Virus, Salvini: "Estendere le restrizioni a tutto il Paese, servono scelte forti"

Il leader della Lega, commentando i nuovi numeri sulla sua pagina Facebook, ha chiesto ancora una volta l'estensione delle misure a tutto il territorio nazionale: "Chiudere adesso per riaprire il prima possibile"

"La gravità della situazione impone scelte forti, chiare, uniformi, immediate: per mettere in sicurezza il Paese, per il bene dei nostri figli, serve applicare le misure più restrittive per persone e attività, fatte salve quelle di fondamentale necessità pubblica, a tutto il territorio nazionale, senza distinzione. Subito, senza eccezioni". Dopo l'aggiornamento dei nuovi dati sul contagio da coronavirus in Italia, il leader della Lega, Matteo Salvini, chiede all'esecutivo giallo-rosso nuove misure per contenere l'epidemia, estendendo a tutto il territorio nazionale la zona rossa.

"Scelte forti, chiare, uniformi"

L'ex ministro dell'Interno, infatti, sulla sua pagina Facebook ha pubblicato alcuni dati relativi alla diffusione del Covid-19, definendoli "durissimi nella loro evidenza". Il leader leghista scrive: "Più di 9mila contagiati in tutta Italia, nessuna regione esclusa, più 25% in un solo giorno, 463 morti. Ho subito contattato i segretari di maggioranza e opposizione, il presidente del Consiglio e il ministro della Salute, ho ascoltato numerosi medici, sindaci, governatori, imprenditore e associazioni. La gravità della situazione impone scelte forti, chiare, uniformi, immediate".

"Chiudere ora per riaprire il prima possibile"

Nello stesso post, il leader leghista chiede, ancora una volta, misure più stringenti affinché il Paese superi l'emergenza più velocemente e scrive: "Chiudere adesso per riaprire il prima possibile in piena salute, sanitaria, sociale ed economica, con la garanzia assoluta che nessuno perderà lavoro e risparmi, grazie a coperture economiche eccezionali e certe, dall'Italia e dall'Europa". E conclude: "Nei momenti eccezionali, servono scelte eccezionali".

La posizione di Renzi

E, secondo quanto riportato da Adnkronos, anche il leader di Italia viva, Matteo Renzi, sembrerebbe essere sulle stesse posizioni di Salvini. "Le misure che sono state prese sono state comunicate come molto dure. Ma non lo sono. Anzi, io credo che, nei prossimi giorni, servirà altro. Il virus sta correndo molto più velocemente dei nostri decreti. Personalmente, credo che ormai tutta Italia debba essere considerata come una zona rossa. Altrimenti diamo un messaggio contraddittorio. E questo vale anche a livello economico", ha scritto Renzi.

Renzi: "Zona rossa Italia"

"Tutto il Paese soffre il crollo economico, non solo i focolai", continua Renzi. Che aggiunge: "Sappiamo che il problema di questo virus non è la letalità ma i danni che arreca alle strutture sanitarie, perché diffondendosi velocissimo porta al collasso il sistema della terapia intensiva e per questo dobbiamo limitare il contagio sanitario. Ma il contagio economico non è arrestabile. Dunque c'è solo una zona rossa, si chiama Italia. Interveniamo subito".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ARGO92

Mar, 10/03/2020 - 14:15

UN CONSIGLIO INTELLIGENTE USATE MENO POSSIBILE IL CONTANTE IL DENARO E SPORCO USATELE CARTE DI CREDITO AL GOVERNO DEI NON ELETTI BUZURRI IGNORANTI QUESTO BANALE CONSIGLIO NON E VENUTO IN MENTE