"Procura di Milano troppo soft. Così ha salvato i vertici di Mps"

Un consulente dei risparmiatori contro il pm dell'inchiesta sui manager Profumo e Viola. Chiesto l'intervento del Csm

Una copertura in grande stile delle colpe del disastro Mps da parte della Procura di Milano, trasformatasi in avvocato difensore dei vertici della banca senese arrivati dopo il disastro: ovvero Alessandro Profumo e Fabrizio Viola, nominati «su input dei vertici del Partito Democratico a livello locale e nazionale e per diretta intercessione di Massimo D'Alema». Questa è l'operazione che sarebbe avvenuta (e che sarebbe tuttora in corso) a Milano intorno al processo sul Monte dei Paschi.

A sostenerlo, in un esposto di inusitata durezza, è il consulente di un centinaio di vittime del pasticcio Mps, l'ingegner Giuseppe Bivona. Che chiede l'intervento del Consiglio superiore della magistratura e del ministro della Giustizia nei confronti del pm milanese titolare del procedimento: «Basta leggere i verbali delle udienze - si legge nell'esposto - per rendersi conto che nel procedimento manca di fatto la pubblica accusa».

Il problema è che Bivona non è un qualunque consulente di parte: una manciata di giorni fa un magistrato milanese, il giudice Guido Salvini, ha scritto in un provvedimento che le sue tesi sul caso Mps sono più convincenti di quelle dei periti della Procura (e si tratta di consulenti importanti, tra cui l'assessore al Bilancio della giunta Sala, Roberto Tasca). Al centro dello scontro non ci sono le colpe dell'epoca in cui alla testa del colosso senese c'era Giuseppe Mussari, ormai riconosciute da una sentenza. Ma quanto accadde dopo, tra il 2012 e il 2015, quando a Siena si insediarono Profumo e Viola. Per la Procura di Milano, investita del caso per competenza territoriale, a entrambi non si può rimproverare nulla: tanto che i pm chiesero a tempo di record l'archiviazione dell'indagine contro di loro. Ma la tesi innocentista dei magistrati è andata a sbattere contro il tribunale: per due volte, in due diversi tronconi, i pm hanno chiesto il proscioglimento di Profumo e Viola, e per due volte se lo sono visto rifiutare da due diversi giudici delle udienze preliminari.

Non si tratta, secondo Bivona, di una semplice, fisiologica diversità di opinioni tra organi giudiziari ma di «profili di tale abnormità» da giustificare un procedimento disciplinare. Per raggiungere i suoi obiettivi, il pubblico ministero avrebbe ripetutamente «travisato i fatti», «omettendo di valutare circostanze inconfutabilmente accertate», specie i documenti che provavano la malafede di Profumo e Viola, la loro consapevolezza che i bilanci erano falsi perché spacciavano dei derivati come titoli di Stato. Secondo Bivona, il pm avrebbe avallato le note tecniche di Banca d'Italia e Consob «quantunque pacificamente errate o sconfessate in modo documentale».

Dietro, secondo l'esposto, c'è un «affare di Stato»: l'operazione finalizzata a salvare non la banca, ma la Fondazione Mps, cuore del potere rosso a Siena. «Se i bilanci non fossero stati truccati, non sarebbero mai arrivati gli aiuti di Stato, i cosiddetti Monti Bonds», che evitarono la catastrofe. Ma ad un prezzo folle: Bivona parla di «una distruzione di valore per i soci pubblici e privati pari a circa 16,5 miliardi, di cui circa 2,5 miliardi per lo Stato. Nonostante che già nel 2013, se non nel 2012, Mps fosse tecnicamente fallita. Tutto questo mentre Viola diramava comunicati tranquillizzanti sullo stato di salute della banca. Ma nella relazione tecnica, Bivona non risparmia neanche gli attuali vertici dell'istituto, a partire dal presidente Stefania Bariatti, che «erano in carica» al momento dell'approvazione della relazione finanziaria (non conforme ovvero falsa) al 30 giugno 2015, ed erano stati avvisati nel luglio 2015 «del falso contabile relativo all'operazione Nomura».

Per tutti questi motivi, il consulente dei piccoli azionisti «chiede dunque alla sezione disciplinare del Csm di valutare alla luce dei fatti esposti se il pubblico ministero abbia tenuta o meno una condotta contraria ai suoi doveri nell'esercizio delle sue funzioni».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 19/01/2020 - 08:56

diciamolo bene le cose cosi come stanno: MPS viene data fallita, chiede al PD di salvarla, ma nel frattempo è una corsa contro il tempo, e qui il PD nel tentativo di battere il tempo, chiede aiuto alla magistratura. e la magistratura cosa fa? tergiversa, tentenna, fa passare tempo cosi interviene la prescrizione: ma per berlusconi, furono inflessibili! BESTIE!!!!! ecco cos'è la sinistra!!!!!!!!!!!!! e ancora, ancora, ancora, ancora, ancora, ancora, ancora criticate berlusconi e il centrodestra??????????? MA ANCORA?????????????????????????????????

DRAGONI

Dom, 19/01/2020 - 09:18

UN ALTRO ASPETTO DELLA DITTATURA CATTOCOMUNISTA CHE DI GIORNO IN GIORNO DIVENTA SEMPRE PIU' EVIDENTE.

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Dom, 19/01/2020 - 09:27

Il problema è alla radice: non è più possibile rivolgersi ad una banca di deposito, dove non ci si aspetta che il denaro consegnato cresca all'infinito ma si vuole banalmente che rimanga lì; tutte le banche sono, in maniera più o meno velata, banche di investimento, coi rischi connessi; questo grazie alle politiche socialiste, che vogliono appropriarsi dei risparmi altrui per realizzare le proprie politiche fallimentari. Questo è un altro danno del socialismo.

Jon

Dom, 19/01/2020 - 09:29

Parliamo di Omicidio,Falso in Bilancio, Concussione, Corruzione, Truffa aggravata,Distrazione, Furto..solo per esempio..!! Daltronde I Banchieri sono al Potere nel mondo, ed i magistrati loro camerieri fedeli.. TUTTI COLPEVOLI, anche i magistrati onesti, perche' stanno zitti, omerta' totale. Non Mani Pulite, ma GIUSTIZIA PULITA..!!

Giorgio5819

Dom, 19/01/2020 - 10:14

Tipica cultura comunista, falso, copertura del falso, e copertura di chi copre il falso. Questo é il mantra comunista.

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Dom, 19/01/2020 - 10:37

Mai dimenticare i proverbi della saggezza popolare (NB: non mi riferisco alla pseudo saggezza del «popolo» grillino e nemmeno a quella delle sardine). Da sempre si sa che «serpente non mangia serpente». Nel nostro caso, poi, si tratta di quei serpentelli rossi, velenosissimi e voracissimi. Contro il loro veleno non esiste antidotto.

Ritratto di Gius1

Gius1

Dom, 19/01/2020 - 10:39

c´era da aspettarselo. Vergogna totale. e poi dicono di essere democratici.

Reip

Dom, 19/01/2020 - 11:27

I vertici di MPS si saranno comprati i giudici con tutto il tribunale!

Brutio63

Dom, 19/01/2020 - 12:06

Vergogna! Era chiaro ed evidente che l’inchiesta fosse condotta in modo soffice, morbido come la carta igienica, il soccorso Rosso si è attivato per coprire le condotte criminali nella gestione MPS.

killkoms

Dom, 19/01/2020 - 12:23

soccompagni!

ciccio_ne

Dom, 19/01/2020 - 12:28

MPS ...la banca dei komunistelli? Nulla di nuovo sotto il sole dal 1992. Non che siano corrotti, lo fanno per ideologia senso di appartenenza. E chi gli rovina i piani decenni sotto indagine. Ora che hanno tolto anche la prescrizione siamo sotto sta gente a vita

Ilsabbatico

Dom, 19/01/2020 - 12:43

...troppo impegnati a perseguitare Berlusconi...

ROUTE66

Dom, 19/01/2020 - 12:50

SE TUTTO QUESTO CORRISPONDE A VERITà,NON SAREBBE CHE L"ESATTA FOTOGRAFIA DI COME AGISCE UNA PARTE DELLA MAGISTRATURA. CIECA CON QUALCUNO CON 4 OCCHI CON ALTRI. E QUESTO è POSSIBILE SOLO PERCHè SI AUTO TUTELANO.

ROUTE66

Dom, 19/01/2020 - 12:53

PICCOLO INCISO perchè quando clicco su commenta mi dite (da 3 giorni )che clicco su chi è già REGISTRATO io sono registrato da anni.

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 19/01/2020 - 17:03

Da quanto si legge sui giornali, pare che certi Tribunali talvolta salvino i ladri ed altre volte chiudano in prigione gli innocenti. Leggiamo dell’azione penale contro Salvini, per aver fatto il suo dovere, mentre per le banche spesso va tutto bene. Miracoli Italiani o politica miracolosa?