Pompeo diventa "Ross", così Di Maio ha sbagliato il nome del segretario di Stato americano

Durante la conferenza stampa congiunta alla Farnesina, il ministro degli Esteri del M5S, in un momento di incertezza, si è rivolto al collega sbagliando il suo nome di battesimo

Prima l'ha chiamato con il suo nome corretto. Poi, però, ha sbagliato ed è inciampato in una gaff, rivolgendosi a lui come a "Ross". È accaduto in queste ore, al ministro degli Esteri del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, che in occasione dell'incontro con il segretario di Stato americano, Mike Pompeo, si è confuso e ha trasformato il politico americano in "Ross Pompeo". La gaffe di Di Maio è stata ripresa durante la conferenza stampa congiunta alla Farnesina con il collega statunitense che, però, non lo avrebbe corretto.

Quella di queste ore è stata una delle prime uscite del capo politico pentastellato in veste di ministro degli Esteri, dopo la formazione del nuovo esecutivo giallo-rosso. Il segretario di Stato americano è arrivato a Roma in queste ore per una visita di quattro giorni. Ieri c'è stato l'incontro con il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e oggi la conferenza stampa con leader del M5S.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di HARIES

HARIES

Mer, 02/10/2019 - 19:17

Che figuraccia!!! LICENZIATE SUBITO DI MAIO!!! Rivogliamo GENTILONI!!! Almeno lui non lo derideva nessuno... talmente era insignificante.

Libero 38

Mer, 02/10/2019 - 20:12

Povera italia in che mani sei finita.Chi nasce somaro non morira' mai cavallo.

bernardo47

Mer, 02/10/2019 - 20:29

a questo nemmeno il reddito di nullafacenza a sbafo pagato con le nostre tasse, va dato!

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 02/10/2019 - 21:07

È solo l'inizio di una lunga catena di figuracce:noi diventeremo paonazzi per le risate,lui ROSS di vergogna.

ex d.c.

Mer, 02/10/2019 - 21:23

È il meno. La sensazione è che Di Maio non si rende conto neppure di cosa parla

bruco52

Mer, 02/10/2019 - 23:17

che personaggio da operetta...ma pensa di stare ne "Il Paese dei Campanelli"?...povera Italia, in mano ai venditori di fumo e ai bibitari...

Yossi0

Mer, 02/10/2019 - 23:27

Mamma mia, aiuto siamo nelle mani di gente ridicola

TitoPullo

Mer, 02/10/2019 - 23:30

Guardate k'espressione di Pompeo nella foto : se ne é accorto che l'altro é della famiglia dei "De Pirlis" messo li come pappagallo a ripetere quello che gli hanno detto di dire!E che idee volete che abbia dello scacchiere internazionale se l'altro ieri vendeva ancora bibite allo stadio!!E' insultante verso gli italiani piazzare un simile personaggio in quella posizione strategica quando vi sarebbero fior fiore di personaggi preparati, con esperienza e che, almeno parlano inglese, per occuparla con dignita' di rappresentanza!Non so se ridere di scherno o piangere di disperazione!!E' come trasmettere agli italiani il messaggio che l'impreparazione e l'incompetenza (per non dire altro!)premia!

Ritratto di Beppe58

Beppe58

Mer, 02/10/2019 - 23:59

La verità è che Di Maio, Fedeli e tutta la pletora di politici incompetenti e ignoranti fieri di esserlo non supererebbero l'esame di terza media. Per pietà niente prove Invalsi.Nei concorsi pubblici richiedono a noi mortali una preparazione da premi Nobel, la conoscenza di leggi e codicilli, la padronanza di lingue straniere e computer. A chi ha il delicato compito di guidare uno stato una licenza elementare basta e avanza. Non sanno parlare e non conoscono la propria lingua madre, figuriamoci le altre, non sanno nulla di storia, geografia, diritto, di informatica hanno una vaga infarinatura, non hanno mai lavorato vita loro eppure hanno l'enorme e strapagato potere di decidere della vita e del futuro di milioni di persone. Se non è follia questa...

Franz Canadese

Gio, 03/10/2019 - 05:08

Ma dai, che differenza fa? E poi era in inglese...

vittoria1973

Gio, 03/10/2019 - 05:33

Il ragazzo versa in uno stato di stress post agostana. Evidente scarsa memoria verbale e poca attitudine al plurilinguismo non aiutano. Si consigliano dimissioni immediate.

Ritratto di Beppe58

Beppe58

Gio, 03/10/2019 - 06:04

La verità è che Di Maio, Fedeli e tutta la pletora di politici incompetenti e ignoranti fieri di esserlo non supererebbero l'esame di terza media. Per pietà niente prove Invalsi.Nei concorsi pubblici richiedono a noi mortali una preparazione da premi Nobel, la conoscenza di leggi e codicilli, la padronanza di lingue straniere e computer. A chi ha il delicato compito di guidare uno stato una licenza elementare basta e avanza. Non sanno parlare e non conoscono la propria lingua madre, figuriamoci le altre, non sanno nulla di storia, geografia, diritto, di informatica hanno una vaga infarinatura, non hanno mai lavorato vita loro eppure hanno l'enorme e strapagato potere di decidere della vita e del futuro di milioni di persone. Se non è follia questa.

WSINGSING

Gio, 03/10/2019 - 07:54

In che lingua si sono parlati?

Ritratto di Beppe58

Beppe58

Gio, 03/10/2019 - 08:17

La verità è che Di Maio, Fedeli e tutta la pletora di politici incompetenti e ignoranti fieri di esserlo non supererebbero l'esame di terza media. Per pietà niente prove Invalsi.Nei concorsi pubblici richiedono a noi mortali una preparazione da premi Nobel, la conoscenza di leggi e codicilli, la padronanza di lingue straniere e computer. A chi ha il delicato compito di guidare uno stato una licenza elementare basta e avanza. Non sanno parlare e non conoscono la propria lingua madre, figuriamoci le altre, non sanno nulla di storia, geografia, diritto, di informatica hanno una vaga infarinatura, non hanno mai lavorato vita loro eppure hanno l'enorme e strapagato potere di decidere della vita e del futuro di milioni di persone. Se non è follia questa....

Ritratto di HARIES

HARIES

Gio, 03/10/2019 - 08:36

E quanto la fate lunga... Giggino QUI, Giggino LA. E intanto grazie a Giggino che adesso tutti i giornalisti Italiani pronunciano il nome completo dello statista americano: "Mike Pompeo". Come a rimarcare la gaffe o rammentare ai politici il vero nome oppure dimostrare che loro sanno quello che dicono. Fino a ieri tutti dicevano soltanto "Pompeo".

dagoleo

Gio, 03/10/2019 - 10:32

imbarazzante. questo ci rappresenta all'estero come Ministro. ma siamo minimamente consapevoli di dove stiamo andando?