Storari e il caso Amara: "De Pasquale mi fermò"

Il Pm rivela le pressioni subite per il fascicolo sulla loggia Ungheria: "Resti 2 anni nel cassetto"

Storari e il caso Amara: "De Pasquale mi fermò"

Che nella Procura di Milano stessero volando gli stracci, conclusione ingloriosa di una stagione durata trent'anni, era chiaro. Ma nessuno poteva immaginare che lo scontro fratricida avesse raggiunto asprezze come quelle che emergono dai verbali di interrogatorio dei protagonisti dello scontro: il procuratore Francesco Greco, i suoi «vice» Fabio De Pasquale e Laura Pedio, il pm Paolo Storari. Tutti incriminati per un motivo o per l'altro dalla Procura di Brescia (ma per Greco è imminente l'archiviazione) e tutti interrogati nelle settimane scorse. Alla fine tutto verte sullo stesso tema, la gestione da parte di De Pasquale del processo all'Eni e i suoi tentativi di salvare la faccia dell'avvocato Pietro Amara, da lui utilizzato come superteste. E che invece con le sue rivelazioni a Storari sulla presunta loggia Ungheria appariva sempre più come un avvelenatore di pozzi, un calunniatore di mestiere al servizio di manovre e interessi oscuri.

Non c'era solo, si scopre ora, da salvare il processo Eni. Storari rivela (e Greco in parte lo conferma) come il guaio fosse che Amara chiamava in causa come membro della loggia il generale Giuseppe Zafarana, comandante della Guardia di finanza. Storari racconta così un colloquio con Greco: «Gli dico: Francesco, ma tu a ste robe che dice Amara ci credi? Sì, Paolo, io ci credo, però lì dentro si parla di Zafarana, e io adesso Zafarana non lo voglio toccare... non voglio rompere le balle perché mi serve per sistemare il colonnello Giordano che deve andare al Nucleo di Polizia Valutaria di Roma». Si tratta di Vito Giordano, oggi generale, l'investigatore di fiducia della Procura di Milano. Greco invece la racconta così: «Il mio problema era: a chi facciamo fare le indagini? Avevo un problema di esposizione degli uomini. Perché non volevo esporre gli uomini del Nucleo GdF di Milano a un problema non marginale, se dire o no qualcosa a Zafarana, che se poi non lo dicono vengono sparpagliati tra Pantelleria e Lampedusa». Qualunque sia il vero motivo, il risultato è che l'indagine invocata da Storari non parte: né su Amara né su Zafarana e gli altri presunti «ungheresi».

L'indagine non parte perchè non doveva partire. Storari dice di averlo appreso esplicitamente dal procuratore aggiunto De Pasquale: che non si fidava di lui, «ero da tenere alla larga, diceva che gli rovinavo il processo Eni». «A dicembre 2019 ho un interlocuzione con il dottor De Pasquale, Amara sta parlando di Ungheria da un paio di settimane e De Pasquale mi dice: questo fascicolo deve rimanere per due anni nel cassetto». «Mi ero sentito dire di infrattare il fascicolo», sintetizza Storari. Un ordine di una gravità inaudita, al quale Storari racconta di avere reagito chiedendo aiuto a Piercamillo Davigo. Ma, interrogato, anche lui a Brescia, De Pasquale nega tutto. E ribalta su Storari l'accusa di essersi schierato di fatto dalla parte dei vertici Eni sotto accusa (ma poi assolti) per corruzione internazionale: «Storari ha fatto la difesa dell'Eni. Una cosa che tornava utile alla difesa, in una maniera molto impropria».

Come e quando si possa uscire da questa palude di accuse reciproche è impossibile prevederlo. Nel frattempo, per capire il clima che i verbali di Amara avevano creato in una Procura già allora disorientata e divisa, la deposizione più chiara è quella del procuratore aggiunto Laura Pedio. É l'unica, dei magistrati milanesi inquisiti, di cui la Procura di Brescia non abbia ancora deciso la sorte. Interrogata sulla sua gestione dei verbali sulla loggia, la Pedio dice: «Rispetto a una notizia di reato cosi' fluida, quindi noi mettevamo sotto intercettazione tutte le istituzioni italiane, noi prendevamo i tabulati di tutte le istituzioni italiane, andavamo dal Papa in giù? Tutti i tabulati? Questo era quello che si doveva fare? Secondo me no. E lo rivendico». Ci sta. Ma c'era un'altra strada: incriminare Amara e i suoi compari per calunnia. Ma così si sarebbe rovinato il processo Eni...

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti