Torino, il prof campione de "L’Eredità" in piazza con le sardine

Niccolò Pagani, professore di una scuola media, questa sera sarà in piazza Castello con le sardine per “combattere una politica che funziona solo perché fa più rumore di altra”

Fino ad un mese fa era uno dei volti noti del programma di Rai1 L’Eredità dove, grazie alla sua bravura, ha messo a segno diverse importanti vittorie. Ma quello non era il suo mondo. Alle luci dei riflettori e alle telecamere ha preferito la tranquillità della sua classe ed il sorriso dei suoi alunni. E così ha lasciato il quiz ed è ritornato nel suo mondo. Lui è Niccolò Pagani, 33enne torinese e un professore della scuola media Don Bosco, a San Benigno Canavese, che torna a far parlare di sé perché ha deciso di cavalcare l’onda del momento tanto da manifestare la sua intenzione di scendere in piazza con le sardine nella sua città.

Questa sera, infatti, in piazza Castello si terrà la prima manifestazione nel capoluogo piemontese del movimento guidato da Mattia Santori. Un appuntamento che il professore non vuole perdere perché, come ha affermato al Corriere della Sera, “la maggioranza silenziosa si sta facendo sentire”.

Per questo oggi sarà in piazza con il fratello e qualche amico. ‘’Ho fatto un tam tam perché venga più gente possibile’’. Pagani afferma di aver sentito le interviste di Mattia Santori rimanendo colpito per “l’utilizzo del linguaggio, il modo quieto e pacato con cui afferma i suoi valori”. Valori come ‘’rispetto, lealtà, schiettezza, onestà, il riconoscimento e l’ampliamento dei diritti” che il prof cerca di insegnare anche ai suoi allievi.

L’ex campione de L’Eredità ammette di essere diventato grazie al programma“una specie di megafono di temi molto sentiti nell’opinione pubblica’’. Oggi, afferma Pagani, c’è ''una maggioranza silenziosa che ha deciso, in maniera coraggiosa, di riempire quelle piazze libere per chiedere un cambiamento. Voglio supportarla''.

Curioso, però, che la protesta sia contro l’opposizione e non contro il governo. Il professore si dice fiducioso che il movimento delle sardine possa dare una scossa notevole capace di ''combattere una politica che funziona solo perché fa più rumore di altra''.

Oltre alla politica, Pagani ammette che gli piacerebbe raccontare storie ''ma da quando faccio il professore il tempo è poco. Ho un racconto nel cassetto, ma il finale è ancora nella mia testa''. L'opera, secondo le poche informazioni da lui fornite, parla di immigrazione, solidarietà, rispetto e avventura.

Il professore, però, esclude che ci si ala politica nel suo futuro. ''Voglio tenere alta l’attenzione. Che la gente riconosca che educazione e gentilezza siano valori condivisibili”. Chissà cosa ne pensa, ad esempio, del cartello portato alla manifestazione di Pescara dove si vede uomo impiccato e la scritta: "Lega Salvini e lascialo legato".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

kennedy99

Mar, 10/12/2019 - 13:52

questi signori non hanno ancora capito che quello che conta sarà il voto degli italiani quando finalmente andranno ha votare. quello che dicono questi signori al mio paese dicono che contano come il due di coppe quando la briscola è danari. stesse nenie di cambiamento sentite dai cari grillini adesso però stiamo vedendo i risultati e che fine stanno facendo. stessa fine sarà anche per le sardine.

schiacciarayban

Mar, 10/12/2019 - 14:13

Siamo stufi di questa politica dove vince chi urla più forte, chi la spara più grossa, di chi racconta più palle, di chi parla peggio degli altri, chi ha più gente che lavora sui social questa è la strada presa da Salvini, una politica fatta di nulla, senza futuro,senza idee, dove la competenza non conta nulla, dove l'ignoranza vince sulla cultura. Basta! Evviva le Sardine e chiunque sia contro questa politica indecente e pericolosa.

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 10/12/2019 - 14:17

Le "Sardine" ormai fanno attrazione e creano speranze, probabilmente sballate! Le ho viste con simpatia, pur essendo tifoso di destra, pro Meloni, che anche a tavola preferisco alle "sardine".

fabiotiziano

Mar, 10/12/2019 - 14:30

Ma quanto danno fastidio all'establishment queste sardine... Se veramente non contano nulla, sono solo ridicoli e privi di idee, perché solo oggi 4 articoli sul Giornale per metterli alla berlina? Mi sa che danno veramente fastidio, e allora... Forza Sardine!!!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 10/12/2019 - 14:37

Peccato lo stimavo tanto.

madrud

Mar, 10/12/2019 - 14:45

Ma questi qui, oltre a questi bei principi su contatti non possono che essere d'accordo un'idea su qualche cosa pratica ce l'hanno? Evidentemente no perchè allora se si pensa a cosa fare ci si divide.... sono solo dei perditempo.

Ritratto di OraBasta

OraBasta

Mar, 10/12/2019 - 15:07

Co manca che gli elettori votino per un pesciolino che puzza dopo due soli giorni. Faranno la fine dei girotondini, popolo viola, mani pitturate di rosso, disobbedienti, lumini alle finestre etc etc...