La strana farsa Rai-Fedez: dalle censure al tappeto rosso

Fino a ieri tra la tv di Stato e il rapper volavano sfottò e querele. E stasera Mr. Ferragni è super ospite di Fazio...

La strana farsa Rai-Fedez: dalle censure al tappeto rosso

Gli influencer sono i nuovi interlocutori della politica, la politica si fa sempre più influenzare dallo spettacolo, la televisione è bravissima a fare della politica uno spettacolo, e viceversa, così tutto finisce in uno show. O al circo. Infatti, abbiamo a che fare coi pagliacci.

Tutto è bene quel che finisce bene: la Rai ha improvvisamente rinunciato a fare causa a Fedez dopo le accuse di tentata censura lanciate dal cantante sul palco del Concertone del Primo Maggio, e Fabio Fazio stranamente stasera lo ha invitato come ospite d'onore della prima puntata - si comincia sempre dal meglio - della sua trasmissione Che tempo che fa.

Che è un po' come se io e te litighiamo ferocemente per sei mesi, io ti accuso di un reato pesantissimo in diretta televisiva e via social, tu contro-minacci di querelarmi per diffamazione, poi tutti e due ci ripensiamo, meglio far finta di niente, capiamo che entrambi ci guadagniamo se lasciamo perdere una cosa inutile come la dignità, e alla fine io rinuncio ad andare per vie legali tu agli sfottò e ti invito una sera a casa mia, per una chiacchierata in salotto. E il bello è che tu accetti di corsa: «Sì, vengo!».

Se a qualcuno avanza un naso rosso con l'elastichino da prestare a Fedez, scrivetemi in privato.

E così il Mr. Ferragni torna a grande richiesta - di chi? - sugli schermi di Viale Mazzini, stasera, stessa rete - Rai3 - infamata il Primo di neppure tanti mesi fa: era Maggio. Non si sa che tempo farà, ma scorre veloce.

Fabio Fazio di qui e Fedez di qua. Chissà se il padrone di casa intervisterà l'ospite, o se l'ospite trasformerà in un comizio l'invito. Del resto entrambi cercano sempre il contraddittorio... Finiranno col parlare di politica - è il posto giusto - o punzecchiare il direttore di Rai3, Franco Di Mare, il quale a Fedez ha dato del «manipolatore» e a Fazio la solita trasmissione... Cose che succedono.

Ma perché è successo?

È successo semplicemente perché Fabio Fazio pur di portarsi in studio un influencer con la sua legione di follower (più quelli della moglie), che significano punti di share, è pronto a passare sopra anche alle offese alla propria famiglia, che di cognome fa Rai. E Fedez perché pur di presentare un suo prodotto al grande pubblico della tivù (si esibirà con Achille Lauro e Orietta Berti sulle note del tormentone estivo Mille) fa finta di dimenticarsi con chi si è preso a pesci in faccia fino a ieri. Pensavo Fosse Amore E invece feat Fabio Fazio #èsoloBusiness... Forse ci va bene: stasera magari ci fanno pure la morale.

La Rai liscia il pelo agli influencer - meglio averli dalla propria parte che contro, con quello che pesano i post - e gli influencer, che tutto sommato è meglio che fare il rapper, lisciano il pelo alla Rai, che resta sempre un bel palcoscenico: buttalo via. #SenzaPagare

Alla fine tutta questa storia - Tu mi hai censurato, no non è vero, Io ti querelo, tu hai manipolato i fatti, Dài ma vieni in trasmissione, Sì va bene, grazie Mille - è Meglio del cinema. Comico. Il vantaggio è che, come il nuovo pezzo dedicato da Fedez alla moglie, una ballatina pop innocua, ha un grande pregio. Si dimenticherà in fretta. Su Rai3, si sa, si è tutti amici.

Commenti