Referendum, allarme di Mentana: "Così Renzi falsa il voto"

Il direttore del tgLa7 accusa il premier: "Teoricamente e seriamente dovrebbe mandare due lettere, una per il sì e una per il no"

Arriva da Enrico Mentana l'ultimo fendente contro la campagna elettorale per il Sì al referendum portata avanti con grande enfasi dal presidente del Consiglio Matteo Renzi.

Al direttore del Tg La7 in particolare non è andata giù la lettera che il premier ha inviato agli italiani all'estero per invitarli a votare la riforma costituzionale che porta il suo nome e quello del ministro per le Riforme Maria Elena Boschi.

Non si può rischiare di falsare questa consultazione cercando un rapporto unilaterale, che è possibile soltanto a chi guida l’istituzione governativa nei confronti degli italiani all’estero", attacca il giornalista parlando dal proprio posto di conduzione. "

Teoricamente e seriamente ci vorrebbe una lettera, anzi una busta con dentro due lettere – precisa il direttore – Le ragioni del Sì e le ragioni del No, perché raggiungerli solo da un lato comporta il rischio veramente forte di avere qualcuno che nel dibattito referendario fa la parte del leone”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

mariod6

Sab, 12/11/2016 - 18:12

Ma è chiaro che Frottolo e la Maria Elena stanno facendo le prove per il dominio totale del paese, senza opposizione e senza avversari. I contrari vanno eliminati oppure non vanno fatti nemmeno parlare. Questa è quella che la Maria Elena chiama la "cassetta degli attrezzi", che comprende solo una serie infinita di grimaldelli e chiavi false per entrare dappertutto e mettere radici. Votate PD e poi passate alla cassa. Adesso a riscuotere, tra poco a pagare anche con lacrime e sangue.