Stop alla quarantena di massa Vietate le visite agli amici

Regole vaghe sulla Fase 2: sì ai parchi. Accordo con la Cei per i fedeli in chiesa dal 24. Caos "affetti stabili"

Stop alla quarantena di massa Vietate le visite agli amici

La tanto attesa «fase 2» somiglia molto alla «fase 1». Quest'ultima si chiude, si spera definitivamente, con la mezzanotte di oggi. Ma appunto quello che ci aspetta domani non è poi così diverso dal lockdown a cui siamo stati abituati negli ultimi due mesi. Pochi cambiamenti, una blanda attenuazione delle misure di distanziamento sociale e qualche piccola concessione agli affetti, oltre che all'industria e al commercio, messi in ginocchio dal Covid-19 e che premono per tornare ad accendere i motori. Gli spostamenti, tutti, restano limitati a motivi di lavoro, salute, e necessità. Il tutto mentre il ministero della Salute ha fissato i parametri per monitorare lo stato dei contagi e valutare eventuali ritorni al lockdown, tra questi il monitoraggio del numero di tamponi positivi e il valore R0 calcolato sui contagi riportati dalla Protezione civile nelle ultime due settimane. Meglio incrociare le dita.

PASSEGGIATE E CORSE

È possibile fare attività motoria (attenzione perché le «passeggiate» così chiamate sarebbero giustificate solo per «lavoro, necessità e salute», come gli altri spostamenti, mentre l'«attività motoria» è consentita come quella sportiva), andare in bicicletta o correre a piedi non più solamente nei dintorni della propria abitazione: ci si potrà anche spostare in auto, ma sempre all'interno della regione. Però si può fare solo individualmente possono essere accompagnati solo minorenni e persone non del tutto autosufficienti - e rispettando le distanze interpersonali: due metri se si fa sport, un solo metro negli altri casi. Restano proibite le attività ludiche e ricreative.

PARCO E CIMITERO

Anche parchi, ville, giardini pubblici e cimiteri riaprono, fatti salvi il divieto di assembramento. Chiuse, se non a ingressi contingentati, le aree giochi per i bambini. Tornano i funerali, ma con massimo 15 parenti. Proibiti i cortei funebri e, in caso di messa, proibito anche scambiarsi il «segno di pace».

PARENTI, FIDANZATI E AMICI

Una delle poche novità concesse nella «fase 2» è la possibilità di spostarsi per andare a trovare i «congiunti». Ossia, ha specificato Palazzo Chigi, «parenti (fino al sesto grado), affini (fino al quarto grado), partner nelle unioni civili e chi è legato da stabile legame affettivo». Da chiarire se nello «stabile legame affettivo» rientrino anche i fidanzati, mentre il viceministro alla Salute, Sileri, ha accennato alla possibilità di comprendervi anche gli «amici veri». Ipotesi smentita da fonti di Palazzo Chigi.

SI RITORNA A MESSA

Accordo di massima sulle messe tra il governo e la Cei. Entro la fine del mese si potrebbe tornare a tutte le liturgie. Non è improbabile che l'Eucaristia con la presenza di fedeli possa riprendere già per l'Ascensione o per la Pentecoste, cioè o il 24 o il 31 maggio.

TUTTI A CASA (SOLA ANDATA)

Da mezzanotte torna a essere «consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza», anche se questo prevede di spostarsi tra regioni. Se vi trovate nella città A e rientrate nella città B, poi non potrete più muovervi dalla regione di arrivo.

DAL DOMICILIO ALL'ASPORTO

Oltre che per fare la spesa, o per comprare farmaci, giornali e beni in vendita negli esercizi commerciali che riaprono (tra le novità, abbigliamento per bambini, cartolerie, fiori e piante, oltre alla riapertura di cantieri edili e settore manifatturiero), si potrà anche andare a comprare cibo da asporto in bar e ristoranti, ma non consumarli all'interno.

Commenti