Il ministro Giannini: "Crocifissa per il topless"

Stefania Giannini: "A un ministro danese non sarebbe successo: questo è il contesto culturale e sociale in cui viviamo e approviamo le nostre leggi"

Il ministro Giannini: "Crocifissa per il topless"

"Io sono stata messa in croce per mesi perché prendevo il sole a casa mia, in Toscana, in una spiaggia praticamente privata. A un ministro danese non sarebbe successo: questo è il contesto culturale e sociale in cui viviamo e approviamo le nostre leggi". Il ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini, durante un dibattito sull'educazione sessuale nelle scuole durante l'evento "Il tempo delle donne", organizzato in Triennale a Milano, torna sull'affaire delle foto pubblicate nel 2014, che la ritraevano in topless in vacanza, per dire che "questo Paese non ha risolto i suoi tabù". Il ministro, parlando della necessità di far entrare i temi della sessualità nelle scuole, spiega di non aver problemi a parlare di sé, "non ho alcuna reticenza, sono una persona che ha risolto con naturalezza il suo rapporto con il corpo".