Tav, Atlantia e Quota 100. I giallorossi sono già in lite

Il ministro De Micheli apre alle grandi opere e chiude alla revoca delle concessioni autostradali. Ira del M5s

Pronti, via. E il M5s invoca le dimissioni di un ministro (Paola De Micheli) del Pd. Il record è servito. Il governo Conte bis giura al Quirinale. Ma - mentre il premier lavora al discorso da tenere alle Camere, dove punterà al dialogo con l'Unione europea per rivedere il patto di stabilità - dopo sole 24 ore nella maggioranza è già scontro. E i numeri risicati al Senato della neonata maggioranza gettano già delle ombre sulla durata di questo esecutivo.

Paola De Micheli, neoministro alle Infrastrutture e Trasporti - in un'intervista a La Stampa - sconfessa la linea dei Cinque stelle sulle grandi opere e sul tema, caldo, della revoca delle concessioni ad Autostrade. «Atlantia? Nel programma c'è scritta una parola precisa: revisione delle concessioni». Parole che fanno impennare il titolo in borsa. E anche la tensione nella maggioranza giallorossa. Perché il ministro usa toni ancor più netti quando tocca il tema dei cantieri da far ripartire: «Avanti con la Tav e la Gronda a Genova. Come è andata quella vicenda - ricorda sulla Tav - è noto a tutti. Ora l'opera deve procedere il più rapidamente possibile». E poi un messaggio chiaro all'alleato grillino: Ciò detto qui ostacoli politici ai cantieri non ce ne saranno più». La replica è durissima. «La De Micheli deve ricordarsi che è al governo grazie a una coalizione di tre forze politiche e lei rappresenta un gruppo che è meno della metà del Movimento 5 Stelle. Se intende differenziare la propria posizione da quella del M5s può benissimo farlo accomodandosi fuori dal governo e andando all'opposizione immediatamente senza tergiversare», ribatte ad Affaritaliani il senatore dei 5 Stelle Mario Michele Giarrusso che minaccia di non votare la fiducia: «Se il Partito democratico intende ripercorrere le orme di Salvini, martellando il Movimento giorno per giorno prendendo le distanze e differenziandosi, lo dica subito prima di lunedì e martedì, in modo da consentirci di regolarci di conseguenza». La linea di Giarrusso è appoggiata da Sergio Battelli, deputato dei Cinque stelle che insiste sulla revoca. Nella polemica si inserisce il senatore dissidente dei Cinque stelle, Gianluigi Paragone che a Radio Popolare getta benzina sul fuoco: «Toninelli paga per essersi opposto ai Benetton».

Cambiano temi (reddito di cittadinanza e quota 100) e attori. Ma si litiga ancora. Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro - in un'intervista al Corriere della Sera - blinda i due provvedimenti della stagione gialloverde: «La legge di Bilancio sarà il nostro banco di prova, servirà un confronto franco con l'Ue». Avete un mese e mezzo per trovare 35 miliardi. Che fine faranno Quota 100 e reddito di cittadinanza? «Abbiamo dimostrato di essere in grado di individuare coperture solide per le nostre proposte, lo faremo anche stavolta. Reddito e Quota 100 non si toccano, garantisco». Pochi ore e arriva l'alt dal Pd. Il senatore dem, Dario Stefano a Radio Cusano campus anticipa la cancellazione di quota 100: «Il problema dell'Italia non era Quota 100, il problema dell'Italia è quello di rendere competitivo il sistema produttivo. Quota 100 va a scadenza con il prossimo anno, certamente non è nostro intento continuare con quell'approccio, ma destinare risorse ad altri interventi». Conflitti che confermano la distanza tra le due forze di maggioranza. Con fibrillazioni che si allargano su altri terreni: dalla nomina di Paolo Gentiloni in Ue al taglio dei parlamentari.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Popi46

Sab, 07/09/2019 - 09:01

Sai quanti bocconi amari dovranno mandar giù i grillini se vogliono rimanere seduti sulle poltroncine (quelle pesanti sono tutte per il PD).... I nuovi alleati sono abili ad occupare le casematte del potere, mica come quel selfie’man di Salvini.....

Reip

Sab, 07/09/2019 - 09:13

Questa si chiama INGOVERNABILITA’! Il Governo PD - M5S e’ una truffa,un imbroglio! Le Istituzioni hanno perpetrato un colpo si Stato! Fateci andare a votare! ELEZIONI SUBITO! Liberta’ per i cittadini italiani! L’Italia e’ un Paese democratico! La sovtanita’ spetta al popolo! AL VOTO!

marc59

Sab, 07/09/2019 - 09:23

Primi interventi dei pidioti? Colpire gli Italiani nei settori dove non possono esimersi, lavoratori dipendenti e pensionati. Copione già visto, ma questa volta scenderemo in piazza con Salvini.

Reip

Sab, 07/09/2019 - 09:45

Tav, Atlantia, immigrazione, IVA, quota 100, reddito di cittadinanza, pensioni, magari anche un ritorno alla Fornero... C’e’ un nome e una definizione a questa situazione: CAOS! Il Paese e’ nel caos dell’ingovernabilita’! Siamo schiavi della UE a guida franco tedesca! Abbiamo perso qualunque sovranita’ territoriale, politica sociale ed economica! Siamo governati da persone corrotte che non sono state elette dai cittadini! BASTA! Dobbiamo ritornare a essere padroni in casa nostra! Continuando di questo passo rischiamo solo poverta’ stupri e omicidi! Faremo la fine della Grecia se non peggio! Fateci andare a votare! ELEZIONI SUBITO! Liberta’ per i cittadini italiani! L’Italia e’ un Paese democratico! AL VOTO! ...Vox populi vox Dei.. Voce di popolo voce di Dio!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 07/09/2019 - 10:01

PD= 1° Tassiamo i lavoratori e mandiamoli in pensione il più tardi possibile.2° Diamo più soldi ai fannulloni ed ai finti disoccupati, prelevandoli dai lavoratori.

DRAGONI

Sab, 07/09/2019 - 10:38

I 5^ HANNO FATTO ENTRARE NEL LORO POLLAIO LE FAINE CATTO COMUNISTE ED ORA SE NE VEDONO I PRIMI RISULTATI.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 07/09/2019 - 10:56

Si piegheranno i grillini. Paura enorme di tornare a casa. Gli alrti? Sono specialisti nel riciclo.

bernardo47

Sab, 07/09/2019 - 11:05

Redditi e pensioni di nullafacenza,pure fasulli al 70% come risulta da guardia di finanza, vanno rivisti profondamente e pure quota cento che sta affondando inps e le pensioni tutte degli italiani.....

caren

Sab, 07/09/2019 - 11:33

Sig.ra Popi46, ha già dimenticato la situazione in cui si trovava Salvini? Li aveva tutti contro, a cominciare dai suoi alleati, figuriamoci. Col PD è diverso, poiché loro, oltre ai Ministeri, hanno sempre l'appoggio di diversi settori pesanti, come dice lei. Oggi non c'è più Salvini, perciò i grillini dovranno far buon viso a cattivo gioco. Altro che occupare casematte.

bernardo47

Sab, 07/09/2019 - 12:30

do ut des....quella che lei esprime e' la teoria dei grillini! purtroppo gia' applicata su reddito e pensioni di cittadinanza, fasulle al 70% come da dati guardia di finanza; sono un vero imbroglio a carico delle nostre tasse!

bernardo47

Sab, 07/09/2019 - 12:49

rivedere reddito nullafacenza e pensioni cittadinanza! e' roba truffaldina nel 70% dei casi come dichiarato da guardia di finanza! sono miliardi delle nostre tasse buttati gioiosamente dalla finestra. E anche quota cento, tra l'altro poco gradita visti i numeri, va rivista perche' affonda INPS, le pensioni dei nostri anziani e svuota pure gli ospedali di medici, infemieri e tecnici diagnostici.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Sab, 07/09/2019 - 13:22

Lunedì e martedì prevedo dei colpi di scena alla Camera ed al Senato...

agosvac

Sab, 07/09/2019 - 13:41

Mi sembra la barzelletta del secolo: i 5 stelle invocano le dimissioni di un ministro di un Governo che ancora non c'è perché non ha ricevuto la fiducia!!! Se hanno problemi col PD basta che non votino la fiducia e si ricomincia daccapo. Tanto , si sa, Mattarella non demorde e le elezioni non le concederà mai, finché vive, i suoi superiori glielo hanno ordinato!

Ritratto di cape code

cape code

Sab, 07/09/2019 - 14:21

Faranno tutto da soli questi babbei..quando poi' avranno perso anche tutto l'elettorato e andremo a votare prenderanno si' e no il 10%.

Massimocubo53

Sab, 07/09/2019 - 16:34

Il Nuovo Governo GIALLO+ROSSO non mi piace sicuramente ma spero che vadano avanti con alcune misure tra cui l'ABOLIZIONE di QUOTA 100 (e magari il riassorbimento dei famosi 80€ di Renzi) . Con l'aumento dell'età media la possibilità di andare in pensione in "gioventu'" come 62anni e 38anni di contributi solamente è decisamente ASSURDO . Spero quindi QUOTA 100 venga immediatamente cancellata magari lasciandola aperta solo per coloro che hanno svolto e tuttora svolgono lavori gravosi "fisicamente" come probabilmente nel settore "edile" anche se adesso la maggior parte del lavoro lo fanno le macchine. La mia ex-moglie è in pensione dal 1997 quando aveva solo 42anni ed aveva lavorato , Professoressa di Educazione Fisica , meno di 20anni !!!

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Sab, 07/09/2019 - 17:21

Prevedibile ma i grillini, ragazzi previdenti e ben istruiti dall'omo di Zena e di Ivrea, si sono dotati di "lansoprazolo" e di "cianoacrilato" in dosi industriali..