Sondaggio, il centrodestra al 45,5% e il Pd si avvicina alla Lega

Secondo il sondaggio di Ixé per Cartabianca Carroccio al 25,6% e Pd al 22,9%. M5s al 16,4%, FdI al 12% e Forza Italia al 7,9%. Ecco tutti i numeri

Sondaggio, il centrodestra al 45,5% e il Pd si avvicina alla Lega

Ci sono alcune novità secondo l’ultimo sondaggio realizzato da Ixè per Cartabianca, il programma di approfondimento politico condotto da Bianca Berlinguer, nella prima serata del martedì di Rai Tre. I numeri messi assieme dall’analisi dell’istituto demoscopico raccontano che un’eventuale coalizione a tre del centrodestra unito rappresenta la "maggioranza" nel Paese, con il 45,5% delle intenzioni di voto.

Entrando nello specifico del volume del centrodestra, il primo partito dello schieramento e dell’intero panorama politico italiano è la Lega di Matteo Salvini, con il 25,6% delle preferenze. Ma il trend del Carroccio, rispetto alla precedente rilevazione, è negativo, visto che perde lo 0,3%.

Rimanendo nell’area di centrodestra, al 12% dei consensi ecco Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni. Così come la Lega, però, FdI sarebbe in calo dello 0,5% sul precedente sondaggio. In risalita invece Forza Italia: gli azzurri di Silvio Berlusconi fanno registrare il +0,2% e salgono al 7,9% dei favori degli italiani.

Passando alle forze d’opposizione a quelle di governo, al 22,9% dei consensi ecco il Partito Democratico. I dem del segretario Nicola Zingaretti sono stabili rispetto alla scorsa settimana e visto il calo del partito di Salvini, il Pd riduce il gap a 2,7 punti percentuali.

Stabile anche il Movimento 5 Stelle, fermo al 16,4% delle preferenze. Ma il partito attualmente guidato dal reggente "d’emergenza" Vito Crimini raccoglie la metà delle Politiche del 4 marzo 2018 e anche meno del deludente 17 per cento delle elezioni europee dello scorso maggio.

L’asse M5s-Pd pesa per il 39,3%, mentre La Sinistra metterebbe assieme il 3,2% delle "x"sulle schede elettorali, mentre sotto al 3% c’è Italia Viva di Matteo Renzi. Il partito centrista dell’ex rottamatore, infatti, non va oltre il 2,9% - ma guadagna il +1% rispetto al precedente sondaggio – e si tratta di un risultato che non può certo far contento e soddisfare il fondatore e leader della formazione, che puntava alla doppia cifra.

Al 2,3%, su dello 0,2%, Europa Verde, mentre +Europa di Emma Bonino prende mezzo punto percentuale e sale al 2% tondo-tondo. In salita, seppur timida, anche Azione di Carlo Calenda, che prende lo 0,2% e tocca l’1,2%.

Tutti gli altri partii messi insieme valgono il 3,6%, mentre il partito degli indecisi e degli astenuti è quello paradossalmente più votato, con il 39,7%.