"È solo un'operazione di potere ma può ricattare la maggioranza"

Il sociologo Luca Ricolfi: "L'ex premier non ha più carisma e ha dimostrato di cambiare idee secondo le convenienze"

Professor Luca Ricolfi, esiste uno spazio politico per un partito di «sinistra moderata» con Renzi leader?

«Non so più che cosa vuol dire sinistra moderata. Vuol dire non trinariciuta? Vuol dire che non mette nuove tasse e nuove imposte patrimoniali? Vuol dire che vuol modernizzare il mercato del lavoro? Vuol dire che è una riedizione della Margherita, con una forte componete cattolica, tutta accoglienza e diritti umani? Se è soprattutto riformista, meglio il partito di Calenda, se è soprattutto pro-accoglienza, meglio il partito della Bonino.

Si tratta di un'operazione spregiudicata di Renzi, dettata da ambizioni personali, o è spiegabile con uno spostamento a sinistra del Pd di Zingaretti?

«Ma vogliamo scherzare? Il partito di Zingaretti è stato sinistrizzato proprio da Renzi, che costringendolo a fare un governo con i 5s ne ha spento ogni vocazione riformista e modernizzatrice, e resuscitato i peggiori istinti giustizialisti e assistenzialisti».

Come potrebbe influenzare la tenuta del governo?

«Mi pare evidente che, senza i 30 o 40 parlamentari di Renzi, il governo non ha la maggioranza. Quindi Renzi ha il pieno controllo della durata della legislatura. Altroché Mattarella. L'unica cosa che può fare Zingaretti per liberarsi di Renzi è dire: assì? allora andiamo al voto, con questa legge elettorale, e vediamo quanti parlamentari riesci ad eleggere.

Il renzismo finora ha avuto un suo senso come anima del Pd, in opposizione alla corrente più legata all'eredità del Pci-Ds. Può funzionare autonomamente, secondo lei?

«Non credo proprio, ormai il renzismo è solo ricerca spasmodica del potere».

Il modello potrebbe essere En Marche di Macron?

«È del tutto diverso, secondo me. Quando Macron lanciò il suo movimento era una figura politica vergine, con un programma chiaro e tutt'altro che improvvisato. Renzi viene da una sonora sconfitta (al referendum), e ormai ha una patente di inaffidabilità totale: non ha mantenuto la promessa di ritirarsi dalla politica in caso di sconfitta al referendum, ha tradito il suo solenne (e condivisibilissimo) impegno a non allearsi con i Cinque Stelle, ora - se tradisce il Pd - non fa che confermare la fama di spregiudicato trasformista che si è cucito addosso da solo».

Un elettore di centrodestra potrebbe essere attratto da un partito renziano?

«Forse qualche elettore di Forza Italia, ma anche su questo ho dei dubbi: il consenso a Forza Italia è così basso da far pensare che l'unico fattore che induce ancora a votare quel partito sia la figura di Belusconi. Detto altrimenti: il voto a Forza Italia ormai è il voto dei fedelissimi, e un fedelissimo non cambia cavallo facilmente».

Un partito personale può avere successo?

«Di partiti molto legati a una singola personalità ce n'è uno che ha riscosso un enorme successo: Forza Italia, che è nato e si è affermato esclusivamente grazie alla personalità di Berlusconi. Io non escludo affatto che, in futuro, un nuovo imprenditore della politica catalizzi un largo consenso. Il problema, però, è che per fare questo bisogna avere almeno due cose: il carisma, e delle idee in cui si crede fermamente. Renzi il carisma lo ha perduto dopo il referendum. Quanto alle idee, la doppia piroetta di questi giorni ha cancellato ogni dubbio: le idee di Renzi cambiano con le sue convenienze politiche».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Anna 17

Anna 17

Mar, 17/09/2019 - 08:42

Purtroppo questo è il Paese in cui viviamo e gente come Renzi siede in senato. Ma come è possibile che questo, come moltissimi suoi colleghi, siano li per fare i propri interessi e non quello degli italiani, cosa per cui sono stati votati e vengono mensilmente strapagati. E' un'indecenza, si devono vergognare nascondere mentre spudoratamente si fanno tronfi con dichiarazioni cialtronesche in tutti i media, come fossero eroi e non delinquenti.

Papilla47

Mar, 17/09/2019 - 09:00

Beh ora la domanda è: Sarà più forte il partito di Zingaretti o quello di Renzi? Con il grande ritorno di Dalema e Bersani il partito di Renzi guadagnerà qualche punto ma non riuscirà a sorpassarlo. Piccole percentuali a una cifra che potranno ingigantirsi se un'epidemia sopprimesse le opposizioni.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mar, 17/09/2019 - 09:07

Concordo quanto detto dal sociologo Ricolfi! Renzi è un opportunista,un voltagabbana,un politico senza scrupoli;il suo fine è quello di tenere in pugno deputati e senatori,e lo fa sfrontatamente(vedi il found raising da luglio ad ora com' è lievitato) comprando poltrone. Ci sono burattinai dietro Renzi(finti filantropi che finanziano tali partiti orrendi) che promuovono le loro idee malsane e il burattino di turno(Renzi) accondiscende mettendo in luoghi strategici personaggi filo massonici antidemocratici che tentano di schiacciare l'avanzata del popolo sovrano delegittimato dai pieni poteri.

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Mar, 17/09/2019 - 09:12

Ho un dubbio, ho un sospetto: la manovra di Renzi per okkupare il "centro" non è che in qualche modo attragga anche quelli di Forza Italia?... Insomma un Neonazareno per intenderci. La cosa non meraviglierebbe più di tanto, atteso che Forza Italia è frequentata da ex democristiani ed ex socialisti adusi a certi giochetti... Staremo a vedere.

claudioarmc

Mar, 17/09/2019 - 09:26

Non lo aveva capito nessuno!

Iacobellig

Mar, 17/09/2019 - 09:41

Condivisibile quanto affermato dal sociologo. Renzi e boschi non hanno futuro la gente ha capito da tempo. Peraltro sono entrambi antipatici.

ekat

Mar, 17/09/2019 - 09:44

Condivido in pieno il pensiero di Ricolfi, che apprezzo come intellettuale di una sinistra riformista ormai dispersa. Aggiungo solo che Renzi non è mai stato altro che questo: uno spregiudicato trasformista. Quando parla di "fuoco amico", quando denuncia la slealtà altrui, non può che farlo guardando uno specchio. No, no, è proprio lui il "Matteo sbagliato".

alex_53

Mar, 17/09/2019 - 09:56

Forse i migliori complimenti bisognerebbe farli al Presidente della Repubblica! basta non far votare ha avallato tutti i giochi possibili! viva la democrazia del cavolo!

Ritratto di pipporm

pipporm

Mar, 17/09/2019 - 10:05

Il Bomba1 come il Bomba2, aspiranti al potere assoluto

Ritratto di deep purple

deep purple

Mar, 17/09/2019 - 10:07

Tutti da destra a sinsitra, dalla lega al pd, pensano ai propri interessi e non a quelli degli italiani. Avete mai sentito qualcuno parlare delle imprese che chiudono o delocalizzano, dei terremotati che sono ancora nelle baracche, delle strade con le buche, degli ospedali che mancano di personale, dei concorsi alle università truccatti, ecc.?

Gio56

Mar, 17/09/2019 - 10:09

Friulano.doc il tuo sospetto è giusto,avrà l'appoggio di Fi,e vedrai quando ci sarà l'elezione del Pdr chi sarà il favorito.(è la sua ultima occasione)

Gatto Giotto

Mar, 17/09/2019 - 10:10

Inutile dirlo... Renzi con questa mossa detterà l'agenda politica al governo. Zingaretti non è mai stata una cima: adesso si ritrova alleato del M5s senza alcun margine di manovra. Cosa dire di Conte? Un burattino era, un burattino rimane. Cambia solo chi muove i fili.

MALENNIO

Mar, 17/09/2019 - 10:23

Siamo ridotti davvero male ! andremo a votare solo se interessa al PD per risolvere le sue questioni interne...nel 1993 la sinistra chiese a Scalfaro di tornare in anticipo alle urne e il presidente fu d'accordo,ritenendo che fosse mutato il clima politico nel Paese (poi vinse Berlusconi..). Nel 2019 considerazioni simili sono impossibili ? la UE non le consente ?

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 17/09/2019 - 10:32

More solito il sociologo (di sx) Ricolfi, di cui ho letto interessanti libri, ha centrato il tema.

Calmapiatta

Mar, 17/09/2019 - 10:37

Mattarella, uomo avvezzo ai giochi di palazzo (a cui non poteva non sfuggire la situazione precaria del PD), ha affidato il governo del paese a forze politiche usurate e lacerate, invischiate in una sordida battaglia per non mollare il potere. PD e M5s, per timore di venire (di nuovo) punite dagli elettori, si sono fuse in un abbraccio motale. Renzi, felice dell'opportunità, ha fatto la sua mossa. Ora in parlamento assisteremo a faide, regolamenti di conti, trappole, allenaze e tradimenti. Tutto ad onta delle necessità del paese. Grazie Signor Presidente.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mar, 17/09/2019 - 11:24

L'unico modo di mettere al tappeto il voltagabbana opportunista Renzi è quello di chiedere a Zingaretti o Di Maio di staccare la spina:dubito che il primo lo faccia per non perdere ulteriori consensi e la faccia stessa;se Di Maio decidesse di staccare la spina forse il suo elettorato deluso potrebbe capire...chissà!