Tutti gli errori del premier. Ora è costretto a sparire

Prima ha minimizzato poi ha creato il panico. E per la fuga di notizie l'imputato è Casalino

La comunicazione di Palazzo Chigi fa acqua da tutte le parti. E rischia di provocare più danni del Coronavirus. La gestione di un'emergenza sanitaria non è la partecipazione al Grande Fratello. Ed infatti, dall'inizio della fase calda dell'epidemia, il premier Giuseppe Conte e il portavoce Rocco Casalino non ne hanno beccata una sulla comunicazione istituzionale. Passando, in poche ore, da messaggi rassicuranti al popolo «nessun allarmismo» alle maratone televisive che gettano nello sconforto gli italiani.

Il governo prende l'ultimo scivolone due giorni fa: nel pomeriggio del 19 marzo circola l'indiscrezione dell'arrivo di nuove restrizioni (chiusura nel fine settimana o riduzioni degli orari) per le attività di supermercati. Risultato? File chilometriche e assembramenti all'esterno dei negozi di generi alimentari. Con un rischio contagio altissimo. Tanto che alcuni sindaci hanno lanciato appelli a non correre nei supermercati perché non c'è alcuna restrizione. Ancora una volta la comunicazione di Palazzo Chigi mostra una falla. Un film già visto nella serata del 7 marzo: le agenzie di stampa mettono in rete una bozza del decreto del presidente del Consiglio (non ancora firmato) che impone la quarantena per le Regioni del Nord e 11 province. Risultato? Scatta l'assalto ai treni per rientrare dalle famiglie nel Mezzogiorno. Stavolta la falla è enorme. Perché l'epidemia si sposta al Sud. Il premier scarica la colpa sui governatori (in possesso del testo per le ultime osservazioni). Ma è solo l'ennesima prova di una comunicazione che fa acqua da tutte le parti. Come nel caso dell'annuncio (prima smentito e poi confermato) sulla chiusura delle scuole. A Palazzo Chigi va in scena lo scontro tra il ministro della Scuola Lucia Azzolina e lo staff comunicazione del capo del governo. L'Ansa batte la notizia: il governo ha deciso di sospendere le attività didattiche. Il ministro Azzolina corre fuori da Palazzo Chigi per smentire. In serata, arriva l'annuncio (stavolta del ministro) sulla chiusura delle scuole.

Ma il meglio di sé Conte e lo staff comunicazione lo danno nelle fasi iniziali dell'esplosione dell'emergenza Coronavirus in Italia. Cambiando continuamente posizione e generando confusione nell'opinione pubblica. Il 27 gennaio scorso il presidente del Consiglio (come ha ricordato ieri il sito Dagospia) Conte è ospite di Lilli Gruber al programma Otto e Mezzo. Coronavirus? «Siamo prontissimi. Abbiamo adottato tutti i protocolli». Il 21 febbraio arrivano i primi due casi in Italia (Codogno) di persone risultate positive al Coronavirus. Conte ancora una volta lancia segnali rassicuranti: «Nessun allarmismo». Passano poche ore e la strategia di Palazzo Chigi cambia radicalmente: Conte dà inizio alla personale maratona televisiva (in alcuni casi collegamenti dalla sede della Protezione Civile). Gli spin doctor di Palazzo Chigi gli suggeriscono di prendere la scena. Occupare le tv. Ignorando però di sortire un altro effetto: l'aumento di allarmi e psicosi nella popolazione. Finita? Ancora no. Il premier cambia ancora: il 27 febbraio il presidente del Consiglio è a Napoli con il presidente francese Emmanuel Macron a mangiare babà. Coronavirus? «Tutto sotto controllo», ribatte un sorridente premier. La macchina della propaganda si è inceppata. Al punto che oggi Conte (consigliato forse dal Quirinale) ha deciso di sparire dai radar dei media. Apparendo in tv solo per illustrare i provvedimenti del governo. E limitando le interviste ai quotidiani. Una resa.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Duka

Mar, 24/03/2020 - 10:40

Insomma rendiamocene conto e soprattutto se ne renda conto chi lo ha impoltronato seguendo la costituzione ma contro ogni logica e buon senso e ancor più contro la volontà della stragrande maggioranza del popolo; la presidenza del consiglio è in mani sbagliate. Non ci serve un cultore della costituzione, che a dir il vero, ognuno usa a proprio uso e consumo, ma un uomo che sappia decidere e lo faccia in fretta senza tentennare e sappia decidere con la propria testa non con quella del Casalino.

Giorgio5819

Mar, 24/03/2020 - 11:11

Il 31 di gennaio ha firmato lo stato di emergenza... poi ha continuato a cianciare di "semplice influenza", di "stupore per il livello di contagi ", di " non facciamoci prendere dal panico ".... AVESSE COSCIENZA DI COS'E' LA DIGNITA' SPARIREBBE. Ma verrà anche il tempo delle verifiche.

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 24/03/2020 - 11:27

Non credo che Conte sparirà dal contesto politico, purtroppo. Comunque non era possibile continuare con l’accoglienza data agli immigrati islamici di provenienza libica, mentre agli Italiani è addirittura vietato di uscire di casa.

Giorgio5819

Mar, 24/03/2020 - 11:58

2 febbraio 2020: "Coronavirus, Nardella lancia l’hashtag #Abbracciauncinese contro razzismo e terrorismo psicologico ".......Il 31/1 CONTE firmava la dichiarazione di emergenza nazionale........

Giorgio5819

Mar, 24/03/2020 - 12:02

8 febbraio : "l sindaco Sala a Chinatown contro la psicosi coronavirus: "Speriamo si riaprano presto i voli, qui per portare solidarietà".....CONTE HA FIRMATO LO STATO DI EMERGENZA IL 31/1.......

Giorgio5819

Mar, 24/03/2020 - 12:04

23/2: " Coronavirus, Conte: "Non mi aspettavo così tanti casi"..... IL 31GENNAIO AVEVA FIRMATO LO STATO DI EMERGENZA.........