunti di materiali sanitari protettivi» da venti stati membri della Ue. Lunedì si spera di ottenere delle risposte, ma in Italia servono milioni di protezioni. Il capo della protezione civile, Angelo Borelli, ha dichiarato che sono «state acquisite sul mercato 970mile mascherine. Dalla settimana prossima dovremmo avere la fornitura di almeno 2 milioni». Il primo marzo, però, aveva detto che il fabbisogno era di 5 milioni di mascherine. I fornitori non riescono a soddisfare le richieste come è capitato con un ordine di 4 milioni di dispositivi di protezione della regione Lombardia.

Alle forze di polizia sono state distribuite 37mila mascherine, ma erano rimaste di scorta solo 17mila. Altre 100mila dovevano arrivare in questi giorni dalla Svizzera e il capo della polizia, Franco Gabrielli ha garantito che da metà marzo verranno acquistate 50mila mascherine Ffp2 e Ffp3 a settimana. Si spera che sia così, ma il mercato non riesce a coprire l'enorme domanda, che prima del virus veniva soddisfatta almeno per metà dalla produzione cinese. Oggi in Cina vengono sfornate 116 milioni di mascherine al giorno soprattutto per l'emergenza interna.

Anche per questo suona paradossale il «dono» del governo italiano alla Cina di 2 tonnellate di dispositivi individuali di protezione ovvero tute, guanti, occhiali e mascherine. Le foto degli scatoloni imbarcati su un volo dell'Onu decollato da Brindisi il 15 febbraio fanno vedere la bandiera tricolore appiccicata sugli imballaggi con la scritta in varie lingue «dono del governo italiano». Tutto materiale di importazione pagato dalla Cooperazione internazionale.

Sempre il 15 febbraio, come si legge sul sito della città di Firenze, imprenditori italiani, come Giorgio Moretti e Jacopo Mazzei e cinesi «si sono mossi per donare (a Pechino nda) mascherine utili contro la diffusione del Coronavirus grazie all'input del sindaco Dario Nardella». E si ammette, pochi giorni prima dell'emergere del contagio in Italia, che «la ricerca è stata molto complessa poiché la domanda di mascherine è molto cresciuta con l'emergenza. Però ne sono state trovate 250.000 inviate a Shanghai».

Ieri il ministro Speranza ha sostenuto che «non abbiamo problemi di mascherine al momento in Italia». Peccato che nelle ultime 48 ore i pediatri milanesi hanno denunciato forniture irrisorie. Gli interventi chirurgici sono stati bloccati negli ospedali di Moscati di Avellino e Landolfi di Solofra per mancanza di mascherine. L'ordine dei medici di Cosenza denuncia che «nessuna iniziativa organica e strutturale è stata ancora assunta per dotare tutti gli operatori sanitari dei necessari equipaggiamenti di difesa personale dal contagio (mascherine idonee, tute, visiere)».

Commenti