Proteggete le nostre donne: i talebani vogliono cancellarle

Ho una cugina di primo grado nella città di Herat, nell'Afghanistan occidentale. Siamo cresciuti insieme negli anni '70. Ricordo che suonavamo dischi a 45 giri e ballavamo insieme. Non la vedo da quasi cinquant'anni

Proteggete le nostre donne: i talebani vogliono cancellarle

Ho una cugina di primo grado nella città di Herat, nell'Afghanistan occidentale. Siamo cresciuti insieme negli anni '70. Ricordo che suonavamo dischi a 45 giri e ballavamo insieme. Non la vedo da quasi cinquant'anni. La ricordo come una giovane donna brillante con occhi verdi e lentiggini e un sorriso caldo e contagioso. Le telefono ieri. Sembrava terrorizzata. Mi ha detto che tutti i suoi figli adulti sono fuggiti da Herat per Kabul e lei è sola con suo figlio in una città ora sotto la bandiera dei talebani.

Mi sono sentito affranto, impotente. Mi preoccupo per mia cugina. E mi preoccupo per i milioni di afghani che sono fuggiti a casa e stanno lottando con questioni esistenziali. Dove andranno? Che ne sarà di loro? Nessuno può dirlo con certezza. Ma mi preoccupo di più per le mie consorelle afghane. Le donne e le ragazze rischiano di perdere più di qualsiasi altro gruppo.

Ci sono molte immagini orribili e durature dell'ultima volta che i talebani hanno governato l'Afghanistan: i pestaggi pubblici, il taglio delle mani, le esecuzioni all'interno degli stadi, la distruzione barbara e insensata di manufatti storici. Ma per me l'immagine mentale duratura dei talebani intorno agli anni '90 è quella del bastone che tiene in mano Talib che picchia una donna vestita di burqa. I talebani terrorizzavano sistematicamente le donne. Hanno tolto loro la libertà di movimento, la libertà di lavorare, il diritto all'istruzione, il diritto di indossare gioielli, di farsi crescere le unghie o dipingerle, di ridere in pubblico, persino di mostrare i loro volti.

È questo che c'è in serbo per mia cugina? Per sua figlia? E le innumerevoli coraggiose donne afghane che per vent'anni hanno lavorato per raggiungere una certa misura di autonomia, dignità e individualità? Le donne afghane saranno ancora una volta sequestrate nelle case? Saranno picchiate per le strade? Le donne non potranno più lavorare? Le aule femminili resteranno vuote? I volti femminili scompariranno dalla tv e le voci femminili dalla radio? L'Afghanistan sarà privato ancora una volta di un contributo significativo da parte della metà della sua popolazione?

Forse i talebani sono cambiati, dicono alcuni. Ma lo sono? I prossimi giorni, settimane e mesi faranno molto per rispondere a questa domanda. Questa è la piccola scheggia di speranza che mi concedo - impegnandomi in un esercizio di pio desiderio. In effetti, le immagini recenti di Herat, che mostrano soldati talebani che trascinano per la città «ladri» con le facce dipinte di nero e cappi al collo, smentiscono questa debole speranza. Le immagini potrebbero anche essere state scattate nel 1997.

Quindi, se i talebani non sono cambiati e non c'è nulla che impedisca loro di imporre le loro leggi barbare e disumane a un popolo che soffre da tempo, cosa si deve fare? Cosa accadrà alle donne e alle ragazze lì? Da dove verrà l'aiuto? Non conosco la risposta. Sicuramente non la conosco oggi. Oggi mi preoccupo. Oggi ho il cuore spezzato. Oggi piango per le speranze e le aspirazioni perdute degli altri afghani.

La decisione americana è stata presa e l'incubo che molti afghani, me compreso, temevano, si sta manifestando. Tuttavia, per quanto le cose possano sembrare squallide e senza speranza ora, il mondo non può e non deve dimenticare l'Afghanistan. Non deve abbandonare un popolo che ha cercato la pace per oltre quattro decenni. Il mondo deve essere solidale con i comuni afghani, in particolare donne e ragazze, e prendere le misure necessarie per fare pressione sui talebani affinché rispettino i loro diritti umani essenziali. Il mondo deve fare il possibile per assicurarsi che milioni di donne afghane non siano costrette ancora una volta a languire dietro porte chiuse e tende tirate. Quelle donne sono tra le persone più coraggiose e resilienti che abbia mai incontrato. Mia cugina ne è un fulgido esempio. Donne come lei mi hanno ispirato e umiliato più e più volte. È una vergogna che debbano soffrire ancora, dopo tutto quello che hanno già sopportato per molti lunghi anni di difficoltà e lotte. Loro e il popolo afghano nel suo insieme, meritano di meglio.

Commenti