Nasa su Marte col drone Ma la sonda è già in crisi

Dopo Cina e Emirati, l'America verso il Pianeta Rosso. La Perseverance cercherà segni di "vite"

Si cercano tracce di vita, anche se potrebbe essere una vita diversa da come la conosciamo sulla Terra. Per questo alcuni scienziati hanno coniato un nuovo termine, lyfe, un'altra life, la vita possibile oltre le nostre esperienze, qualcosa di vivo ma che non appartiene alla memoria condivisa. Perseverance avrà questo compito: il rover della Nasa, missione Mars 2020, è in volo verso Marte, a caccia di una vita possibile, passata o presente, sul pianeta rosso. Il razzo Atlas è stato lanciato ieri come da programma alle 13,50 ora italiana dalla rampa 41 di Cape Canaveral, in Florida. Se la navicella che trasporta il nuovo rover della Nasa sul «pianeta rosso» supererà le difficoltà tecniche emerse ieri sera (funziona solo con i sistemi essenziali, in uno stato noto come modalità sicura) Perseverance raggiungerà Marte il 18 febbraio 2021: sarebbe il quinto rover a completare il viaggio dalla terra dal 1997, e affiancherà Curiosity, già presente su Marte dal 2012. Gli ingegneri della Nasa hanno lavorato a lungo per correggere gli errori che Curiosity aveva presentato nella sua attività. Perseverance ha ruote più adatte per affrontare le asperità del terreno marziano, ed è stata migliorata la qualità delle telecamere, che potranno regalare immagini uniche. Ma soprattutto, attraverso un trapano manovrato da un braccio meccanico, il rover potrà collezionare una serie di campioni. Si cercano fossili ed elementi chimici che possano provare tracce di vita. Secondo Stuart Bartlett, scienziato del California Institute of Technology, c'è più probabilità di trovare lyfe che life, vita diversa dalla nostra. Ma gli americani sono convinti che qualsiasi cosa sia esistita, o esista, su Marte, sarà Pereverance a scoprirla. «C'è un motivo per cui chiamiamo il robot Perseveranza», ha detto l'amministratore della Nasa, Jim Brindestine. «Perché andare su Marte è difficile. In questo caso, è più difficile che mai perché lo stiamo facendo nel bel mezzo di una pandemia».

La Nasa non sarà però sola nei dintorni del pianeta rosso nel mese di febbraio. Appena una settimana fa è stata lanciata la sonda cinese Tianwen-1, e tre giorni prima aveva preso la via dello spazio la sonda Hope degli Emirati Arabi Uniti. Raggiungeranno tutte l'orbita di Marte nello stesso periodo. L'Europa si annuncia come quarta in lista: la missione ExoMars dell'Esa è attualmente in agenda per il 2022.

Il rover statunitense Perseverance è stato programmato dunque per raccogliere campioni, da 20 a 43, conservati in provette di titano. Lungo 3 metri e largo poco meno (2,7) atterrerà sul cratere Jesero, conca di un antico lago posto nel lato orientale del pianeta. Gli ultimi studi indicano la presenza passata di acqua sul pianeta rosso. Una recente ricerca pubblicata sulla rivista Scientific Reports e condotta dal Center for Space Science della New York University (NYU), ipotizza che il sottosuolo potrebbe ancora ospitare la vita. L'energia per sostenerla sarebbe infatti garantita dal costante bombardamento di raggi cosmici. Perseverance sarà affiancato nel suo lavoro da Ingenuity, un piccolo drone-elicottero, sperimentato per la prima volta in questa missione, leggerissimo «ragno» spaziale dalle lunghe zampe e dal peso di appena 1,8 chili. Tra le dotazioni del rover ci sarà un frammento di meteorite costituito principalmente da basalto, atterrato sulla terra circa mille anni fa in Oman e identificato come appartenente alla roccia marziana. Sayh al Uhaymir 008 (SaU 008) servirà a Perseverance per calibrare gli strumenti e analizzare meglio le rocce. Lo strumento che consentirà le scansioni si chiama Sherloc, dotato di due imager e due spettroscopi laser. La missione è frutto di sette anni di lavoro, 2,1 miliardi di investimento, e nelle intenzioni della Nasa porrà le basi per un futuro arrivo dell'uomo. Il rientro dei campioni sulla terra è previsto per il 2031 e costerà oltre 8 miliardi di dollari.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ROUTE66

Ven, 31/07/2020 - 10:21

Ma la sonda è già in crisi. Qualche centinaio di parole,in cui nascondere questa crisi. Ma nel"articolo si racconta altro.