Draghi, Salvini, Meloni e Conte: cosa dice il "sondaggione"

In cima alla lista degli italiani resta il capo dello Stato Sergio Mattarella

Draghi, Salvini, Meloni e Conte: cosa dice il "sondaggione"

Solo un punto percentuale separa l'attuale presidente del Consiglio Mario Draghi dal suo predecessore Giuseppe Conte nella classifica di gradimento degli italiani. Questo è quanto risulta da un sondaggio realizzato per Affaritaliani.it dall'Istituto Piepoli lo scorso lunedì 10 maggio (un risultato ottenuto su 500 casi mediante metodologia Cati-Cawi).

L'indagine statistica, basata sulla fiducia dei nostri connazionali nei confronti dei principali protagonisti della politica nostrana, sottolinea delle differenze, se pur lievi, rispetto ai dati emersi durante il sondaggio realizzato la settimana precedente (lunedì 3 maggio). In cima alla classifica il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, forte del 62% dei consensi: il capo dello Stato risulta pertanto in lieve crescita. Un trend positivo che si può rilevare anche per quanto concerne i giudizi sull'ex governatore della Banca centrale europea (al 59%), che non riesce a staccare tuttavia in modo significativo il suo predecessore sullo scranno di presidente del Consiglio: Giuseppe Conte, nuovo uomo immagine del Movimento Cinquestelle, si mantiene infatti stabile al 58% e mantiene l'ultimo gradino del podio.

Quarta posizione per il rappresentante di Articolo Uno nonché ministro della Salute (sia nel governo Giuseppi II che nell'esecutivo guidato da Mario Draghi) Roberto Speranza. In salita rispetto ai dati del 3 maggio, Speranza risulta al 45% e precede così Enrico Letta: il nuovo segretario del Partito democratico rosicchia qualche consenso in più ed arriva fino al 34%. Poco al di sotto del collega di partito, e stabile rispetto al sondaggio della settimana scorsa, il commissario europeo Paolo Gentiloni si ferma infatti al 33%. Seguono, appaiati in classifica ed entrambi stabili, i presidenti di Camera dei deputati e Senato, vale a dire rispettivamente Roberto Fico e Maria Elisabetta Alberti Casellati. Il presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti, che ha rinunciato alla corsa alla poltrona di sindaco di Roma per evitare incidenti diplomatici con gli alleati grillini, resta anch'egli stabile al 30%. Giorgia Meloni, alla guida dell'unica compagine ostile al governo Draghi, mantiene il 28% dei consensi e precede di un punto percentuale il segretario del Carroccio Matteo Salvini (27%).

In lieve rialzo anche il ministro degli Esteri Luigi di Maio (25%), mentre resta stabile al 18% il presidente di Forza Italia Silvio Berlusconi. Chiudono la classifica Beppe Grillo e Matteo Renzi (entrambi si assestano al 10%).