Schiaffo di Sala agli italiani: dà 6 milioni agli immigrati

Nel 2020 il Comune di Milano ha destinato oltre 6 milioni di euro a famiglie straniere. La leghista Sardone: "La sinistra anti-italiana favorisce solo gli extracomunitari"

Schiaffo di Sala agli italiani: dà 6 milioni agli immigrati

Le priorità della sinistra evidentemente continuano a riguardare gli immigrati piuttosto che gli italiani. Una sorta di gerarchia che è stata rispettata anche lo scorso anno, nonostante gli effetti della pandemia abbiano provocato enormi danni economici al nostro Paese. Mentre gli italiani fanno ancora i conti con le conseguenze dell'emergenza Coronavirus, più di qualche migrante ha ricevuto un sostegno maggiore nei terribili mesi del lockdown e delle restrizioni. Un esempio è rappresentato dal Comune di Milano, che nel 2020 avrebbe destinato oltre 6 milioni di euro a famiglie straniere per le quattro misure di sostegno al reddito e appena 900mila euro alle famiglie italiane.

Uno squilibrio denunciato da Silvia Sardone, europarlamentare della Lega, secondo cui lo squilibrio appare evidente nel fatto che il numero di nuclei famigliari immigrati raggiunte da queste misure sociali è aumentato di 10 volte rispetto al 2019, ma che diventa ancora più marcato "se guardiamo direttamente alle risorse investite". La consigliera comunale del Carroccio ha puntato il dito contro la sinistra milanese, giudicata "profondamente anti-italiana", che a suo giudizio "dovrebbe solo vergognarsi di fronte a queste cifre".

Le cifre

Per quanto riguarda la misura 1 del sostegno al reddito (diretta ai nuclei familiari con uno o più minori a carico) sono stati erogati ben 3.292.000 euro agli immigrati e solo 308mila euro agli italiani; per la misura 2 (destinata ai nuclei familiari composti da uno o anche più adulti, di età compresa tra i 18 e i 64 anni senza minori a carico e con una percentuale di invalidità fino al 73%) ne sono stati erogati 2.128.000 euro agli immigrati e 272mila agli italiani; quanto alla misura 3 (diretta ai nuclei famigliari in cui vi è almeno una persona in possesso di un certificato di disabilità e/o invalidità civile oltre il 73%) per gli immigrati 134mila euro mentre gli italiani solo 62mila euro; infine per la misura 4 (diretta ai nuclei famigliari in cui vi è almeno una persona con oltre 64 anni di età) sono stati erogati 556mila euro per gli immigrati e 314mila per gli italiani.

"Gli italiani sono di serie B"

Secondo la Sardone appare evidente che nella Milano amministrata dal Partito democratico "gli italiani siano considerati cittadini di serie B, mentre gli extracomunitari abbiano delle corsie preferenziali non indifferenti". Un aspetto non affatto corretto considerando le difficoltà riscontrate dagli italiani nel corso della pandemia. Anche perché si tratta di una realtà dei fatti che rappresenta perfettamente "un razzismo al contrario che penalizza sistematicamente gli italiani". Uno squilibrio di 10 a 1 a favore degli immigrati per le misure di sostegno al reddito che per la Sardone non è accettabile: "Ora basta. Menomale che questa giunta presto si farà da parte per lasciare spazio a chi ha davvero a cuore Milano e i milanesi".