Elezioni politiche 2022

"Il nome è il mio...". La Meloni punta a palazzo Chigi

La leader di Fratelli d'Italia ribadisce la propria candidatura al ruolo di premier: "Le regole si conoscono. Chi prende più voti propone il nome..."

"Il nome è il mio...". La Meloni punta a palazzo Chigi

"Il nome sono io, perché non dovrebbe esserlo?". La corsa verso Palazzo Chigi è ormai entrara nel vivo e Giorgia Meloni ha tutta l'intenzione di affrontarla a passo deciso. Fino in fondo. In un'intervista rilasciata a Rtl 102.5, la leader di Fratelli d'Italia ha infatti ribadito di essere in campo per ambire al ruolo di premier, come già aveva fatto nei giorni scorsi sull'emittente statunitense Fox News. Chiaro: saranno poi gli elettori a decidere chi dovrà effettivamente ricoprire quel ruolo, perché è questa la regola aurea del centrodestra.

"Le regole si conoscono. Il partito che prende più voti in una coalizione propone al presidente della Repubblica la figura che dovrebbe essere indicata che vorrebbe fosse indicata come premier. Spetta al presidente della Repubblica...", ha premesso la Meloni, avanzando poi la propria candidatura. "Il nome sono io, perché non dovrebbe esserlo? La cosa che non capisco è: perché la Meloni no? Io penso che chi vota Fratelli d'Italia voti in quest'ottica", ha aggiunto la leader di Fratelli d'Italia. Al momento, però, da parte sua nessuna anticipazione sulla squadra dei ministri di un ipotetico governo di centrodestra.

"A differenza di quello che piace molto alla stampa, non farò la campagna elettorale parlando di nomi, premier e ministri", ha affermato la Meloni, che sul punto era stata già piuttosto categorica nei giorni scorsi. Diversamente, gli alleati Matteo Salvini e Antonio Tajani si erano mostrati aperturisti al riguardo, avanzando l'idea di presentare agli italiani alcuni nomi chiave del possibile esecutivo di centrodestra. Sfumature a parte, stamani è stata la stessa leader di Fratelli d'Italia a evidenziare la compattezza della coalizione dell'area moderata, a differenza di quanto sta accadendo a sinistra.

"Il centrodestra è parecchio avanti nella stesura del programma, è una coalizione che ci ha messo mezz'ora a trovare delle soluzioni perché stiamo insieme per scelta. Dall'altra parte l'unica idea compatibile tra tutti è di battere la destra, la destra pericolosa. Se il tuo unico obiettivo è impedire agi altri di vincere è un tipo di campagna elettorale, noi facciamo campagna elettorale dicendo quello che vogliamo fare noi", ha affermato Giorgia Meloni su Rtl 102.5. Come accennato, già nei giorni scorsi la leader di Fratelli d'Italia aveva affrontato il tema della premiership e lo aveva fatto pure sulla scena mediatica internazionale.

"Nelle nostre regole di coalizione, il partito che vince può esprimere il premier per cui sì, io sono la leader di quel partito. Vediamo cosa succederà alle elezioni in Italia per cui sì, potrei essere la prima donna a guidare il governo italiano. Per me sarebbe un grande onore", aveva affermato l'esponente politica intervistata da Fox News nel corso della trasmissione "Mornings with Maria". In quell'occasione, la leader di Fdi era tornata anche a parlare di presidenzialismo ("Serve una riforma seria per le nostre istituzioni: continuiamo a essere convinti di una riforma in senso presidenziale") e di blocco navale come soluzione alle partenze illegali dei migranti verso l'Italia.

Commenti