Le vacanze operose del Quirinale: le elezioni non sono l'unica opzione

Il Colle si tiene lontano dai giochi. Ma se spuntasse un'intesa...

E alla fine, vista dalla Maddalena, è sempre una questione di matematica: i «numeri» che servono per formare un'altra maggioranza e il «comune denominatore» che dovrebbe tenere insieme una nuova coalizione. Perché si fa presto a dire governo: balneare, istituzionale, di scopo, di garanzia, del presidente, di emergenza, per salvare la Finanziaria o per salvare se stessi. L'ultima idea è il governo «famolo strano», lanciato in modi diversi da Matteo Renzi e Beppe Grillo, da sempre nemici giurati. Ma Sergio Mattarella, se e quando Conte cadrà, non vuole mettere in piedi un esecutivo qualunque, un patchwork buono solo per sterilizzare Salvini ed evitare le elezioni. Certo, se durante le consultazioni constaterà la nascita di una maggioranza diversa, il capo dello Stato non potrà sciogliere le Camere, nemmeno volendo, e dovrà dare l'incarico a un premier indicato dai partiti. Però, appunto, «ci devono essere i numeri». Niente giochetti di Palazzo. Quello che sicuramente non farà, giurano dal Colle, «è mettersi lui a cercare voti uno per uno», come qualche suo predecessore.

Due passi in piazza, la messa, tante mani da stringere all'uscita e, nel pomeriggio, gita in barca a Budelli e Santa Maria. Ma quelle di Mattarella sono «vacanze operose», infatti il presidente anche dalla Maddalena tiene i fari i accesi sulla crisi e segue gli sviluppi. Da Roma è tutto un agitarsi. Proposte, manovre, botte da orbi a colpi di regolamento parlamentare tra chi cerca di accelerare e chi prova a congelare. Il presidente non intende ancora entrare in campo, «non ci ha messo la testa», nel senso che non vuole interferire in un momento in cui sono governo e Camere a dover fare le prime mosse.

La crisi infatti, dal punto di vista formale, ancora non esiste. Prima che il meccanismo parta, bisogna che le conferenze dei capigruppo riaprano il Parlamento chiuso per ferie e mettano in calendario il dibattito con le comunicazioni di Giuseppe Conte. La data prevista è il 19 o il 20 agosto. Poi toccherà attendere la discussione, vedere se ci sarà un voto di fiducia e capire se saranno esaminare pure le mozioni. Solo a quel punto, verosimilmente a metà della prossima settimana, se nel frattempo il premier avrà perso la poltrona, il capo dello Stato comincerà le consultazioni al Quirinale.

Fino ad allora Mattarella cercherà di tenersi lontano dalla mischia: non a caso ha messo il Mar Tirreno in mezzo tra lui e Roma. Però, siccome l'isola della Maddalena non è la Luna, il dibattito e le proposte arrivano anche lì. La novità, rispetto ai giorni scorsi, è il movimento di tanti e diversi protagonisti per evitare il voto anticipato, che si aggiunge al pericolo, ben presente anche al Colle, di arrivare troppo sotto la sessione di bilancio di fine anno, con la difficoltà di preparare una Finanziaria adeguata. Possiamo permetterci di far schizzare l'Iva al 25 per cento? Non sarebbe meglio pensare prima a scongiurare l'aumento?

Il presidente per ora considera «prematura» ogni ipotesi di soluzione e, prima di decidere, preferisce aspettare di vedere che cosa succede. Chiaramente, se saliranno al Quirinale presentandogli una maggioranza alternativa, non potrà fare finta di niente. Anzi, forse sarà contento. Anche se, raccontano quelli che ci hanno parlato in queste ore, sarebbe meglio che una eventuale nuova alleanza non fosse solo un'accozzaglia, ma avesse pure una base, un comun denominatore.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di tangarone

tangarone

Lun, 12/08/2019 - 08:39

Tutti piu o meno hanno rinunciato alle vacanze, ma lui, il PdR no eh... Senso del dovere

aleppiu

Lun, 12/08/2019 - 08:53

solo un folle poteva fare una crisi di governo proprio adesso con tutte le scadenze che ha il governo a settembre ed ottobre....inoltre abbiamo gia' un sacco di debiti e andare ad elezioni sicuramente portera' ad un aumento degli stessi. Quindi e' normale che si tentera' una soluzione alternativa, ma non poteva essere che cosi....e forse il felpino e' quello che spera, cosi non dovrà fare lui una manovra da lacrime per sistemare i suoi danni

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 12/08/2019 - 08:54

Beh speriamo che non sia come i precedenti!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di combirio

combirio

Lun, 12/08/2019 - 08:55

Il CDX era al 37% perchè fu scelto il primo partito al 34%? Era stato scritto che doveva finire a questo modo?

Ritratto di navajo

navajo

Lun, 12/08/2019 - 08:59

Certo un altro bel Governo tecnico o di transizione alla Monti il tassista o alla Renzi, quello che mentre aumentava le tasse agli italiani si comprava l'aeroplanino per la modica cifra di quasi 170 milioni. Forza Presidente!!

Duka

Lun, 12/08/2019 - 09:06

Certamente un presidente non eletto direttamente dal popolo ( sovrano per modo di dire) deve rispondere a chi lo ha impoltronato.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 12/08/2019 - 09:08

Da queste parole si capisce come andrà a finire. COme al solito. Grazie sinistri "democratici".

Ritratto di Walhall

Walhall

Lun, 12/08/2019 - 09:17

Il voto è invece l'unica opzione possibile, un governo tecnico sarebbe la manna per gli opponenti europei e tutte quelle nazioni che vogliono il controllo e destabilizzazione dell'Italia, come già esperito da Monti a Renzi.

paolo1944

Lun, 12/08/2019 - 10:26

Un altro golpe NO!. Sono 7 anni che governano contro la volontà espressa nelle urne dagli italiani. Ormai siamo una repubblica sudamericana, ci sono pure i grillini rivoluzionari de noaltri.

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Lun, 12/08/2019 - 10:30

Ma è la piu coerente,ci faccia votare e vada al mare.

DoctorMR

Lun, 12/08/2019 - 10:34

Gentili combirio e Duka: 1) il centrodestra aveva il 37% dei voti ma NON la maggioranza in parlamento 2) mi piacerebbe fosse così ma il nostro è un sistema parlamentare puro e non esiste il presidente eletto dal popolo.

Ritratto di Zizzigo

Zizzigo

Lun, 12/08/2019 - 10:57

Al colle non interessa minimamente il volere degli italiani... al colle interessa solamente imporre la propria idea politica e sinistra. Com'è possibile dargli fiducia?

Ritratto di nando49

nando49

Lun, 12/08/2019 - 12:09

Come dire che gli italiani contano come il due di picche. D'altronde abbiamo avuto quattro governi non eletti e poi dicono che il nostro è un paese democratico.