Siamo preda del panico perché non ci dicono che siamo tutti bersagli

La paura è la reazione psicologica alla menzogna. E questo ci rende più vulnerabili

Il primo messaggio della strage di Nizza è: «Smettetela di festeggiare: non c'è molto da divertirvi». Speriamo che la risposta consigliata da Autorità e opinionisti illustri non sia anche questa volta (come dopo la strage del Bataclan): «Continuiamo a divertirci. Perché siamo i più forti», con sfoggio di sicurezze, sorrisi, servizi e interviste sugli apericena e i loro brillanti protagonisti parigini. Speriamo che la musica cambi, perché la vecchia non funziona più.

Purtroppo non sono i più forti, i Paesi europei, perché non sono neppure in grado di difendere i loro cittadini. Né sul loro territorio, come la Francia ieri a Marsiglia, né in giro per il mondo, come l'Italia a Dacca una settimana fa. Il fatto è che l'Europa è ammalata di un male oscuro: il non dire, e dirsi, la verità. È questa la sua nevrosi: fantasie di passate grandezze, fatica a riconoscere la realtà e ad accettare le sfide che l'aspettano. Un male che la indebolisce e che è all'origine di molti guai. Tra i quali la Brexit, che non è stata tanto un colpo di follia suicida dell'Inghilterra, ma la sua presa di distanza dalla debolezza dell'Europa.

Il terrorismo islamico vuole farci paura. E ci riesce. Perché la paura è la reazione psicologica alla menzogna, al nascondere la realtà, a sfoggiare un'immagine non autentica (è questo uno dei non molti fenomeni che la psicoanalisi - una scienza molto europea - è riuscita a dimostrare con chiarezza). La verità su cui i terroristi contano ce la stanno mettendo sotto il naso. È che sono in grado di far attraversare a un camion guidato da un gelataio avventizio, l'isola pedonale di Nizza, e farlo uscire davanti al Negresco (simbolo della belle époque della ricchezza europea), sparando sulla folla, uccidere e ferire.

Questo (ed ecco il secondo messaggio) proprio nel giorno della festa nazionale francese: 14 luglio. Che non è solo la conquista della Bastiglia, è soprattutto l'atto di nascita della modernità occidentale, la fine del riferimento al «diritto divino» nella vita pubblica, il varo di lì a poco del divorzio, dell'aborto, e di tante altre cose che l'Isis, e molto Islam, non accettano. Un bersaglio simbolico di grande rilievo, eseguito con l'abituale rozzezza e precisione, ammazzando e ferendo decine di persone.

Perché la gente esca dalla paura è necessario che i suoi leader dicano la verità: siamo tutti potenziali bersagli. È dura da ammettere ma lo si è già fatto, per esempio in guerra, con stragi molto più importanti, e pochi - in fondo - sono caduti in crisi di panico. Succede. Anche il coraggio è un sentimento umano, benché oggi guardato con grande diffidenza. Però per svilupparlo, è necessario coinvolgere le popolazioni in una strategia diversa. Se non ci si vuole sottomettere, come secondo alcuni l'Europa è ormai disposta a fare, è necessario, infatti, diventare coraggiosi. Reagire, dimostrare di avere dei programmi e non solo delle velleità. Per esempio recuperare il controllo sul territorio, che (non solo in Francia) sembrerebbe assai a rischio. Certo, ciò significa - anche - chiarire il rapporto con i cittadini (autoctoni o di altra origine) che non sono d'accordo con i fondamenti dello Stato. E regolare i nuovi arrivi. È questo d'altra parte il problema base della personalità, sia personale che collettiva (statale). I diversi aspetti che la compongono devono essere d'accordo nel collaborare alla sua vita: altrimenti è la scissione e la follia.

Sembra difficile dire la verità e affrontare le sfide. Ma non c'è altra strada. Altrimenti anche quel che c'è rischia di finire. Per esempio, oggi, l'Unione europea; forse anche alcuni Stati, almeno nella loro conformazione attuale (basta pensare a tutte i territori che vogliono uscire da dove si trovano, dalla Catalogna al Veneto alla Scozia). Se la personalità non trova una sua verità condivisa da tutti i suoi aspetti, va in pezzi.

D'altra parte, riconoscere la realtà del tempo mette in moto insperate energie. È la primavera: ogni nuovo seme può finalmente crescere. Vecchie strutture cadranno. Ma serviranno anch'esse, a fertilizzare il terreno.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

gpl_srl@yahoo.it

Sab, 16/07/2016 - 15:05

SE QUESTI ATTI DI TERRORISMO FANNO PARTE DELLA PRIMAVERA VOLUTA DA SARKOSY , COSA DOBBIAMO ASPETTARCI DALLE ESTATE CALDA CHE LA FRANCIA DI SARKOZY CI VUOL PROPORRE??

venco

Sab, 16/07/2016 - 17:12

Gli islamici sono molto forti contro di noi, a contrario di noi loro hanno potere di morte verso di noi, e a bassissimo costo.

Ritratto di wilegio

wilegio

Sab, 16/07/2016 - 17:17

Regolare i nuovi arrivi? Ben arrivato, Risè! Noi della Lega lo diciamo da anni, ma ogni volta i "centristi" prendono le distanze, eprché loros sono buoni, equilibrati e rifuggono da noi "populisti". E poi, dopo ogni elezione, ripartono con la manfrina del "uniti si vince". Ma uniti su quale programma? Non scontentare i sinistri che ci vogliono succubi della ue e invasi ogni giorno di più da una massa di disgraziati senza arte ne' parte, quando non imbottiti di propaganda islamica? E' ora che i cosiddetti moderati si diano una regolata e decidano da che parte vogliono stare, prima che sia troppo tardi.

Cheyenne

Sab, 16/07/2016 - 17:20

NON CE DA ATTENDERE BISOGNA USCIRE DALLA UE DA QUESTA MANATA DI FOLLI CHE CI STANNO PORTANDO ALLA ROVINA. QUALI STATISTI DISPONE LA UE: LO SCEMO HOLLANDE, L'UBRIACONE JUNCKER, IL PINOCCHIO, LA DOPATA MERKEL, L'IDIOTA RAJOY. DOVE CO VORREBBERO I DE GAULLE I CHURCHILL GLI ADENAUER I DE GASPERI, ABBIAMO QUESTA TRUPPA DELLE BANANE

Ritratto di Flex

Flex

Sab, 16/07/2016 - 17:21

Non ci dicono che siamo bersagli perchè finirebbe il "Businnes" dell'accoglienza.

Ritratto di hermes29

hermes29

Sab, 16/07/2016 - 17:22

Bene fanno le nostre navi militarei a portare gli immigrati da noi, cosi ci risparmiano dagli attentati; questa è la verità del perchè gridano al lupo inutilmente, e si gratificano nella perfetta prevenzione. Come se i nostri servizi sono superiori alla cia mossad ecc.. ecc.. Meglio avere a che fare con gli immigrati che con il terrorismo. Certo che debbono cambiare le politiche per l'accoglienza, e certi politici è meglio che tacciano per sempre, invece di creare sentimenti di rancore ed odio verso gente debole e bisognosa: noi dal secolo scorso siamo stati storicamente un paese di immigrati; quasi 30 milioni, che si sono adeguati alle loro leggi, "non cercando di cambiarle"

Ritratto di il navigante

il navigante

Sab, 16/07/2016 - 17:27

Caro articolista Claudio Risè: i nostri Politici non devono rispondere al popolo italiano ma a chi li ha messi in quel posto e fa guadagnar loro un bel stipendio (con i nostri soldi). Loro sanno chi è che ha creato e che manovra il terrorismo, oramai lo sanno anche...i sassi. Però devono tenere la testa bassa e fare e dire a noi del popolino beone, solo quello che i loro Padroni gli suggeriscono di dire, pena la perdita del posto.

Ritratto di beatoangelico

beatoangelico

Sab, 16/07/2016 - 17:32

E questa sarebbe la verita'?? Finitela di scrivere idiozie. Ci cascano in pochi oramai. Divorzio, aborto, azz...sono questi i valori in cui credere e che l'isis dovrebbe combattere ? Fate prima a confessare che siete fratello di qualche Loggia e che giudicate con approvazione il loro credo, cioe' la cultura della morte. In queste condizioni siete felicemente destinati all'estinzione...

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Sab, 16/07/2016 - 17:33

L'UE non è altro che un'amministrazione farraginosa che costa tantissimo, produce regolamenti inutili e fa il verso alle politiche sioniste e americane. Cosa vi aspettate che dicano a protezione dei cittadini Europei che pagano i loro lauti (e vergognosi) stipendi?

Massimo Bocci

Sab, 16/07/2016 - 17:34

Come panico??? Ho non hanno già messo una taglia su tutti noi di 10000€ per coprire le prime spese dell'INVASIONE e DEI MASSACRI!!! Lo ha detto mele di lamierino,con i soldi ai Turchi (già prossimi inquilini PRENOTATI al posto dei Britannici), copriamogli un po' di spese alla Jihad il resto glielo pagheremo SUBITO CON LO SFRATTO ESECUTIVO e poi su su con Equitalia, c'è da capirli questi Extra lavorano anche nei festivi (MORTI AMMAZZATI INCREMENTO ESPONENZIALE) un attentato ogni sei giorni sono sulle spese, non vorrete che fermino la DISTRUZIONE DELL'OCCIDENTE (già cos'ì buon punto) , poi i loro padroni Meticci gli mettono la penale.

stancainside

Sab, 16/07/2016 - 17:35

E adesso tutti a cambiare la foto di FB. Intanto queste bestie ci ammazzano, finchè non procederemo ad espellerli tutti, fino all'ultima generazione, ci saranno questi atti terroristici. Sono pazzi squilibrati senza scrupoli che in nome di una religione assurda e invocante odio fanno stragi di cittadini inermi.

Blueray

Sab, 16/07/2016 - 17:44

Perché la gente esca dalla paura è necessario rimediare agli errori degli ultimi 10-20 anni. La storia non va sempre e solo avanti, spesso va anche indietro, soprattutto se si vuole che a fare un cambiamento non siano guerre massacranti come avvenuto nel XX secolo ma un riposizionamento delle politiche europee evidentemente fino a qui fallimentari.

Ritratto di Trasimacus

Trasimacus

Sab, 16/07/2016 - 17:45

Ottimo articolo. Ieri l'ex capo del governo Letta, in una intervista radiofonica, ha parlato di 'guerra civile'.... Eh sì, prima li facciamo entrare, li accogliamo a braccia aperte, li facciamo circolare quando e come vogliono, diamo loro la cittadinanza, riconosciamo loro i benefici dello stato sociale, e poi, siccome li abbiamo dissennatamente accolti sul suolo europeo, parliamo di 'guerra civile'... Il nemico è tra noi certo, perché invece di tenere porte e finestre chiuse, lo facciamo accomodare con tutti i riguardi. Autolesionismo e deriva suicida dell'Europa.

sottovento

Sab, 16/07/2016 - 17:55

La verità è che la Ue a speso troppo tempo per cose inutili e dannose (vedi le dimensioni delle vongole) e ha lasciato tempo ai terroristi di organizzarsi. E come volevasi dimostrare questa "risorsa" che ha colpito a Nizza non era un "immigrato di 2 generazione" ma uno dei tanti arrivati dalla Tunisia. Questa è una guerra e ci vogliono azioni forti (non contro le vongole mi raccomando eh!).

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Sab, 16/07/2016 - 18:27

Veramente è già estate, lo si capisce perché le testate gareggiano nella grida più cruda per attrarre il barlume di lucidità che lega il nostro slippone alla realtà. Strage di aquile e pantere libere, manze brade al mare e fiumi di vaccate irrorano veicoli mediatici. È estate, si sa. Quello che rimane di tutte queste notizie è che: alla tomba della scimmia ci si va perché è giusto; l'aereo è più sicuro del treno; un camion impazzito può fare danno quanto venti f16; della Turchia sappiamo un fico, e infatti non abbiamo capito che sia successo. Per il resto basterebbe liberarci le mani.

Linucs

Sab, 16/07/2016 - 19:11

"Grandezze passate", tradotto: non eravamo pieni di scimmie.

LAMBRO

Sab, 16/07/2016 - 19:35

PAROLE..PAROLE...PAROLE !POCHE STORIE: IN GUERRA SI FA LA GUERRA!

Ritratto di Azo

Azo

Sab, 16/07/2016 - 20:49

Oggi viviamo, DOMANI, NON CI SIAMO PIÙ!!! Sono ormai anni che abbiamo un governo a Brussel, che fa la spola con Bonn, SPENDONO E SPERPERANO, E POI, LA Merkel DECIDE IL DA FARSI??? PERCHÈ ALLORA ABBIAMO TUTTE QUESTE PERSONE CHE PAGHIAMO PROFUMATAMENTE??? NON SAREBBE MEGLIO, CHIUDERE BARACCA E BURATTINI ED ASPETTARE TEMPI MIGLIORI, PER RICOMINCIARE ??? COMUNQUE, QUESTA " UE ", FINCHÈ LA Merkel È QUELLA CHE DECIDE IL DA FARSI, DI DEMOCRAZIA HÀ MOLTO POCO, MA HÀ MOLTA SOMIGLIANZA AL """NAZZISMO""", PERCIÒ TOGLIAMOCI AL PIÙ PRESTO DA QUESTA PAGLIACCIATA DI UNIONE E DIFENDIAMO LE NOSTRE FRONTIERE DA CHI CI VUOLE DEL MALE!!! Non sò se capite, ma di problemi ne abbiamo già abbastanza con le mafie e con la corruzione in parlamento, CIÒ A CUI L`EUROPA INTERESSA MOLTO POCO E NEL FRATTEMPODOBBIAMO PENSARE PURE A DIFENDECI DA TUTTO E DA TUTTI!

Giorgio5819

Sab, 16/07/2016 - 20:49

Questa Europa , i buonisti di questa europa, hanno le mani sporche del sangue delle vittime di questi attentati. La loro folle ideologia dell'integrazione forzata si scontra con il minimo sindacale del buon senso. E' ora di togliere autorità a tutte le finte "mammole" che si riempiono le tasche di soldi parlando di accoglienza e spianano la strada alla strategia delle bestie musulmane.

dakia

Sab, 16/07/2016 - 21:47

Ma che bel articolo!Freudiano addirittura, il terrorismo islamico vuole farci paura e questa è la reazione psicologica alla menzogna, al nascondere la realtà e sfoggiare un'immagine non autentica...ma io sono a casa mia e non ho bisogno di nascondere o esaltare nessun sentimento giacché non li ho invitati a condividere la loro vita con la mia e ho tolto una maschera, questo è il principio di tutto il dramma,lavorassero come ho fatto per crearmi uno sistema di vita, sono uscita traumatizzata da una guerra e ho faticato con la mente per mettere quello nel dimenticatoio, ora dai colti chic dovrei apprendere lezioni di vivere io? mi faccia il piacere, vada a fare scuola ai terroristi, ma in casa loro perché qui, se voi seguite con questi dileggi gratis, non so quale possa essere la nostra migliore scelta, certamente non quella di regalare il mio paese a loro dato che paura io non ne ho, ma di rimpatriarli tutti papa compreso a questo mi associo, stia tranquillo!