Rai, Tar respinge ricorso contro la nomina di Foa

Il Tar del Lazio ha respinto il ricorso di Lucia Borioni contro la nomina di Foa alla presidenza della Rai

Adesso lo dice anche il Tar: la nomina di Marcello Foa presidente della Rai è legittima. Infatti il Tribunale amministrativo del Lazio ha respinto il ricorso presentato dalla consigliera di amministrazione Rai, Rita Borioni. Il Tar ha definito il ricorso "infondato". I giudici amministrativi hanno affermato che "non vi è mai stato un parere di merito negativo sulla figura del candidato Presidente".

Da qui ne deriva la totale bocciatura del ricorso che ha definito pienamente legittima la nomina di Foa alla presidenza di Viale Mazzini. Di conseguenza, sottolinea il Tar, "è infondata la tesi della ricorrente secondo cui l’anteriore espressione del parere negativo (da parte della commissione di Vigilanza, ndr) avrebbe determinato un impedimento definitivo irreversibile alla possibilità della commissione parlamentare di pronunciarsi sul medesimo nominativo precedentemente discusso". Inoltre, "una nuova deliberazione non è affatto esclusa dall’articolo 12 bis, comma 3, del Regolamento della Commissione di vigilanza".

Inoltre non vi è alcuna ragione per ritenere, si legge ancora nella sentenza, che il presidente designato, una volta non ottenuta l’approvazione della Commissione parlamentare, "abbia l’obbligo di dimettersi o che lo stesso debba considerarsi decaduto dal mandato". La decisione del Tar del Lazio, dunque, ha fatto piena chiarezza sulla correttezza del procedimento seguito per la nomina del presidente della Rai, escludendo "in termini inequivocabili che gli organi parlamentari o quelli aziendali abbiano adottato atti illegittimi. E lo stesso Foa ha accolto con "soddisfazione" la decisione del Tribunale amministrativo. "Questa sentenza ha confermato la mia posizione da me sostenuta sin dall'inizio".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 04/01/2020 - 18:08

Ora la ROSSA dispone ancora della CASSAZIONE e della Corte Costituzionale e VAIII !!!INDOVINATE CHI PAGAAAA!!!

HARIES

Sab, 04/01/2020 - 18:31

Ma questa Rita Borioni chi è? Ma stiamo scherzando? La RAI non ha mai avuto un presidente così istruito e capace dal 1954 ad oggi. Forza Marcello!!!

edo1969

Sab, 04/01/2020 - 19:05

Foa è talmente stupido che sua moglie lo chiama occhi spenti cervello bruciato

Ritratto di wilegio

wilegio

Sab, 04/01/2020 - 19:16

Già... ma niente prescrizione! Quindi...

baronemanfredri...

Sab, 04/01/2020 - 19:38

RAI SEMPRE RADIOTELEVISIONE COMUNISTA STALINISTA.

Ritratto di blues188

blues188

Sab, 04/01/2020 - 20:02

Dopo tante premesse, anche questo mediddionale si è tuffato sulla torta lasciandola come l'aveva trovata, cioè inutile e la solita mangiasoldi al servizio del potente di turno. Io da perfetto cxxxxxo ero abboccato ai suoi pomposi vaniloqui

Trinky

Sab, 04/01/2020 - 20:09

edo1969......e di stupidità lei se ne intende, vero?

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Sab, 04/01/2020 - 20:10

La consegna della TV di Stato a Foa è stata una buona idea. Dopotutto, è membro di una minoranza perseguitata in passato per il monopolio esercitato su media e finanza. Niente può esorcizzare lo spettro del passato come l'eliminazione delle eccezioni alla regola.

Tuthankamon

Sab, 04/01/2020 - 20:20

La sinistra rancorosa non cede mai. Da Trump i giù ci prova in tutti i modi a delegittimare coloro che non giocano secondo i canoni progressisti (puah!!!).

stefi84

Sab, 04/01/2020 - 22:52

Bravo Foa, ha vinto, ma ora cambia il monopolio, è ora che la Tv di stato faccia il suo lavoro in modo imparziale cosa che non mi pare finora...

Ritratto di Acquachiara

Acquachiara

Dom, 05/01/2020 - 00:27

Rosicate miserabili, rosicate.

Popi46

Dom, 05/01/2020 - 06:26

La RAI è sempre stata territorio di spartizione politica, basta ipocrisie, uno lo sa e,se possiede un pizzico di discernimento, riesce a separare propaganda da dati di fatto, se non,continuerà a vivere nella personale realtà virtuale. Io mi accontenterei,se i palinsesti fossero a misura di adulti alfabetizzati, non di bambini in età scolare

antonmessina

Dom, 05/01/2020 - 07:15

foa aveva promesso cambiamenti in rai..invece.. ma si ..un cambiamentoc'è-- è peggiorata

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 05/01/2020 - 09:29

La RAI é la televisione di Stato, da sempre in mano alla politica ed ormai, da tempo, sotto controllo esclusivo della sinistra. Deve essere destatalizzata, mentre il canone deve essere abolito. Mediaset campa con la pubblicità, mentre RAI fa come le pare, ma a spese nostre.