Mattarella vuole maggioranze solide. Il Colle in attesa fino al 20 gennaio

Il richiamo a Conte nell'incontro pomeridiano. "Devi fare un'altra apertura per uscire subito da questa condizione di incertezza". L'idea di far sfogare i duellanti, prima di tirare le fila

Lo guarda fisso negli occhi, scuote appena la testa e gli spiega che ha sbagliato tutto. «Devi fare un'altra apertura. Devi uscire velocemente, anzi subito, da questa condizione di incertezza». Insomma, caro Conte, se vuoi salvare il governo ti tocca fare marcia indietro e cercare di recuperare Renzi. E scordati i giochetti parlamentari. «La situazione della pandemia è allarmante», ricorda infatti il capo dello Stato, non si può pensare di governare il Paese con qualche responsabile sparso: serve una maggioranza «solida». E più che un consiglio, quella di Sergio Mattarella è una piccola lezione di politica, condensata un faccia a faccia a metà mattina. Quando esce, il premier ripete quasi parola per parola il verbo quirinalizio: «Lavorerò fino all'ultimo per rafforzare la coalizione e mi auguro che si possa siglare un patto di legislatura. Il governo deve avere basi solide, non può prendere un voto qua e uno là».

Ecco. Ma per Matteo Renzi è troppo poco e troppo tardi, le ministre di Italia Viva si dimettono e la crisi si apre anche dal punto di vista formale. La palla però non è ancora al Quirinale, dove aspettano a breve un'altra visita di Conte. Riconsegnerà il mandato? Andrà alle Camere? Chiederà tempo per cercare di ricucire, come gli suggerisce Mattarella? Non tanto, giusto qualche giorno per verificare se ci sono margini. Nonostante tutto lo spazio per una mediazione sembra esistere ancora, il Rottamatore ha rotto ma non ha rottamato la coalizione. Ha persino assicurato il voto al Recovery, allo scostamento di bilancio, ai ristori, agli altri provvedimenti per l'emergenza della pandemia. Se il presidente del Consiglio troverà il modo di andare a Canossa, Iv potrebbe trovare il modo di far sopravvivere la maggioranza, forse persino Conte. «Nessuna pregiudiziale sui nomi», giura il senatore di Firenze, e magari è un altro modo di dire «Giuseppe stai sereno».

In questo scenario fluido di una crisi dichiarata e non concretizzata, Mattarella si muoverà come al solito con prudenza e «risolutezza». La prima mossa sarà quella di stendere una rete protettiva sul Paese, cercando di assicurare, comunque vada, una presenza e una continuità sulla gestione del Covid e dell'economia. Per il Colle le turbolenze della politica interna non possono mettere a rischio l'accesso al Recovery Plan: le nostre «fragilità strutturali» sono troppo gravi, non ci possiamo7 permettere di perdere l'occasione per rilanciare l'Italia. La gente, già distante dai riti del Palazzo, non «reggerebbe». C'è il pericolo di uno scollamento sociale.

La seconda mossa, molto vecchia scuola democristiana, consiste nel far bollire i duellanti prima di tirare le fila. Di farli sfogare. Conte in realtà si era portato avanti con il lavoro, con quei tweet battaglieri contro Iv e la gran voglia di sfidare l'Aula. Pd e Grillo lo avevano già ripreso e ora, dopo il colloquio al Colle, il premier ha decisamente abbassato le penne. Si spera solo che mantenga questo atteggiamento. Quanto a Renzi, ci sarà bisogno di qualche giorno in più: per quante se ne erano dette, era impensabile che rinunciasse a ritirare la sua delegazione dall'esecutivo, perdendo la faccia. Però ha pure evitato rotture definitive.

Così Mattarella lascia decantare la situazione, sperando che «lo spirito da costruttori» si faccia vivo. Ma solo pochi giorni, perché i problemi del Paese non aspettano. C'è una data, il 20 gennaio, quando le Camere voteranno lo scostamento di bilancio. Dopo di che, se i giallorossi non si metteranno d'accordo, il capo dello Stato troverà un'altra soluzione.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Giorgio Colomba

Gio, 14/01/2021 - 10:03

Nel Paese il cui primo articolo della Costituzione recita che la sovranità appartiene al popolo, parlare di elezioni è sempre una bestemmia. Grazie Mattarella.

Ritratto di dlux

dlux

Gio, 14/01/2021 - 10:06

"Maggioranze solide"...basta che ci sia dentro il PD, vero presidente Mattarella? E' lo stesso requisito richiesto all'indomani delle votazioni che avevano visto vincente la coalizione di centrodestra, ma all'epoca far vincere la destra era un'eresia, vero, presidente Mattarella? Ed ora cosa inventerà, presidente Mattarella? Quale oscuro trafiletto della Costituzione le verrà in aiuto, presidente Mattarella? Ce lo dica quale coniglio verrà fuori dal cilindro del prestigiatore, presidente Mattarella!

Alfa2020

Gio, 14/01/2021 - 10:10

Mattarella fa di tutto che resta questo schifo di governo a paura che se ne deve andare pure lui ma fosse lora pensavo che fosse meglio di Napolitano ci a fatto un colpo di Stato senza che noi Italiani ce siamo accolti

Darbula

Gio, 14/01/2021 - 10:15

Un po' come un maestro di scuola elementare che lascia che due marmocchi finiscano di menarsi prima di mettergli la nota. E siccome uno dei marmocchi era il capoclasse, adesso il maestro ne sceglie un altro. Questa non è politica, è pedagogia infantile.

carpa1

Gio, 14/01/2021 - 10:17

Maggioranza solida, attende fino al 20 gennaio ... attenda un attimo prima di tornare in letargo e ci specifichi "20 gennaio DI QUALE ANNO"; almeno potremo farci un'idea di quando si potrà andare alle elezioni. Ma gli italiani si rendono conto di come ci trattano, con un'emergenza che loro, i guitti, creano con la loro incapacità ed ignavia, che si permettono pure di protrarre fino ad aprile per poi sicuramente prolungare a tempo indeterminato? Altro che continuare a mettere davanti il fascismo come il male assoluto! Con tutti gli errori quelli almeno ha fatto anche cose che questi somari nemmeno si possono immaginare di saper e poter fare neppure con tutta la tecnologia che i tempi moderni mettono loro a disposizione; hanno distrutto il paese e la società e nella loro arroganza nemmeno se ne accorgono. Italiani, SVEGLIAAAAA!

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Gio, 14/01/2021 - 10:19

PDR, al peggio sembra non esserci limiti.

Ilsabbatico

Gio, 14/01/2021 - 10:23

L'unica cosa possibile sono le elezioni! Il popolo è sovrano e deve decidere.

tatoscky

Gio, 14/01/2021 - 10:26

Presidente Mattarella:" LA SOVRANITA' APPARTIENE AL POPOLO"

amicomuffo

Gio, 14/01/2021 - 10:30

Presidente in questo momento avete avuto il vostro 8 Settembre ( ovvero si salvi chi può), ma purtroppo voi tutti non ve ne siete resi conto.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 14/01/2021 - 10:31

Se lo sogna una maggioranza solida senza passare per le elezioni:-)

Ilsabbatico

Gio, 14/01/2021 - 10:32

Cossiga è stato l'ultimo vero e grande PDR. Spero che prima possibile , l'Italia possa diventare una repubblica presidenziale. Almeno così saranno gli italiani a decidere il LORO presidente...

amedeov

Gio, 14/01/2021 - 10:48

Presidente Mattarella stracci la Costituzione, tanto nessuno la rispetta incominciando da Lei che ne è il garante

Ritratto di antonio4747

antonio4747

Gio, 14/01/2021 - 10:52

Il Presidente afferma che il Paese ha bisogno di decisioni urgenti e poi Lui stesso tentenna e rinvia. Ma dove siamo finiti? C'è una crisi di governo allora attivi subito le convocazioni, chieda a Conte di dimettersi come dovuto e poi trovi le soluzioni. Altro che continuare a rimandare ad libitum.

carpa1

Gio, 14/01/2021 - 11:01

"Il pesce puzza dalla testa": questo il motivo per cui non si può andare al voto prima dell'elezione del nuovo pdr, affinchè ci venga appioppato il quinto consecutivo (sesto considerando i due disgraziati mandati del despota Giorgio) di chiara e consolidata fede sinistra con tutte le conseguenze che conosciamo, anzichè comportarsi da arbitro super partes come prevede la costituzione. Ricordiamoci che tutto il casino che ne è uscito è soprattutto stato causato dalla determinazione con cui questo capo dello stato non ha voluto riconoscere che l'unica soluzione uscita dalle urne nel marzo 2018 era la scelta di un governo di cdx che, come coalizione, aveva una maggioranza con un programma dichiarato, a differenza di partiti o movimenti in ordine sparso che non offrivano garanzia alcuna se non la certezza di provocare litigi e separazioni dovute alle profonde differenze di vedute in tutti i campi tranne che in quello di accomodarsi nelle comode e ricche poltrone parlamentari e non.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 14/01/2021 - 11:09

State tramando il solito inciucio? Già sembrava abusivo il precedente governo, quello nuovo reimpastato come dovremmo definirlo?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 14/01/2021 - 11:12

Vuole maggioranze solide il pdr? COn questa sinistra non tira fuori nessuna maggioranza. A meno che Renzi perda la faccia.

Ritratto di moshe

moshe

Gio, 14/01/2021 - 11:17

Adesso Mattarella vuole maggioranze solide ... ... ... e allora cosa farà, accetterà un'accozzaglia di partitini che daranno la fiducia a Conte, pronti subito dopo a presentargli il conto ed a pretendere che il favore venga reso? MI AUGURO CHE MATTARELLA SMETTA DI PRESTARSI A QUESTE VERGOGNE !!!!!

CICERONE24

Gio, 14/01/2021 - 11:20

Questa del 20 gennaio lo sa solo Mattarella. Questo governo è finito, per cui vada a casa e voltiamo pagina. Non c'è bisogno di aspettare fin al 20 gennaio. Tanto non si può tornare indietro, a me o di inciuci.

ROUTE66

Gio, 14/01/2021 - 11:30

Mattarella NON vuole maggioranze solide,VUOLE che il PD anche se in MINORANZA nel paese,decida come gli ITALIANI debbano VIVERE.

ilrompiballe

Gio, 14/01/2021 - 11:32

L'unico modo per avere una maggioranza solida (?) sarebbero le elezioni, che PD.5S,IV non vorranno per l'ovvio motivo che sono sicuri di perdere la cadrega. Per molti sarebbe miseria nera.

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Gio, 14/01/2021 - 11:34

1.Più osservo la storia e la politica italiana di questi ultimi cento anni e più mi accorgo di come due moviment nati dalla stessa radicei, nati inizialmente sottobanco e poi ingigantitosi con l’uso indiscriminato dei mezzi d’informazione, abbiano trascinato in pochi anni la nazione e la popolazione italiana in una rovinosa situazione. Il comunismo internazionalista bolscevico e sovietico nato dalla Rivoluzione Russa del 1917 ed estesosi da noi dopo la prima guerra mondiale e quello più recente dei Cinque Stelle, fondato nientemeno che da un comico affabulante, ispirato sempre alla stessa linea” rivoluzionaria” dei vaffa… e sulle cenere lasciate nel mondo politico da una parte attiva di magistratura ideologizzata e rivoluzionaria che dalla crisi aveva salvato solo il PCI e i suoi nipotini.

ROUTE66

Gio, 14/01/2021 - 11:34

E tutto questo NON cambierà finche uno dopo aver cercato il MIO VOTO per portare avanti ciò che credo(e sia chiaro questo vale per TUTTI) PASSI POI NELLA SQUADRA AVVERSARIA. Cambiamo questa VERGOGNA e molte cose andranno a POSTO DA SOLE

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Gio, 14/01/2021 - 11:35

2. Entrambi i movimenti e addentellati si sono presentati come salvatori e in grado di dare le risposte volute dalla popolazione mediante un’aura di rottura col passato e promettendo mari e monti. Quasi una nuova religione laica e progressista, a scapito delle religioni e credo esistenti: internazionalista e totalmente contraria ad una politica conciliante di collaborazione tra i diversi strati della società e basata sull’odio di classe. Purtroppo il metodo usato si è rivelato disastroso in entrambi i casi. Il primo movimento ha provocato un’inutile strage e rovina in tutto il mondo con inutili milioni di morti e in Italia ad un partito che ha portato ad una lotta continua di classe, all’odio e all’uso di ogni metodo verso gli avversari politici, allo sfacelo delle istituzioni e che, protetto ad alto livello e trasformandosi “camaleonticamente”, è riuscito ad arrivare fino ad oggi.

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Gio, 14/01/2021 - 11:38

3. Gli stessi risultati politici nazionali e mondiali si sarebbero realizzati comunque, perché ormai maturi nella società, solo più lentamente e senza momenti cruenti. Il secondo ha portato all’attuale governo raffazzonato e mutevole , mai chiaramente e democraticamente eletto,portato avanti per evitare nuove elezioni, formato per lo più da gente completamente impreparata con cui i vari partiti di coalizione si sono trovati in difficoltà e disposti a restare al loro posto e a mantenerlo imperterriti, proprio alleata al giudizialmente salvato PCI/…Pd. Ma ci vuole tanto andare a nuove elezioni? La pandemia è una scusa. Negli altri paesi si vota tranquillamente.

Ritratto di moshe

moshe

Gio, 14/01/2021 - 11:42

Maggioranze solide? UN GOVERNO TUTTO DI CDX SUBITO E POI LE URNE !!!!!

27Adriano

Gio, 14/01/2021 - 11:47

Mattarella, l'Italia va a fondo, il tuo governo capolavoro sperpera senza cavare un ragno dal buco e tu attendi fino al 20???? E poi??

Pierluigi64

Gio, 14/01/2021 - 11:49

Per avere maggioranze solide non si deve guardare solo ai numeri, che peraltro ora non ci sono nemmeno più, ma anche alla coesione delle forze politiche che sono chiamate a farne parte. Questa coesione sulle cose da fare per il bene dell'Italia, come si è visto nell'ultimo anno e mezzo del governo Conte bis, non c'è perché si tratta di forze politiche con programmi contrapposti. Questo ha prodotto un'azione di governo lenta e inefficace. D'altronde è naturale che sia così perché il loro unico, vero elemento di coesione è sempre stato quello di impedire le elezioni dove probabilmente emergerebbe una maggioranza di centro destra, quella sì solida e in grado di governare. Quindi, avendo Mattarella permesso questa situazione è il primo colpevole.

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Gio, 14/01/2021 - 11:49

1. Più osservo la storia e la politica italiana di questi ultimi cento anni e più mi accorgo di come due moviment nati dalla stessa radicei, nati inizialmente sottobanco e poi ingigantitosi con l’uso indiscriminato dei mezzi d’informazione, abbiano trascinato in pochi anni la nazione e la popolazione italiana in una rovinosa situazione. Il comunismo internazionalista bolscevico e sovietico nato dalla Rivoluzione Russa del 1917 ed estesosi da noi dopo la prima guerra mondiale e quello più recente dei Cinque Stelle, fondato nientemeno che da un comico affabulante, ispirato sempre alla stessa linea” rivoluzionaria” dei vaffa… e sulle cenere lasciate nel mondo politico da una parte attiva di magistratura ideologizzata e rivoluzionaria che dalla crisi aveva salvato solo il PCI e i suoi nipotini.

maxxena

Gio, 14/01/2021 - 11:52

Mattarella sta riuscendo nell'intento di offuscare l'immagine del Presidente della Repubblica, le persone sono stanche di giochetti, voglio votare e soprattutto vogliono un Presidente che rappresenti il popolo e non i giochi di palazzo.

agosvac

Gio, 14/01/2021 - 12:03

Incredibile quanti danni sta riuscendo a fare Mattarella abbarbicandosi a Conte. Credo che in altri Paesi europei a quest'ora il Capo dello Stato si sarebbe dimesso, visto che non vuole dimettersi il Capo del Governo. E non ci venga a prendere in giro con la scusa della Pandemia! Con la Pandemia in Francia hanno cambiato Governo e negli USA hanno addirittura votato. Mi risulta che a breve voterà più di mezza Europa fregandosene della Pandemia. Solo Mattarella impedisce che in Italia si voti, rischiando una vera catastrofe!!!

Ritratto di Trinky

Trinky

Gio, 14/01/2021 - 12:04

La maggioranza solida è un paravento dietro a cui Mattarella si nasconderà sempre.......

machimo

Gio, 14/01/2021 - 12:14

Perché fa questi giochetti? Lui deve salvaguardare la costituzione e non l’ho fa! Deve rispettare il popolo e chiedere al popolo con elezioni a chi vogliono e basta. Il corvo bianco entrerà nella storia come rottamatore della patria. Vergogna