Poche donne nel governo, l'affondo di Quartapelle: "Il Cav meglio di Zinga"

"Mi sarebbe piaciuto che il mio partito desse l’esempio sulla parità", lamenta la deputata su Twitter

Anche se non ci si può lamentare troppo della composizione di una squadra di governo a cui si sta per dare la fiducia in Camera e al Senato per non perdere le poltrone acquisite, è impossibile sopire ogni genere di mal di pancia, ed al Partito democratico lo sanno bene, dato che la questione quote rosa torna prepotentemente alla ribalta in seguito alle affermazioni fatte da Lia Quartapelle.

Complessivamente l'esecutivo guidato dall'ex uomo di punta della Goldman Sachs ha arruolato 32 ministri (8 tecnici e 15 politici), tra cui 8 donne e 15 uomini. Il partito guidato dall'attuale presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti ha deciso di schierare in campo una linea di "responsabili" interamente maschile, con l'immarcescibile Dario Franceschini confermato ancora una volta (già lo era stato durante i governi Renzi, Gentiloni e Giuseppi II) alla guida del ministero dei Beni culturali ed il collega Lorenzo Guerini alla Difesa (carica ricoperta anche durante la recente esperienza di governo giallorosso). La new entry dei dem è rappresentata invece dal vicesegretario del partito Andrea Orlando, che conquista il controllo del dicastero del Lavoro. E le donne? Come mai Forza Italia, si lamenta Lia Quartapelle, ha optato per Mara Carfagna e Mariastella Gelmini, mentre il Pd non ne ha proposto neppure una?

Lo scarso entusiasmo per la composizione della squadra di ministri draghiani traspariva già dalle scarne parole con cui la Quartapelle rivolgeva gli auguri al nuovo governo su Twitter: "Grazie ai ministri e alle ministre uscenti. Buon lavoro al nuovo governo". Un incipit decisamente gelido, che lasciava subito spazio al fulcro del discorso della deputata: "Mi sarebbe piaciuto vedere un governo con metà ministre e metà ministri. E mi sarebbe piaciuto che il mio partito desse l’esempio sulla parità".

Un concetto ribadito con amarezza anche nel corso di un'intervista concessa a Radio Popolare, nella quale la rappresentante dem arriva addirittura ad invidiare Forza Italia. "Il nostro statuto prevede metà delle cariche per le donne. Se ci fossimo comportati come Forza Italia oggi parleremmo di un nuovo governo con dieci donne ministre e tredici ministri uomini, quindi un governo perfettamente in linea con la rappresentanza di genere a livello europeo".

Quartapelle si dice profondamente delusa:"Draghi ha scelto le ministre tecniche per ruoli importanti, ministeri con portafoglio. Si potevano prendere spunti sia dalla parte tecnica che quella politica e purtroppo il Pd non lo ha fatto". Una delusione che affonda le radici in scelte effettuate per mantenere equilibrio tra le diverse correnti e anime che convivono nel calderone del Pd: "Da noi più che le regole dello statuto, più che i valori prevale una logica di correnti: questo è molto deludente. Si è più pensato agli equilibri interni che alle competenze e alla rappresentanza. Per me questo è un punto brutto e deludente per il mio partito. Se pesa solo la politica e il potere dovremo farci sentire in quei luoghi. Oggi non posso che essere delusa dal mio partito, più che dalla composizione complessiva del governo", conclude la deputata.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Iacobellig

Sab, 13/02/2021 - 14:20

Una tua nomina sarebbe stata una doppia disgrazia per il paese: a) perché non capisci un tubo; b) perché appartieni al PD del fallito governo giallo-rosso!

Ritratto di tomari

tomari

Sab, 13/02/2021 - 14:47

Quote rosa, ragliavano i sinistrati. Poi si è visto come è andata. Ci sono più donne nel CDX che nel loro disastrato partito.

hellas

Sab, 13/02/2021 - 14:52

Ecco, la Quartapelle in Martelli conferma, con la tirata sulla scarsa presenza delle donne, che la sinistra oramai è totalmente lobotomizzata e fagocitata dal politically correct... che poi, se le donne in politica sono quei fenomeni di Azzolina, Bellanova, Bindi, Boldrini, Bonetti, Lamorgese, Catalfo... beh, forse conviene provare con qualcos’altro....

florio

Sab, 13/02/2021 - 14:56

@Iacobellig, aggiungo che come tutti quelli del PD sanno solo insultare, un confronto normale non lo reggono, dalla loro superiorità morale chi non la pensa come loro non è degno, poi governano e fanno figure meschine da incapaci cronici. La signora Quartapelle che oggi si lamenta del suo partito ne è una degna rappresentante!

oracolodidelfo

Sab, 13/02/2021 - 16:23

Mi è incomprensibile come abbia fatto Claudio Martelli a sposare Lia Quartapelle..........

Ritratto di Trinky

Trinky

Sab, 13/02/2021 - 17:07

Strano che la Boldrini ancora non abbia fatto sentire la sua voce sul fatto del numero delle donne ministro.......

necken

Sab, 13/02/2021 - 17:36

insistere con le quote rosa senza pensare all'interesse collettivo non è geniale...

claudioarmc

Sab, 13/02/2021 - 17:48

Quote rosa ma questa volta non contava vero?