Pennelli, targhette, caschi: tutti gli sprechi dell'Atac

Un pennello per 210 euro, un disco abrasivo per 160 euro, un caschetto antiurto per 335 euro. Orfini: "Il "bubbone" Atac potrebbe diventare una delle prosecuzioni di Mafia Capitale"

Roma, una città di sprechi pubblici e di scandali. L'ultimo riguarda l'Atac, la municipalizzata dei trasporti che ha speso 2,2 miliardi di euro per lavori, beni e servizi dal 2011 a oggi. Nel 90% dei casi, come contestato dall'Autorità anticorruzione di Raffaele Cantone, sono stati spesi senza aver bandito alcuna gara. Ben 1,6 miliardi di euro in questi cinque anni sono passati attraverso 20mila negoziazioni dirette. E tra le spese pazze, giusto per citare le più eclatanti, ci sono l'acquisto di un pennello per 210 euro, la fornitura di un disco abrasivo per 160 euro, una targhetta adesiva a185 euro, un caschetto antiurto per 335 euro.

Nei giorni scorsi il commissario del Pd romano, Matteo Orfini, aveva ammesso che il "bubbone" Atac potrebbe diventare una delle prosecuzioni di Mafia Capitale. Ma l’Atac si difende: il dato medio degli affidamenti diretti - dice l’azienda - è "minore dell’uno per cento", e con le gare online i ribassi "sono stati del 26%".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

VittorioMar

Sab, 17/10/2015 - 10:34

..chi sta indagando faccia emergere tutto il marciume prodotto negli anni ...senza guardare o assolvere qualcuno...vale il principio del "NON POTEVA NON SAPERE"...tutti sapevano e ..millantavano e si..vantavano..

Beaufou

Sab, 17/10/2015 - 11:00

Ohibò, òspio, poffare! Un pennello a dugentodieci euro? E che, era il pennello di Rocco Siffredi? Ahahah! E bravi gli uffici acquisti dell'ATAC, loro sì che sanno vivere alla grande!

Ritratto di stenos

Anonimo (non verificato)

little hawks

Sab, 17/10/2015 - 12:17

Bisogna usare i fondi disponibili con oculatezza ma anche con tempestività, il problema è che la politica ha paracadutato nei posti decisionali personaggi che non sanno fare nulla. Per metter su una gara, ma anche una buona procedura negoziata, occorre onestà e competenza tecnica per realizzare il documento (capitolato) che descrive esattamente cosa si deve acquisire. I tecnici sono stati messi alle dipendenze degli azzeccagarbugli capaci solo di ottenere i ribassi che non significano nulla. Se pago di meno qualcosa che non serve che ci faccio?

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Sab, 17/10/2015 - 13:00

E nel frattempo preparano il 1561° decreto "salvaromaladrona"...

Ritratto di nando49

nando49

Sab, 17/10/2015 - 14:10

Tutto ciò che è stato gestito dai partiti politici è fallito ma molti si sono arricchiti.

semelor

Sab, 17/10/2015 - 15:55

Qualcuno inneggiava "Roma ladrona " ed aveva ragione

VittorioMar

Sab, 17/10/2015 - 18:10

...questo insieme di magistrati eleggiamoli a ..SINDACO di ROMA..e lasciamoli lavorare in silenzio e senza clamore ..e chissà ..forse..