Orban boccia Renzi. L'ex premier: "Ne vado orgoglioso"

Matteo Renzi replica alle affermazioni di Viktor Orban in merito al rapporto dei due governi quando Renzi era premier

Orban boccia Renzi. L'ex premier: "Ne vado orgoglioso"

Nell'incontro di ieri a Milano, Matteo Salvini e Viktor Orban hanno più volte sottolineato gli ottimi rapporti che legano Roma-Budapest da quando si è insediato il nuovo esecutivo.

Così durante il vertice in Prefettura, il ministro dell'Interno italiano e il premier ungherese hanno avuto modo di spaziare tra i diversi temi senza che nell'aria ci fosse della tensione. Dalle politiche dell'immigrazione al caso della Diciotti, Matteo Salvini e Viktor Orban si sono trovati d'accordo sulla linea politica da seguire in tema di immigrazione clandestina.

Ma nel loro incontro è spuntato fuori anche il "discorso" Matteo Renzi. Orban, infatti, non ha risparmiato qualche frecciatina all'ex premier e a Paolo Gentiloni: "Le attuali relazioni bilaterali tra Italia e Ungheria in economia sono ottime e anche nella politica di sicurezza. In fatto di politica sono molto migliori dei precedenti rapporti, mentre con il vostro precedente governo la collaborazione era cattivissima. Ci insultavano di continuo, non me personalmente, ma gli ungheresi, e questo non era giusto".

E dopo queste chiare parole del primo ministro ungherese, arriva la replica di Matteo Renzi: "Ieri Orban ha detto che la relazione con il nostro Governo era pessima. Su questo ha ragione. E io ne vado orgoglioso! Niente di personale, Viktor. Ma tu rappresenti l'opposto di ciò che per noi significa Europa. Tu tieniti Salvini e Di Maio, noi teniamo gli ideali di Ventotene".

Così Renzi è orgoglioso della distanza con Orban. Niente di personale, ovvimente.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti