Il premier chiama Christillin all'Enit e rinsalda l'alleanza con gli Agnelli

Roma«Testa bassa ora e pancia a terra e lavorare: non servono i proclami». Le prime parole di Evelina Christillin come presidente dell'Enit, l'agenzia nazionale di promozione del turismo, probabilmente non passeranno alla storia. Molto più significativo, però, è il fatto che il premier Matteo Renzi abbia scelto «la Signora delle Olimpiadi di Torino 2006» come simbolo del rilancio di un ente che esce da un commissariamento.

«Voglio ringraziare il presidente Christillin per il grande lavoro che ha fatto al Museo egizio», ha detto ieri il premier in visita nella capitale piemontese, anticipando la nomina di competenza del ministro Franceschini. La scelta, sebbene caduta su una manager competente e dinamica, ha anche una valenza «politica» perché rinsalda il legame tra Renzi e Casa Agnelli. Christillin, infatti, oltre a essere moglie di Gabriele Galateri di Genola (presidente di Generali ed ex ad di Ifi, Ifil e Fiat), è cresciuta nell'orbita del Lingotto. Amica di famiglia dell'Avvocato, fu Gianni Agnelli in persona a volerla alla guida dell'organizzazione delle Olimpiadi torinesi del 2006.

La nomina di ieri rinsalda la «corrispondenza d'amorosi sensi» tra Palazzo Chigi e Fiat-Chrysler che vede Matteo Renzi e Sergio Marchionne scambiarsi spesso reciproche attestazioni di stima. Nel momento in cui, con la designazione dell'esperto banchiere Claudio Costamagna alla guida di Cdp, il premier riapre la stagione dello Stato imprenditore, questa designazione può tranquillizzare l' establishment industriale (parlare di «salotto buono» non ha più molto senso, visto che Fca ha sede all'estero e Pirelli tra un po' parlerà cinese). Al di là delle controverse interpretazioni di Torino 2006, a Christillin bisogna ascrivere il merito del rilancio del Museo egizio che l'anno scorso ha registrato il record di visitatori. All'Enit, però, serviranno miracoli.

La Christillin è laureata in Storia e demografia storica col massimo dei voti e dignità di stampa

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.