Occhiuto (Fi) in vantaggio: stacca i rivali di oltre 20 punti

Gli ultimi sondaggi sulle prossime elezioni amministrative in Calabria confermano le previsioni. Il centrodestra, che sostiene la candidatura dell'azzurro Roberto Occhiuto, è ampiamente avanti rispetto alle altre due forze in campo.

Occhiuto (Fi) in vantaggio: stacca i rivali di oltre 20 punti

Gli ultimi sondaggi sulle prossime elezioni amministrative in Calabria confermano le previsioni. Il centrodestra, che sostiene la candidatura dell'azzurro Roberto Occhiuto, è ampiamente avanti rispetto alle altre due forze in campo. È quanto emerge dall'ultima rilevazione Emg. In questo momento il presidente dei deputati di Forza Italia registra un consenso che oscilla tra il 45 e il 49%, sfiorando quindi la maggioranza assoluta.

Un risultato anche superiore alle aspettative. Complice, secondo gli analisti, anche della presenza di un «terzo» candidato dalla forte personalitià politica come Luigi De Magistris. Il sindaco uscente del capoluogo campano, infatti, raccoglie il venti per cento dei consensi. Una quota piuttosto importante visto che erode il seguito del candidato del centrosinistra Amalia Bruni.

Per la scienziata di fama internazionale, attualmente responsabile del Centro di neurogenetica regionale, Pd e Movimento 5Stelle avevano trovano un accordo che ricalcava, quanto accaduto a Napoli con la candidatura di Gaetano Manfredi. La campagna elettorale della Bruni è subito partita sul tema del lavoro con lo slogan: facciamo tornare i giovani a lavorare qui. Per il momento questo slogan ha raccolto molto scetticismo tra i calabresi e nemmeno il 30 per cento dei consensi (fermandosi, nella rilevazione Ewg, a 27 punti percentuali).

Nelle stesse ore della pubblicazione del sondaggio Roberto Occhiuto pubblicava sui suoi profili social una breve nota nella quale annuncia l'intenzione di dimettersi dal ruolo di capogruppo di Forza Italia a Montecitorio. «Perché per me - osserva - è ancor più stimolante diventare presidente della Calabria e dimostrare che questa regione si può governare».

Insomma sembrano lontani i malumori di Fratelli d'Italia che, dopo la mancata riconferma di un suo membro al cda della Rai, aveva minacciato di presentare un proprio candidato alla corsa delle Regionali in Calabria. L'ottimismo regna sovrano nel centrodestra. Ma non è tutto oro quello che riluce. Anche Matteo Salvini raccomanda prudenza e avverte: «Non occorre uno scienziato per capire che Roberto vince le elezioni in Calabria. Ma, attenzione, non basta essere in vantaggio nei sondaggi e vincere, poi bisogna anche convincere. Nei prossimi 5 anni la Calabria avrà l'occasione di mostrare il suo meglio».

Commenti