Mattarella non si fida ancora "La situazione resta incerta"

Il presidente della Repubblica attende gli effetti del suo ultimatum a M5s-Pd. Il piano B: governo di garanzia

Inadeguati, incapaci. Dilettanti allo sbaraglio. La faccia perplessa e anche un po' schifata di Sergio Mattarella, l'altra sera in diretta tv, non aveva bisogno di un esperto di fisiognomica per essere interpretata. Pd, Cinque stelle, Lega, tutti o quasi insufficienti, inconcludenti e inconsapevoli della gravità del momento. Però siccome è questo che passa il convento, il capo dello Stato ora deve sperare che il suo ultimatum abbia effetto e che i partiti tornino sul Colle con qualcosa di più di generiche intenzioni. C'è tempo fino a mercoledì sera. I primi segnali sembrerebbero buoni, dem e grillini si sono visti, ma «la situazione è incerta» e il presidente non si fida. Del resto, come potrebbe?

A Montecitorio il barometro della crisi è tornato a segnare bel tempo. Per i plenipotenziari Pd Andrea Marcucci e Graziano Delrio «la riunione si è svolta in un clima positivo» e «non ci sono ostacoli insormontabili». Secondo il folto gruppo di negoziatori pentastellati, Patuanelli, D'Uva, Silvestri e Perilli, «l'aria è costruttiva». Di più: «Noi non abbiamo altri tavoli di trattativa aperti», giurano i grillini. Sarà vero?

Tanto entusiasmo non è però condiviso dal Quirinale. Certo, le notizie sono discrete, l'impegno sembra esserci, la volontà di stringere un patto pure.«Ci stanno provando», osservano dal Palazzo dei Papi. Ma, ci si chiede, siamo sicuri che i 5s abbiano chiuso il doppio forno? Luigi Di Maio ha flirtato fino all'ultimo con Matteo Salvini e ancora adesso i contatti amorosi proseguono sotto traccia. Il Carroccio le prova tutte per ricucire. Giancarlo Giorgetti, ad esempio, mette in luce come gran parte dei dieci punti illustrati da Di Maio siano parte integrante del contratto di governo con noi. E Gian Marco Centinaio è sicuro che alla fine Carroccio e Cinque stelle faranno pace e torneranno insieme.

Ora, l'inaffidabilità dei grillini è nota e conclamata. E nelle ultime ore le mosse a zig zag del capo politico del movimento non rassicurano il capo dello Stato. Ma oltre a Di Maio, sotto i riflettori del Colle sono finite pure le dichiarazioni incendiare di Alessandro Di Battista, l'editoriale di Travaglio che paragona il Pd alla Libia e il bombardamento sul web dei militanti delusi dall'ennesima giravolta. Riusciranno - è la domanda - i vertici a tenere il timone sulla trattativa?

Non che, agli occhi di Mattarella, al Nazareno siano messi tanto meglio. L'immagine che esce fuori, al di là di un'unità di facciata, è quella di un partito lacerato, indeciso, forse incapace di reggere una svolta importante come un'intesa programmatica di governo con i nemici giurati degli ultimi sette-otto anni. Senza dimenticare il fattore Renzi: l'ex premier lavora per raggiungere un accordo duraturo o per spaccare tutto al momento opportuno?

Tutto ciò alimenta i «dubbi» e le preoccupazioni del presidente. Mattarella, dopo la strigliata generale dell'altra sera, aspetta che il patto maturi nel weekend, intanto domenica metterà altra distanza fisica dalla crisi, partecipando all'anniversario dell'eccidio di Fivizzano con il presidente tedesco Franz-Walter Steinmeier. Lunedì verrà diramato il calendario ufficiale della consultazioni e già lì si capirà come stanno andando le cose. I partiti verranno ricevuti martedì e mercoledì, dai più piccoli ai più grossi: se il presidente programmerà colloqui lunghi, significa che il negoziato fa progressi. Se invece saranno incontri da un quarto d'ora o poco più, vuol dire che il tentativo è fallito e si passa al piano B, un governo di garanzia elettorale per votare in autunno.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 24/08/2019 - 08:39

altro che incerta! se mattarella aspetta ancora, il significato è uno solo: vuole mettere l'italia nelle mani degli incapaci, non quelli piu bravi o magari solo piu furbi, ma proprio gli incapaci: il M5S !! altrimenti, se mattarella fosse stato veramente saggio, avrebbe dato mandato al legittimo centrodestra, quello delle elezioni del 2018 ! cioè ai soli partiti FI-FDI-LEGA ! stop!

VittorioMar

Sab, 24/08/2019 - 08:49

....PRESIDENTE faccia la sua scelta e...ANDIAMO A VOTARE !!...non si fidi di CHIACCHIERONI E VENDITORI DI TAPPETI non si fiderebbe neanche ...il BANCO DEI PEGNI ...sono alchimie mal riuscite...!!

amicomuffo

Sab, 24/08/2019 - 08:53

speriamo che venga applicato il piano B. Non vedo alleanze solide in vista.

Ritratto di Sergio Sanguineti

Sergio Sanguineti

Sab, 24/08/2019 - 08:58

Perché non in governo zinga-rella?... Il presidente, sempre inespressivo, si dimetta e, con lo zinga, al posto di Savini formi lo "Zinga-rella", così gli italiani siano rassicurati da uno stato sempte più ingessato ma, almeno, possano essere allietati dalle note di Giuseppe Verdi, "Il Trovatore", atto 2°, ballo della zingarella...

19gig50

Sab, 24/08/2019 - 09:00

Ma come potrebbe fidarsi di queste persone che negli anni hanno dimostrato il loro disinteresse per gli italiani, per i terremotati, per le società fallite per colpa di banca etruria, per le famiglie che vivono, con bambini piccoli, nelle auto senza una casa? Gente che insieme ai preti pensa solo al benessere di parassiti che non fuggono da alcuna guerra ma, che sono attirati dal fatto di essere considerati risorse preziose solo per chi sfrutta questa immigrazione. Presidente se non vogliamo rischiare fatti incresciosi in quest'Italia martoriata, faccia bene i suoi calcoli e non cada negli errori dei suo predecessore che, ha contribuito alla nostra rovina.

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Sab, 24/08/2019 - 09:01

Se ne vanno piano continuando a litigare,perche' le sinistre son cosi'.Caro predidente la scelta migliore sono le elezioni,non si immisci in questa farsa,ci mandi a votare.

Duka

Sab, 24/08/2019 - 09:01

Alla vista di questo spettacolo indegno, indecoroso, indecente nei confronti di milioni di cittadini che non arrivano alla 3° settimana del mese, a qualunque persona di senno verrebbe il voltastomaco.

giovanni951

Sab, 24/08/2019 - 09:02

a non fidarsi di un inciucio pd m5s fa benissimo, non durerebbe, ma lasci perdere governi e governicchi vari, BASTA con questi pastrocchi.....si deve andare a votare.

lillo44

Sab, 24/08/2019 - 09:17

........il Presidente ancora non si fida e allora faccia tornare al voto gli Italiani ed eviti questo pastrocchio/inciucio destinato a tornare al voto tra qualche mese!!

Albius50

Sab, 24/08/2019 - 09:18

Se sono credibili le notizie pubblicate sul GIORNALE relative alle elezioni TRUMP in cui si parla di Renzi e Gentiloni ecco forse il Presidente Mattarella ha un problema serio con gli USA ad appoggiare il PD. (SAREBBE UNA MAREA DI DAZI CONTRO L'ITALIA CHE NON VERREBBE + CONSIDERATA UNA NAZIONE AMICA)

trasparente

Sab, 24/08/2019 - 09:29

3, 2, 1...scommetto che arriva un bel governo tecnico Made in Europa...

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 24/08/2019 - 09:31

Se non si fida Mattarella figuratevi se ci possiamo fidare noi! Incombe il "governo degli ignoranti", con la minaccia di vederci inglobato dentro anche tale Di Battista, a suo tempo conosciuto come "il Viaggiatore". Ma la minaccia più concreta sta nella ripresentazione del "professore", magari riproposto come Presidente del "mal consiglio". Nuove elezioni ad ottobre: giudizio agli elettori, cioè al Popolo, non ai parolai.

ginobernard

Sab, 24/08/2019 - 09:38

spero che nessuno voti il governo di garanzia chi lo vota è un buffone il governo lo devono decidere gli elettori punto e a capo

xgerico

Sab, 24/08/2019 - 09:43

@giovanni951-Sab, 24/08/2019 - 09:02- ma il Governo M5S-lega invece cosa era un fidanzamento e non un inciucio?

xgerico

Sab, 24/08/2019 - 09:48

@02121940-Sab, 24/08/2019 - 09:31- Che non si fida lo scrive il giornalista e non Mattarella, anche perche il "giornalista scrive dalla sua scrivania che e situata a Milano. Si immagini che notizie possa attingere ( le ricordo che la sede di Roma del Giornale qui a Roma ha chiuso).

Ritratto di lurabo

lurabo

Sab, 24/08/2019 - 09:52

Mattarella non si fida? e la maggior parte degli Italiani, quelli non contano niente come al solito?

steluc

Sab, 24/08/2019 - 10:00

L' incipit dell articolo è corretto, ma forse se il Pdr avesse fatto sentire la sua voce in precedenza non saremmo a questo punto, ad esempio sullo strapotere della magistratura nella gestione dell immigrazione, o sui no a tutto dei 5s.Prevenire meglio che curare, ora se non ci manda al voto espone la presidenza a critiche seppur ingiuste.

marinaio

Sab, 24/08/2019 - 10:08

Qualunque cosa succeda, Mattarella NON ci porterà MAI alle elezioni anticipate. Lui è uomo di sinistra!!!

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Sab, 24/08/2019 - 10:09

Presidente Mattarella,ascolti la voce del popolo:lo mandi a votare !

arkangel72

Sab, 24/08/2019 - 10:10

Pur di non andare alle elezioni, il presidente si inventerà qualsiasi formula, non prevista dalla Costituzione, pur di non penalizzare il suo partito da una eventuale tornata elettorale! L'occasione è ghiotta per far tornare i sinistrati al governo! Non se la lasceranno scappare facilmente. Ringrazio Salvini per questo!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 24/08/2019 - 10:23

Le sistematiche velleità egemoniche della sinistra sono nel suo DNA. Chiunque si muoverebbe con estrema cautela prima di contrarre patti leonini coi kompagni, proverbiali unici depositari della verità rivelata. Già: chiunque. Tranne, naturalmente, i bibitari da stadio.

carpa1

Sab, 24/08/2019 - 10:29

Il vero punto è che il Ponzio Pilato che occupa tutt'ora il Quirinale preferisce pulirsi le mani stropicciandosele con i fogli della costituzione piuttosto che guardare alla realtà delle cose; lasciamo stare i sondaggi, ma TUTTE le tornate elettorali da un anno a questa parte (amministrative ed europee) danno una lettura radicalmente diversa circa l'orientamento del corpo elettorale. Il non volerne tener conto, dimostrando di preferire un governo politico al posto di uno che porti alle elezioni tra un paio di mesi (ambedue governi costituzionali del resto) significa solo una cosa: voler riesumare ciò che gli elettori hanno già scartato. Peggio della peggior democrazia cattocomunista di tutti i tempi.

Jon

Sab, 24/08/2019 - 10:30

Il PDR sa benissimo dove vuole arrivare..!! Lui protegge i "MERCANTI" LE BANCHE E L'OLIGARCHIA FINANZIARIA DEI COTTARELLI.. Pensi agli Italiani..!! E' UN OBBLIGO..!!

xgerico

Sab, 24/08/2019 - 10:32

@arkangel72-Sab, 24/08/2019 - 10:10. le formule sono previste dalla costituzione altrimenti il presidente non potrebbe applicarle. le pare?

jaguar

Sab, 24/08/2019 - 10:44

Governo di garanzia per chi, per noi o per l'Europa?

Ritratto di spectrum

spectrum

Sab, 24/08/2019 - 10:45

Ci sono solo 2 partiti, pro UE e multinazionali (sudditi, burattini) o pro Italia (Salvini, FDI), per la prima scelta va benissimo votare PD. M5S salta tra le 2 caselle, non ha piu identita'. A parte Salvini, unico che ha disobbedito all'UE, tutti gli altri, presto o tardi, specie se comprati da soldi o incarichi, diventano cagnolini obbedienti. L'UE comanda tramite i suoi big, merkel, macron, anche se i comandanti sono altri, come Soros che fanno salire e scendere lo spread con pochi click di mouse, e non ci rispetta, intima che al governo non vada salvini ... (follia, siamo all'intromissione totale), quindi vale la pena battersi per Italexit quanto prima.

unosolo

Sab, 24/08/2019 - 10:50

Il Presidente sa che i grillini hanno avuto tutti quei voti per il programma sventolato di voler regalare soldi sia con il RDC che finanziamenti al SUD fermando le grandi opere e eolico , niente TAP e niente TAV , quindi se gli desse il mandato all'inciucio con il PD andrebbe contro tutta la Nazione del LAVORO , quindi dovrebbe escludere e sciogliere le camere dare il mandato ad una persona di sua fiducia per guidarci alle elezioni in primavera , questo per il bene della Nazione che LAVORA , unica via per rimettere in corsa la Nazione tutta ,

Savoiardo

Sab, 24/08/2019 - 10:50

Memento: Mattarella e' un siculo.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 24/08/2019 - 10:54

XGERICO infatti non ha applicato le formule previste dalla costituzione alle ultime elezioni quelle del 2018, assegnando (primo caso in tutta la storia della repubblica) a un governo non legittimo , con una lega estrapolata dalla coalizione centrodestra e mettendosi con il M5S che NON ha mai vinto quella competizione elettorale!

Xplr

Sab, 24/08/2019 - 11:59

Il ribaltone oltre che essere sfacciato nei confronti dell'opinione pubblica, diventa irrealizzabile a lungo termine per mancanza di accordi all'interno dei due partiti di sinistra. Rimane Il solito e sistematico governo di transizione con i soliti professori di sinistra alla compagine governativa. Purtroppo non ci sono altre soluzioni. Gli elettori di destra liberali devono ficcarsi in testa che l'unione del centrodestra è un fattore primario, e devono imparare a punire chi tradisce.

xgerico

Sab, 24/08/2019 - 12:03

@mortimermouse-Sab, 24/08/2019 - 10:54 Sei di memoria corta, i partiti e gli eletti sono senza vincolo di mandato, possono fare disfare a loro piacimento i varii Governi, con il beneplacido del presidente. Se poi i partiti litigano tra di loro la colpa non e del presidente, ma di chi durante la legislatura mette i bastoni tra le ruote! N0?

rudyger

Sab, 24/08/2019 - 12:15

In Spagna già avrebbero fissato la data delle elezioni. Ma in Spagna hanno il RE.D'altra parte la nostra è una repubblica democratica.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Sab, 24/08/2019 - 12:18

I sinistri sono stati già rottamati dagli elettori, questi miserabili che cercano il potere senza essere eletti da alcuno. I loro presunti soci hanno comperato i voti promettendo uno stipendio senza far nulla, ma la realtà li ha travolti e dal 33% sono passati un anno dopo al 18% ed ora nei sondaggi non arrivano al 10%. Poi arriviamo a matterello, buono quello, vediamo se rischia una rivoluzione o ci fa votare?? Vediamo che valore dare ai principi democratici.

agosvac

Sab, 24/08/2019 - 12:41

Egregio Signor Presidente, non è vero che la situazione sia incerta: la situazione è chiarissima. Se si vuole un Governo serio e coeso bisogna permettere agli italiani di votare da chi vogliono essere governati. La certezza è che gli italiani non vogliono essere governati né dal PD né da lei.

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Sab, 24/08/2019 - 12:52

C'è un piccolo problema. Mattarella rappresenta il parlamento infestato dai partiti politici. Mattarella non rappresenta neppure formalmente i sudditi italiani , i quali non l'hanno scelto e neppure votato. Mattarella non mi rappresenta, ed io vorrei andare ad abitare al quirinale per circa sei mesi alfine di visitare per bene Roma, visto che , dicono, il quirinale sia di tutti i cittadini.

xgerico

Sab, 24/08/2019 - 13:14

--@mortimermouse-Sab, 24/08/2019 - 10:54 Sei di memoria corta, i partiti e gli eletti sono senza vincolo di mandato, possono fare disfare a loro piacimento i varii Governi, con il beneplacido del presidente. Se poi i partiti litigano tra di loro la colpa non e del presidente, ma di chi durante la legislatura mette i bastoni tra le ruote! N0?

Ritratto di alejob

alejob

Sab, 24/08/2019 - 13:35

Egr. Presidente, fa bene a non fidarsi degli avvoltoi, che vogliono ancora rovinare il nostro paese. Questi personaggi, se vanno al potere, faranno ancora più male di quello che hanno fatto, per il semplice motivo, per farsi VEDERE che sanno GOVERNARE, metteranno in GINOCCHIO GLI ITALIANI, ingrassando quelli che da sempre li sostengono, peri PROPRI INTERESSI.