Polizia, in caserma il cancello è rotto: "Alfano venga a fare da usciere"

La protesta del sindacato di polizia Coisp: "Da dieci giorni il guasto si potrebbe riparare con 300 euro, ma mancano i fondi. Alfano venga ad aprirlo e chiuderlo"

Polizia, in caserma il cancello è rotto: "Alfano venga a fare da usciere"

Un (nuovo) posto di lavoro per Angelino Alfano. Se per il ministro dell'Interno un giorno dovesse chiudersi la carriera politica, potrebbe aprirsi quella di usciere del Commissariato di polizia di Catanzaro.

L'appello della polizia

Da dieci giorni infatti il cancello della stazione di polizia della città calabrese è rotto. Basterebbero 300 euro per ripararlo, ma non ci sono i soldi. "Offriamo un posto di lavoro al ministro Angelino Alfano perché venga al commissariato di Catanzaro Lido ad aprire e chiudere il cancello di ingresso manualmente - dice il segretario generale del Coisp Calabria (Sindacato indipendente), Giuseppe Brugnano - dal momento che da dieci giorni un guasto che si potrebbe riparare con una spesa di 300 euro non può essere riparato per mancanza di fondi".

Ovviamente quando si tratta di finanziare l'accoglienza dei migranti il governo non bada a spese. Per le forze dell'ordine, invece, solo le briciole. "Mentre Alfano e i suoi seguaci sbandierano chissà quali risultati in tema di sicurezza - aggiunge Brugnano - l'importante presidio di Polizia è vulnerabile e in difficoltà perché non c'è la disponibilità di soli 300 euro necessari per sistemare un guasto al cancello automatico". E così per aprire la porta ai cittadini che ogni giorno vanno a sporgere denuncia, "il piantone di turno" deve "lasciare il suo posto per correre fuori ed aprire manualmente il cancello sia alle auto di servizio che ai cittadini che si recano nel posto di polizia". Insomma, conclude Brugnano, "una vera e propria umiliazione per i poliziotti, ma anche per quei cittadini che vedono nelle Forze dell'ordine il baluardo della legalità, ma costrette a fronteggiare criminalità e illegalità con le armi spuntate".

Commenti