C'è un terremoto nel governo? "Ora valutare tutti i ministri..."

L'affondo di Marcucci che preoccupa Conte: "Per guardare al futuro del Paese ho delle richieste: di valutare, lei non altri, se i singoli ministri sono adeguati alle esigenze". Maggioranza in crisi, e scatta anche l'ipotesi di un governo Draghi

Che la fiducia nel governo presieduto dal sedicente avvocato del popolo Giuseppe Conte sia ai minimi storici è di certo un dato assodato, ma che gli strali adesso inizino ad arrivare con sempre maggiore insistenza e forza proprio da chi compone la scricchiolante maggioranza che ancora tiene in piedi l'esecutivo inizia a diventare una pericolosa costante da tenere in considerazione.

L'affondo, che ha portato anche Mariastella Gelmini a chiedersi se si sia in effetti aperta concretamente una crisi di governo, arriva direttamente dal capogruppo del Partito Democratico Andrea Marcucci. Intervenuto a margine dell'informativa riferita a palazzo Madama dal presidente del consiglio Giuseppe Conte sul nuovo Dpcm in merito alle previste misure di contenimento del Covid, il senatore non ha usato mezzi termini. "Non mi interessa sapere se il governo ha commesso errori, sicuramente ce ne sono stati su trasporti, sanità e sul fatto che si permetta di fare concorsi pubblici", ha dichiarato il capogruppo dem, come riportato da LaPresse. "Per guardare al futuro del Paese ho delle richieste: di valutare, lei non altri, se i singoli ministri sono adeguati alle esigenze. Questo governo deve andare avanti e avere le migliori donne e i migliori uomini", ha aggiunto ancora Marcucci. "Visto quello che si legge, dobbiamo contare su una maggioranza parlamentare solida che ci permetta di governare bene il nostro Paese".

Tra i temi toccati nel discorso, anche la necessità di creare un dialogo con le forze politiche di opposizione, in tal senso arriva il sollecito nei confronti del premier. "Signor presidente, valuti lei come coinvolgere le opposizioni. Serve un luogo di confronto con la maggioranza, che sia una bicamerale, un comitato di sicurezza nazionale o un altro organismo", suggerisce il capogruppo dem, che accoglie l'idea del Dpcm ma spinge al contempo affinchè sia indicata una scadenza delle misure eccezionali previste per l'emergenza Coronavirus. "L'obiettivo deve essere che così come si fanno i Dpcm per le restrizioni delle libertà individuali, servono anche per le restituirle", spiega Marcucci. Tuttavia,"occorre fare in modo che queste misure siano limitate nel tempo e per riuscirci occorre che queste misure siano efficaci".

Tra le righe si può leggere una certa diffidenza da parte del senatore dem, tanto che il capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati Mariastella Gelmini si chiede se non si inizino ad intravedere i primi sintomi di una crisi. "Il capogruppo del Partito democratico al Senato, Andrea Marcucci, ha aperto di fatto la crisi di governo? La risposta alle sue domande retoriche è ovviamente implicita", considera Gelmini. "Molti ministri non sono adeguati all'emergenza che stiamo vivendo, la maggioranza non è solida, ed è mancato il coinvolgimento del Parlamento e delle opposizioni. E' una realtà sotto gli occhi di tutti, e il centrodestra lo dice da tempo", conclude.

Un intervento che non ha mancato di suscitare polemiche tra le file della maggioranza giallorossa: "Al Senato Italia Viva ha due capogruppo, il Pd nessuno", avrebbe affermato con malcelata ironia un deputato vicino al segretario Zingaretti, come riferisce "AffarItaliani". Accusato di essere vicino al gruppo renziano, tanto da aver espresso i medesimi dubbi del leader di Italia Viva, Marcucci viene così sfiduciato da numerosi colleghi che chiedono di sollevarlo dal suo incarico di capogruppo: "Non ci rappresenta più".

L'accusa di aver spinto verso un reimpasto di governo non va tuttavia giù al senatore dem: "Non ho chiesto nessun rimpasto. Ho chiesto al Presidente del Consiglio di assumersi la responsabilità dell’azione di governo, inclusa quella dei singoli ministri e di aprire una fase di coinvolgimento parlamentare più profondo. Che includa anche le opposizioni. Basta con il chiacchiericcio", ha dichiarato Marcucci, come riporta Agi.

Nel corso della giornata la situazione non ha fatto che diventare ancora più incandescente, tanto che fonti della maggioranza hanno parlato della necessità di una riconferma di Conte come premier o addirittura di un governo con a capo Mario Draghi. "Tra qualche settimana la questione sarà molto secca: o si fa un Conte 3 o si fa un Governo Draghi", è quanto sarebbe stato detto dopo il duro intervento di Andrea Marcucci in Senato, anche se successivamente questa voce sarebbe stata smentita. "Il sostegno del Partito Democratico a questo Governo e ai suoi ministri è pieno e totale. Non in discussione", ha infatti dichiarato Nicola Zingaretti, come riportato da "AdnKronos". Le parole del segretario dem, in ogni caso, non allontano del tutto i dubbi. La stessa presidente dei senatori di Forza Italia Anna Maria Bernini ha parlato di una maggioranza "che non esiste più", come riportato da . "Abbiamo dovuto assistere anche allo spettacolo del capogruppo di un partito di governo smentito dal suo segretario sulla verifica politica", ha aggiunto la parlamentare, come riferito da "Italpress".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Adespota

Adespota

Gio, 29/10/2020 - 15:52

Chiediamo alla ministra dell'istruzione: li valutiamo per le conoscenze, per le abilità o per le competenze o per tutti i descrittori ? Dopo di che rimarrà il deserto.

Calmapiatta

Gio, 29/10/2020 - 16:04

Tutti i ministri, non ne fanno uno competente.

agosvac

Gio, 29/10/2020 - 16:05

La richiesta "ufficiale" da parte del capogruppo PD al Senato per una verifica di Governo, è cosa alquanto delicata.

Ritratto di Adespota

Adespota

Gio, 29/10/2020 - 16:11

Si salvi chi può..!

cgf

Gio, 29/10/2020 - 16:14

Ministro Politiche giovanili e sport: Spadfora; Giustizia: Bonafede; Difesa: Guerrini; Ambiente e tutela del territorio e del mare: Costa; Salute: Speranza. Li hanno designati per cognome ed ora ne hanno trovati altri più consoni? NO è Franceschini che vuole scalzare i 5S, vedremo.

moichiodi

Gio, 29/10/2020 - 16:27

Un terremoto? Conte traballa.

Ettore41

Gio, 29/10/2020 - 16:52

Una maggioranza solid che ci permetta di governare bene questo paese Marcucci il tuo è un sogno irrealizzabile

Ritratto di Paolomarraffa

Paolomarraffa

Gio, 29/10/2020 - 17:05

Servono risposte e risorse che il Governo non può offrire perché dipende da forze antidemocratiche. Tanti sviluppi in Italia sono stati possibili con i fondi europei, senza i quali non ci sarebbe stata alcuna innovazione. L'Italia è uno dei primi stati europei e mai potrà divenire una colonia di Pechino, nonostante questa ingerenza sgradita.

Ritratto di tomari

tomari

Gio, 29/10/2020 - 17:07

L' unico competente in questo parlatoio e l' On Dott. Sileri....purtroppo è dei 5 Stalle...

Yossi0

Gio, 29/10/2020 - 17:50

diciamo che sarebbe meglio manadli a casa tutti quanti a passo romano di parata, ma senza salutare altrimenti si aprirebbe un fascicolo ...

DRAGONI

Gio, 29/10/2020 - 18:05

LO SCRICCHIOLIO DELLE POLTRONE LI HA TERRORIZZATI.

ilrompiballe

Gio, 29/10/2020 - 18:46

Conte è già impegnato a fare il "ristoratore d'Italia". Suggerisco che la valutazione sia fatta dal Ministro della Pubblica Istruzione, esperto in materia.

Ritratto di marystip

marystip

Gio, 29/10/2020 - 18:50

La scuola va chiusa non per il Covid ma per il semplice motivo che non serve a niente, non insegna niente e sforna solo una massa di ignoranti. La Azzolina lo sa che alla fine dell'anno si promuovono tutti, anche coloro che non aprono mai il libro? Le direttive in tal senso sono del suo Ministero. Lo saprà? Gli studenti (sic!) stiano a casa almeno così non intasano i trasporti.

Nes

Gio, 29/10/2020 - 18:51

Cambiare per il "cambiamento".

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 29/10/2020 - 19:32

Valutare i ministri? Andavano valutati prima di nominarli, accertando che avessero idonee capacità di governare. Passerà alla storia come il governo degli incapaci, salvo poche eccezioni, ovviamente.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 29/10/2020 - 19:36

Draghi non basta. Ci vuole un cambio radicale. Però ciò che si impone sono nuove elezioni, in primavera, per dare al Popolo la scelta di chi preferire

Duka

Ven, 30/10/2020 - 10:34

Governo farlocco gestito da incapace che si avvale della consulenza di decine di altrettanti famelici farlocchi e incapaci– Mi chiedo se dei “governanti” , ministri della repubblica hanno necessità di avere decine di suggeritori significa che non sanno svolgere il compito assegnatogli. Perlomeno che li PAGHINO DI TASCA PROPRIA.