Ora se ne sono accorti: l'antisemitismo esiste anche a sinistra

Dibattito alla Camera tra Lollobrigida di Fratelli d’Italia e Fiano del Pd, che ammette come l’antisemitismo sia anche a sinistra

Se ne sono (finalmente) accorti: c’è antisemitismo anche a sinistra. Questa mattina, durante un dibattito in Parlamento, dal suo scranno dell’Aula della Camera dei Deputati, Francesco Lollobrigida di Fratelli d’Italia ha rinfrescato la memoria ai suoi colleghi che siedono dall’altra parte dell’Emiciclo, riportando alcune violente dichiarazioni contro Israele di Gabriele Rubini, alias chef Rubio, e di Eleonora de Majo, assessore alla Cultura del Comune di Napoli, recentemente nominata dal sindaco Luigi De Magistris.

Sulle pagine social, Rubi e De Majo, hanno scritto frasi choc di questo calibro: "Israele Stato assassino", "Israele Stato nazista", "Piccoli nazisti sionisti crescono" e "Sionisti cancro del mondo". E ancora: "Il governo israeliano? Un manipolo di assassini. E gli israeliani? Porci, accecati dall’odio".

Insomma, a una manciata di giorni della nascita della Commissione Segre contro l’odio (compreso quello antisemita), ecco le assurde uscite della neo collaboratrice del primo cittadino "arancione" partenopeo. Il capogruppo alla Camera di Fdi, in apertura dei lavori odierni dell’Aula (presieduta da Mara Carfagna di Forza Italia) è intervenuto per raccontare all’Aula quanto commesso dallo chef nemico di Salvini e dalla de Majo, invitando la sinistra a condannarle, visto che fino ad oggi le invettive di Rubini e de Majo non erano state deplorate. Già, perché Pd e compagnia bella avevano solo puntato il dito contro quei movimenti di estrema destra che avevano attaccato la senatrice a vita.

Insomma, finalmente la sinistra parlamentare ha ammesso che spesso le minacce e le parole d’odio contro lo Stato di Israele provengono da frange estreme che con la destra non hanno nulla a che fare. E che, invece, sono schierate a sinistra.

Lollobrigida, nel suo intervento alla Camera, ha letto uno per uno i post choc contro Israele e il suo popolo e la sua iniziativa ha smosso il dem Emanuele Fiano. L’esponente del Pd ha preso parole e, dopo aver condannato a parole di Rubio e della de Majo, ha ammesso che simili atteggiamenti e minacce sono pervenute e tuttora pervengono anche da parte di frange della sinistra estrema. Questo, infatti, un estratto dell’intervento di Fiano: "Parole immonde di un signore che si fa chiamare chef Rubio su Israele e sul Sionismo, che una programmata sua partecipazione in Rai è stata annullata in ragione di tali cose. Inoltre, ritengo molto grave e inaccettabile che un assessore del Comune di Napoli si sia espresso e si esprima così sullo Stato di Israele, avvicinandolo al Nazismo…".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di bracco

bracco

Gio, 14/11/2019 - 20:00

Chissà cosa dirà quell'ebete di Parenzo che da ogni giorno dei fascisti al 34% degli italiani. Ognuno merita gli amici che si merita, Parenzo merita essere in un partito chye vuole la cancellazione di Israele.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 14/11/2019 - 20:09

Solo a sinistra. Hitler era nazional-socialista dunque di sinistra perché il SOCIALISMO non è di destra. L'URSS: Repubbliche SOCIALISTE Sovietiche ha ucciso tanti ebrei quanti il Nazismo. Mussolini era SOCIALISTA prima di ridefinirsi "fascista".

nunavut

Gio, 14/11/2019 - 20:15

Fiano però fino ad ora mai lo hai dichiararto,penso che in fondo nel troppo volere vi siete tirati nel piede,dovendo ammettere che sia estrema dx (fascismo quale %ale? sia estrema sx (comunismo quale %ale) abbiano un dente avvelenato contro Israele e gli Ebrei.Ora Fiano si lamenta degli insulti e le minacce ricevute essendo un politico come Salvini (pure lui ne ha ricevute e sicuramente non dall'estrema dx) che differenza fa nel quotidiano? quando sento certi italiani esclamare ma Roma era ... quello che conta é il presente il passato non SI POTRÀ MAI CAMBIARE,ma non si può pensare al futuro pensando solo agli errori passati ma ben come evitarli senza infierire sulla gente.

justic2015

Gio, 14/11/2019 - 20:16

Se lo dice il ruffiano che esiste l'antisemitismo ci credo lui è il portatore dell antisemitismo a destra e a sinistra che genio.

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Gio, 14/11/2019 - 20:23

Come al solito sul Giornale si fa confusione tra due cose che stanno agli antipodi. Una cosa è il razzismo verso gli Ebrei per il fatto di essere Ebrei, fenomeno abominevole per il quale hanno pagato un prezzo altissimo nel corso della storia; altra cosa è la giusta critica alla politica aggressiva dello Stato di Israele contro quello palestinese. Andate su Google Immagini e scrivete “Israele territori occupati” e vedete come sono cambiati i rapporti territoriali nei decenni. La Palestina, stato indipendente fino alla fine della II guerra Mondiale, oggi non esiste più, è tutto Israele, tranne alcuni territori a macchia di leopardo e la piccola Striscia di Gaza. Questo sì che è criminale, sfido qualcuno a dire il contrario.

maurizio50

Gio, 14/11/2019 - 20:25

Il bell'addormentato Fiano ha scoperto solo oggi di che pasta son fatti tanti soggetti che si chiamano "compagni"!!!!

d'annunzianof

Gio, 14/11/2019 - 20:42

I paladini dei terroristi palestinesi hanno scoperto l'acqua calda

killkoms

Gio, 14/11/2019 - 23:32

bentrovato!

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Ven, 15/11/2019 - 00:25

Detto da Fiano è credibilissimo.

nunavut

Ven, 15/11/2019 - 00:36

@ stamicchia 20:23 chi formò e con quale diritto lo stato della Palestina ? Phalestina( era il regno della Giudea) fu coniato dai romani che invasero quelle regioni e causarono la diaspora( Vespasiano e Tito)degli ebrei,Massada le dice qualche cosa? La causa principale di quello che succede oggi va addebitato ai vincitori della prima guerra mondiale e della spartizione dell'impero ottomanno,vedi i Curdi.Poi ad ognuno le proprie opinioni-conclusioni.

Gattagrigia

Ven, 15/11/2019 - 02:20

Sempre la solita confusione, israeliano non vuol dire israelita, come sionista non vuol dire israelita o israeliano. Uno può essere ma non antisemita oppure antisemita e pro israeliano, così come ho già scritto, ricevendo insulti, esistono anche sionisti cristiani. Non ricordo chi lo disse : le parole esistono, usiamole correttamente

salmodiante

Ven, 15/11/2019 - 05:20

Chef Rubio in una interrogazione parlamentare? La famiglia di Fiano ha subito enormi e indifendibili atrocità e il suo schieramento a sinistra, elaborato negli anni, è la conseguenza dell' ambiguità della destra sulla problematica. Il problema di certe frange della sinistra invece è purtroppo legato alla contiguità, che a volte sfocia in complicità, con i movimenti di liberazione della palestina, che sono violenti e hanno radici antiche anche nel nazismo mediorientale, a partire dal Mufti di Gerusalemme, complice di Hitler e zio di Arafat. Ci risulta molto difficile accettare che un popolo mite nei secoli, si rivolti contro chi vuole la sua fine, che italiani di confessione ebraica difendano il loro diritto a vivere in tranquillità? :(

Ezeckiel

Ven, 15/11/2019 - 06:43

Stamicchia, penso che anche un fiume di parole non basterebbe per farti cambiare idea, unico consiglio recati in Israele e vai nelle zone controllate dagli arabi (non palestinesi)e allora capisci davvero che cos'è l'apartheid.

Popi46

Ven, 15/11/2019 - 07:24

@stamicchia,gio 20,23: ecco qui qualcuno che dice il contrario. 1) La Palestina non è mai stata uno Stato, alla fine della II guerra mondiale era ancora un protettorato inglese. 2) Furono gli Alleati, vincitori della guerra, a decidere di assegnare una parte di quel territorio agli ebrei, al fine di dare uno Stato sovrano al popolo errante, quale risarcimento per gli orrori nazisti. 3)scelsero quella parte di mondo perché era lì che nacque il primo monoteismo della Storia (la Terra promessa). Ai tempi di Roma antica, gli ebrei di Palestina convivevano tranquillamente con i dominatori Romani, fu Gesù a portare il primo scompiglio, ma era scritto.3) Quella che si trascina da 70 anni non è una guerra tra razze (gli ebrei non sono una razza,al massimo un’etnia), è una guerra di religione, scatenata dai seguaci fondamentalisti di Maometto.

Ritratto di tomari

tomari

Ven, 15/11/2019 - 07:25

stamicchia, chi ha iniziato a rompere le scatole al neonato stato di Israele, già nel 1947; siete stati voi arabi...E siccome le avete buscate di santa ragione, Israele ha conquistato dei territori e fa bene a tenerseli! Ti dice nulla l'Istria, persa dopo che l'Italia ha perso la seconda guerra?

Ritratto di bobirons

bobirons

Ven, 15/11/2019 - 08:16

Che il signor Fiano esprima concetti razzisti non c'é dubbio. Una cosa è avversare un regime che ha compiuto atti contro l'Umanità, deportando persone solo in base alla loro appartenenza razziale e/o fideistica, altra ed altrettanto discriminatoria è chiedere la distruzione di opere pubbliche che detto regime ha provveduto per TUTTI i cittadini. Quanto ad Israele e il suo diritto ad esistere, certo che le persecuzioni naziste del XX secolo hanno in parte giustificato l'aspirazione di tornare in quella che due millenni prima era la patria ancestrale, anche se nel corso dei secoli occupata e colonizzata dai musulmani ottomani fino al 1919 e poi di fatto governata esclusivamente dal Regno Unito, senza alcuna possibilità di autonomia.

Ritratto di bobirons

bobirons

Ven, 15/11/2019 - 08:16

Parte seconda - Quindi in Palestina NON esisteva alcuno stato ma era territorio occupato dalla Turchia sotto il sultanato ottomano. La responsabilità é tutta delle forze alleate vincitrici della 2a guerra. Invece di lasciare i superstiti ebrei allo sbando, avrebbe dovuto definire che le persecuzioni erano addebitabili alla germania nazista, perdente. Ergo i superstiti dovevano essere albergati e risarciti dalla germania, in termini economici, abitativi, sociali e morali.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Ven, 15/11/2019 - 08:18

L'antisemitismo non c'è "anche" a sinistra. E' prevalentemente di sinistra. Le sempiterne campagne di odio contro Israele dei bellaciao di ogni fatta, dagli squadristi ai responsabili democratici, fa chiarezza per chi è in regola col comprendonio. Il poveretto cuoco non fa che ripetere quel che dicevano Berlinguer & compagni. Stesse parole. Sveglia.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Ven, 15/11/2019 - 08:30

I bellaciao dicono di odiare Israele in quanto oppressore dei palestinesi. La Palestina poteva diventare uno stato in pace con Israele. Invece pratica il terrorismo, è integralista e la morte di Israele è il suo ultimo fine. Idem gli italici bellaciao, antisemiti dai tempi di Mosca.

Teobaldo

Ven, 15/11/2019 - 08:46

@stamicchia...come al solito costui dimostra, sì, di saper leggere ma di non capire quello che legge il ché è grave. La Palestina (prima della seconda guerra mondiale) non è mai esistita come stato indipendente. Questo per la precisione storica senza niente voler togliere alle giuste rivendicazioni palestinesi. E senza esimerci dal condannare la brutalità degli israeliani che, dopo quello che come ebrei europei hanno subito, avrebbero dovuto sviluppare un maggior senso di umanità verso i miti palestinesi.

ruggerobarretti

Ven, 15/11/2019 - 08:59

Nel momento in cui viene criticato lo stato USA o Italia o Russia o GB o Germania o Spagna , si perpetua un azione anticristiana??? E se ne sentono di critiche che sfociano nell'insulto pesante. E' mai possibile che quello stato la', il cui atteggiamento e' molto spesso ambiguo, non possa essere oggetto di dissenso??? Che poi leggendo certe dichiarazioni, rilasciate nel corso degli anni da vari loro governanti, altro che offese.

onurb

Ven, 15/11/2019 - 09:45

stamicchia. Lo stato israeliano si è ingrandito in seguito alle guerre di aggressione che gli sono state portate dai paesi arabi. Piaccia o non piaccia, tutti gli stati si sono formati in questo modo. Il contesto geostrategico in cui è inserito Israele lo costringe ad essere aggressivo: non può permettersi, viste le sue ridotte dimensioni, di lasciare troppi margini di iniziativa a chi lo vuole cancellare.

FedericoMarini

Ven, 15/11/2019 - 10:53

QUESTA DESTRA BECERA E RAZZISTA CONFONDE VOLUTAMENTE IL RAZZISMO E L’ANTISEMITISMO CON LA GIUSTA CAMPAGNA CONTRO ISRAELE CHE NEI CONFRONTI DEL POPOLO PALESTINESE SI COMPORTA COME STATO RAZZISTA.. IN REALTÀ’ NULLA DI NUOVE SOTTO IL SOLE: SALVINI INFATTI,APPENA ARRIVATO AL POTERE HA FATTO LA SUA PRIMA VISITA A NETANYAHU,PER RICEVERE LA SUA BENEDIZIONE.

salmodiante

Ven, 15/11/2019 - 10:53

Dal commentario come al solito luoghi comuni, strappati ad una propaganda filopalestinese, che trova strano terreno fertile su questo giornale. Il sionismo nasce intorno al 1860 con l' Alleanza Israelitica Universale, nel 1882 Rotschild iniziò ad avere contatti con il governo ottomano per l' ACQUISTO di terreni dove insediare coloni ebraici con piccole migrazioni, Aliyah, in quanto nei congressi fu individuata la Palestina come terra dove creare uno stato dove l' antisemitismo fosse messo al bando. Migrazioni che continuarono dalla Russia (1904-1917) e dopo la WW1 giunsero alla legittimazione sotto il governo Britannico con l' AGENZIA EBRAICA. La fondazione dell' analoga Agenzia Araba non fu gradita dalla popolazione araba confluita nella zona per i salari e le condizioni di vita migliori. La fondazione dello stato ebraico e la sua legittimazione dopo il 1948 sono storia nota. Se baglio correggetemi.

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Ven, 15/11/2019 - 10:55

Nello spazio commenti nessuno ha smentito la politica aggressiva d’Israele contro i Palestinesi, nessuno ha smentito il fatto che la Palestina terra dei Palestinesi non esiste più. Rubio non è anti-semita, si è semplicemente scagliato contro il principio del forte che sovrasta il debole, sia questa una persona come un migrante o uno stato come la Palestina.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Ven, 15/11/2019 - 10:59

Gattagrigia. le tue sono argomentazioni capziose di chi odia li ebrei a prescindere nascondendosi dietro a dei distinguo. L'antisionismo è stato inventato come termine per nascondere l'antisemitismo esattamente come è stato inventato l'Islam moderato per non affrontare l'ortodossia islamica altrimenti detta radicalismo islamico. Siamo tutti adulti e raziocinanti, solo a sinistra hanno dogmi politici da rispettare.

MALENNIO

Ven, 15/11/2019 - 11:02

Se Israele non si muovesse come da sempre fa,oggi non esisterebbe: l'ebreo da sempre è inviso ai musulmani,che spesso dichiarano che quello stato deve essere cancellato,come evidente in certe carte geogrfiche dove Israele non esiste...e ricordiamoci pure che questo odio era condiviso dal nazismo,per motivi razziali, e che nell'esercito nazista c'era anche una falange islamica. Non ci meravigliamo se Israele usa metodi decisi: il rischio sarebbe un'altra strage.

Ritratto di franco_G.

franco_G.

Ven, 15/11/2019 - 11:03

A questo mondo si può essere anti-tutto ed anti-chiunque: anti-destra, anti-sinistra, anti-tutt'e-due, antiislamisti anticristiani, anti-pensionati, anti-commercianti, anti-progresso, anti-regresso, anti-russi, anti-americani, MA NON antisemiti. Quelli, a differenza di chiunque e di qualunque cosa, ci devono piacere PER FORZA. Il Parlamento, che dovrebbe essere la più alta espressione della Nazione, arriva perfino a votare l'istituzione di una commissione che si cova gli altarini dei soli ebrei: tutti gli altri vadano pure in malora. Ma stiamo SCHERZANDO ? Voltaire, nel Pantheon di Parigi, si sta di sicuro rivoltando nela tomba.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Ven, 15/11/2019 - 11:15

La questione israelo-arabo-palestinese evidenzia punti di vista contrapposti che riguardano tuttavia questioni puramente geopolitiche e militari, nulla a che vedere con l'antisemitismo. Personalmente condanno le politiche del governo di Pechino in Tibet ma nulla c'entra con gli occhi a mandorla dei cinesi e con l'involtino primavera. Allo stesso modo considero un crimine la guerra scatenata a suo tempo dagli USA in Vietnam senza per questo incolpare il popolo americano. E a dirla tutta... l'Italia come paese aggressore ne ha combinate di pesanti in Africa, Grecia, Iugoslavia e Russia; dovrei forse sentirmi responsabile in quanto facente parte di una presunta razza "italica"?

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 15/11/2019 - 11:30

Io credo che l'antisemitismo esista sopratutto a sinistra checchè si dica.

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Ven, 15/11/2019 - 11:31

Sono onesto, a me non frega niente né degli israeliani, né dei palestinesi. Ma ci sono pascolatori di capre che non si rendono conto che i palestinesi odierni discendono dai siriani dell'Età del Bronzo e della Tarda Antichità. Il sangue arabo è sotto il 15%, sono stati solo arabizzati culturalmente. Detto questo, penso che chiunque abbia diritto a essere antisionista o antigiudaico, così come ogni ebreo ha diritto al talmudismo e all'assoluto disprezzo dei gentili. P.S. i palestinesi sono semiti, questo fa degli israeliani i primi antisemiti

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Ven, 15/11/2019 - 11:45

@Dreamer_66 Lei confonde razza con etnia.

steacanessa

Ven, 15/11/2019 - 11:57

Peccato che il compagno fiano dimentichi ciò che fece l’unione sovietica agli ebrei che volevano emigrare in Israele. I cari comunisti li ricattarono chiedendo il rimborso delle spese sostenute per l’istruzione definite con criteri arbitrari. Niente riscatto niente uscita dal paradiso dei lavoratori. I nostri giovani ignorano tutto delle porcherie comuniste sia in patria sia all’estero.

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Ven, 15/11/2019 - 12:01

Quintus_Sertorius: a dire il vero il mio discorso andava in tutt'altra direzione eed escludeva ogni influenza relativa a razza o etnia che fosse nel mio ragionamento

onurb

Ven, 15/11/2019 - 12:15

franco_G.. C'è un errore: per l'antislamismo e come per De Rica: sull'antislamismo non si può.

Ezeckiel

Sab, 16/11/2019 - 13:45

Stamicchia 15/11/2019 - 10:55 Nello spazio commenti nessuno ha smentito la politica aggressiva d’Israele contro i Palestinesi. Noi smentiamo l'esistenza dei palestinesi,gli arabi sotto la guida del profeta e in seguito dei califfi hanno perseguito l'idea e la volontà di sterminare gli ebrei rei di non aver riconosciuto la nuova religione,il problema da quelle parti è religioso non territoriale,se anche tutti gli ebrei lasciassero la"Palestina"i musulmani li andrebbero a cercare ovunque,non sono passati 100 anni,da quando la "palestina"era terra islamica e molti "palestinesi" erano in Europa alleati dei nazisti col compito di rastrellare gli ebrei,come vedi la terra centra poco.saluti