"Quel ministro è stato volgare". Così Salvini zittisce Asselborn

Dopo lo scontro al vertice dei ministri dell'interno a Vienna, il leghista liquida il collega: "Ha dato visibilità alla riunione"

"Quel ministro è stato volgare". Così Salvini zittisce Asselborn

Sono bastate poche parole a Matteo Salvini per liquidare l’omologo del Lussemburgo, Jean Asselborn. Sembrava quasi divertito il ministro dell’Interno nel rispondere alle domande dei cronisti in conferenza stampa a margine del vertice che si è tenuto a Vienna sulle migrazioni. "Ringrazio il ministro del Lussemburgo che ha dato visibilità a questa riunione...- ha detto il vicepremier - dei suoi toni pacati e il dibattito sereno se ne parla in tutta Italia. Chi non sapeva che ci trovavamo qui grazie al volgare ministro del Lussemburgo ora lo sa".

I fatti. Come noto, mentre il ministro Salvini stava esponendo ai colleghi europei la sua posizione sull'immigrazione, il responsabile lussemburghese degli Esteri e degli Affari europei lo ha interrotto criticandone la posizione. Salvini dapprima ha cercato di concludere il suo discoro, ma poi Asselborn ha perso la pazienza e, accendendo il suo microfono, è sbottato: "In Lussemburgo, caro signore, avevamo migliaia di italiani che sono venuti a lavorare da noi, dei migranti, affinché voi in Italia poteste avere i soldi per i vostri figli". E poi ha concluso il discorso con un'espressione colorita: "Merde, alors".

Sul momento Salvini non ha cercato lo scontro: "La buona educazione prevede di lasciar finire un intervento”, ha detto cercando di mantenere la calma. Poi però è stato più duro nella successiva conferenza stampa: "Chi non sapeva che ci trovavamo qui grazie al volgare ministro del Lussemburgo ora lo sa", ha detto Salvini liquidando con ironia quanto successo al vertice dei ministri dell’Interno dell’Ue.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti