"Non li voglio sotto casa mia...". La Catalfo pizzicata al telefono

Il ministro del Lavoro Nunzia Catalfo sarebbe stata sorpresa durante una conversazione al telefono da una dipendente di Air Italy: "Non voglio ritrovarmeli sotto casa"

"Non voglio ritrovarmi quelli di Air Italy sotto al Ministero". Parole sibilline che il ministro del Lavoro delle Politiche Sociali Nunzia Catalfo avrebbe pronunciato al telefono con un ingnoto iterlocutore appena ad un passo di uno di quei 1.500 dipendenti della Compagnia aerea italiana finiti sul lastrico dallo scorso febbraio, dopo la liquidazione in bonis dell'azienda.

La breve conversazione tra la ministra e il suo confidente si sarebbe consumata nella giornata di sabato 25 luglio, a bordo del treno Frecciarossa 9658 che da Salerno viaggia verso Milano. A raccontarlo è Patrizia Speziali, un'assistente di volo Air Italy che pare abbia 'beccato' la Catalfo proprio nel momento in cui avrebbe fatto l'infelice sortita. Ovviamente, il condizionale è d'obbligo poiché dal Dicastero non è giunta ancora smentita sulla circostanza. Fatto sta che il contenuto del post pubblicato su Facebook dalla dipendente della Compagnia ha sollevato un polverone mediatico - e non solo - nel giro di 24 ore.

Sui social, la donna afferma di aver sentito parlare una persona al cellulare che avrebbe menzionato - con un pizzico di imprudenza - la vicenda del vettore aereo, in grave crisi finiziaria dopo che gli azionisti Alisarda e Qatar Airways hanno deciso di mettere in liquidazione l'azienda licenziando in tronco oltre 1500 lavoratori. La 'illustre sconsciuta' (immediatamente identificata con il numero del ministero del Lavoro nonostante la mascherina sul volto) avrebbe dichiarato di non volersi ritrovare ''quelli di Air Italy sotto casa", ovvero fuori dalle porte di Palazzo Chigi. Un'asserzione di dubbio gusto in previsione del tavolo di confronto con i sindacati Filt Cgil, Uiltrasporti e Ugl concordato per il prossimo 4 agosto.

"E poi arriva il pomeriggio di ieri (sabato 25 luglio, ndr), Roma Termini, sono in anticipo e riesco a prendere il treno prima. Salgo e mi siedo. - scrive Speziali nel post - Treno deserto. Caldo. Sei stanca ma già sai che tornerai a Roma proprio mercoledì 29 perché con i tuoi colleghi Air Italy, tutti licenziati da febbraio, andrai a manifestare davanti al ministero delLavoro per chiedere di non essere dimenticati da questa politica tutta concentrata su Alitalia. Insieme ai tuoi colleghi sai che andrai per chiedere che ci sia pari dignità fra i lavoratori e che non si possono dimenticare 1.500 famiglie. Poi capita che senti una voce in sottofondo che non conosci affatto ma senti parlare proprio della vertenza Air Italy. Ti affacci. Guardi chi sta parlando e riconosci che a parlare è il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo. Non ci credi. Guardi ancora. Pensi non sia vero. È proprio lei. Le mascherine alterano i visi ma quello che sta dicendo al telefono mi lascerà senza parole", sottolinea. E continua: "Sentir dire a un ministro, il ministro, la ministra, colei che inseguiamo chiedendo proprio aiuto, che di 1.500 lavoratori della seconda compagnia aerea italiana che ha chiuso inviandoci una mail, lei non sa proprio nulla. Non si capacita di cosa vogliamo da lei, non vuole proprio vederci sotto casa sua mercoledì, così definisce il ministero. Chiede al suo interlocutore di convocare i sindacati proprio per lunedì (tre giorni fa si è in effetti tenuto un incontro con i sindacati, ndr) perché lei non vuole vederci a Roma, a casa sua, a disturbare la quiete e che, ribadisce, convoca sindacati solo per ascoltare e respingere al mittente. Alterna voce ferma e risate di sicurezza in ciò che dice, mentre io ho le lacrime agli occhi Il destino così assurdo ha voluto che ascoltassi quella conversazione dal vivo che mi ha sconvolto mentre continuo a guardare fuori dal finestrino di quel Frecciarossa 9658 che difficilmente dimenticherò". L'hostess di Air Italy ha pubblicato persino una foto di una persona seduta in prima classe con una mascherina sul volto che pare proprio essere l'attuale inquilina del ministero del Lavoro.

Intanto, da Palazzo Chigi non trapela neanche una parola sulla vicenda. Tuttavia, stando a quanto appreso dal quotidiano La Verità, la dipendente Air Italy avrebbe confermato l'incontro con il ministro già nei prossimi giorni. "Due giorni fa, la Catalfo ha fatto sapere di essere al lavoro per trovare una soluzione normativa che consenta ai lavoratori di accedere pienamente alle tutele previste dagli ammortizzatori sociali", spiega Patrizia Speziali al giornale. In attesa di fare luce sulla vicenda, i sindicati restano alla finestra, in attesa delle presunte "manifestazioni di interesse" fatte recapitare da alcuni azionisti alla compagnia.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 29/07/2020 - 11:24

È la stessa cosa dei komunisti pro-accojensa che, però,i neri sotto casa loro non li vogliono proprio vedere. Lo scandalo sta nel fatto che il 20% di italiani vota questa gentaglia ipocrita.

graffio2018

Mer, 29/07/2020 - 11:29

questo governo ha solo disprezzo per il popolo italiano, non l'avevate ancora capito?

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 29/07/2020 - 11:38

toh.... vedete come si "preoccupano" quelli del M5S :-) ahahahaha e li avete pure votati? ahahahahaah che razza di babbei che siete..... ahahahahaha

silvano45

Mer, 29/07/2020 - 11:51

I compagni e i loro amici giornalisti e giornaliste di regime che pensano di essere i più bravi intelligent i capaci generosi vogliono che siano gli altri a occuparsi dei migranti dei delinquenti non vogliono sporcarsi le mani e non vogliono vedere sotto casa nulla che li disturbi.....

Enne58

Mer, 29/07/2020 - 11:51

In pieno stile governo Conte. Non si affrontano i problemi, ma si evitano, e se propio non si riesce ad evitarli la colpa è degli altri, quindi che provvedano loro. Lo stipendione di fine mese però è nostro anche se non abbiamo fatto nulla

maxxena

Mer, 29/07/2020 - 12:04

il popolo ed i lavoratori nello specifico infastidiscono molto questa classe politica....

IlCazzaroNero

Mer, 29/07/2020 - 12:26

@ mbferno...non solo sotto casa nn li vogliono, ma nemmeno dove vanno in vacanza tipo Capalbio x esempio

ex d.c.

Mer, 29/07/2020 - 13:18

Una volta tanto anche loro parla in modo comprensibile

jaguar

Mer, 29/07/2020 - 13:19

Li assumano in Alitalia, quella si che è una compagnia aerea in salute.

Lugar

Mer, 29/07/2020 - 13:26

Oramai è come la sabbia nel mare, puoi continuare a scavare ma la buca si riempie sempre di nuovo.

ziobeppe1951

Mer, 29/07/2020 - 13:58

Calma...vi spiegherà tutto XGERICO

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 29/07/2020 - 14:17

Avete capito sti Komunisti!!! CASA MIA!!! Ovvero la proprieta degli Italiani (perche un ministero e di proprieta di TUTTI gli Italiani) e diventata CASA LORO!!! Ciao Beppe.

Malacappa

Mer, 29/07/2020 - 14:33

E invece e'proprio li che devono stare

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mer, 29/07/2020 - 16:42

A prescindere le opinioni della "intercettata, qui ci scappano gli indizi per una bella "indagine parlamentare" al fine di indagare una cara membra del Parlamenta sull'ipotesi di discriminazione sindacale ... e mi raccomando ... le registrazioni non bruciatele per farvi un barbecue.

Capricorno29

Mer, 29/07/2020 - 17:13

Se fossi quei lavoratori andrei proprio sotto casa sua!!!!! Belli gli onori vero ministro o ministra!!!! E questo è il nuovo che avanza complimenti ridateci Andreotti

onurb

Mer, 29/07/2020 - 18:26

Il vero problema è che la classe politica che ci governa è scandalosa per incapacità e tenta di nasconderla mediante un'altrettanto scandalosa arroganza. Dice bene Enne58: questi signori per rimanere in sella svicolano dai problemi, li eludono. E' una tecnica che ho visto applicare molto spesso nella pubblica amministrazione: la convinzione è che ciò che oggi è un problema domani non lo sarà più: il trascorrere del tempo lo sgonfierà. E' una convinzione errata e questi signori tra non molto se ne renderanno conto attraverso la mazzata che riceveranno dagli Italiani tra capo e collo.

ziobeppe1951

Mer, 29/07/2020 - 19:01

XGERICO...NON PERVENUTO....è alle prese con i suoi 2 fiaschi di vino

giardinifrancesco62

Mer, 29/07/2020 - 19:15

@anurb, vorrei che lei avesse ragione, ma la mazzata mi sa che la prendiamo noi. Questi buffoni di maggioranza non ci faranno andare mai a votare, e purtroppo non siamo neanche capaci di scendere in piazza come fanno i francesi (anche se non mi piacciono) per rivendicare i nostri diritti. Ci trascineremo in questa situazione, basti pensare che a Roma ancora piace la Raggi, che ha distrutto la città

Jon

Mer, 29/07/2020 - 19:16

Che pena..!! E poi dall'Estero non hanno fiducia dell'Italia..!! Eh te credo..!! Se osservano i nostri politici, potrebbero loro stessi decidere di buttarci fuori dall'europa..!! CHe vergogna..!!!

Antenna54

Gio, 30/07/2020 - 10:29

Ma chi ha votato questa gentaglia non ha un minimo di coscienza sporca?

leopard73

Gio, 30/07/2020 - 10:37

Spudoratamente senza vergogna la MINISTRA ci umiliano continuamente loro fanno i porci comodi ma non sotto CASA mia!!!

Ritratto di Beppe58

Beppe58

Gio, 30/07/2020 - 10:43

NIMBY. Not in my backyard. Non nel mio cortile, please.Non è fine...