Stile

Da Pucci a Chanel Opere d'arte sui bikini

I costumi sono spesso dipinti a mano. Stampe fotografiche anche sui boxer Vilebrequin

Margherita Tizzi

L'importante è che siano opere d'arte. Citando Picasso, «per scuotere dall'anima la polvere accumulata nella vita di tutti i giorni». Quest'anno i costumi da bagno sono un ricettacolo di emozioni. Come quella che ci ha fatto provare Donatella Versace durante la sfilata primavera estate 2018: «Questa collezione è un Tributo alla vita e al lavoro di Gianni. Stasera voglio rendere omaggio all'uomo, mio fratello, e al suo genio artistico Durante la sua carriera ha creato delle collezioni che ancora oggi sono un punto di riferimento culturale e ispirazione per molti. Sarebbe impossibile celebrare tutto il suo mondo in un'unica collezione, per questo ho scelto di concentrarmi sulle sue amate stampe. Questa collezione è per te, Gianni». E fra tutte ricordiamo Trésor de la Mer, la stampa Versace dell'estate 1992, e quella Butterfly della sfilata primavera estate 1995, che oggi splende in un costume intero.

Beachwear e arte uniscono anche Boula e Los Trapitos Al Sol. Su 40 pezzi unici disegnati dalla designer colombiana Carolina Sanchez e prodotti in Italia, Boula ha dipinto a mano un'aragosta dalle atmosfere daliniane e delle bagnanti francesi che ricordano una tela di Picasso. Infine, delle barche a vela come lievi pennellate appaiono sul due pezzi arricchito con volant in pizzo sangallo. Paint-kini, ovvero bikini dipinti a mano anche per Raffaella D'Angelo, mentre Jaked ha disegnato con Federica Pellegrini - che è solita sfilare per la stessa D'Angelo - Black Swan, Madame Butterfly e Plumes, tre omaggi al mondo del teatro realizzati in Carvico Malaga, un materiale resistente al pilling, al cloro e ai raggi solari, che garantisce ottima traspirabilità e rapida asciugatura. Black Swan ricorda le delicate movenze di un cigno. Ancora: costume con tulipani ricamati per Morgan Lane e intero con fiocco in vita e stampe retrò per Emilio Pucci. E a giugno approderà in 26 boutique Chanel, tra cui Cannes, Nizza, Saint-Tropez, Capri e Barcellona per l'Europa, Coco Beach, una capsule di costumi esclusivi, pensati da Karl Lagerfeld per il nuoto e il mare, oltre a completi, abiti, borse ed espadrillas.

Infine, non mancano le proposte per lui, tra cui spicca il boxer di Vilebrequin con impressa una fotografia di Massimo Vitali. Noto per le sue Beach Series, le istantanee di paesaggi marini che raccontano la società italiana degli ultimi vent'anni, questa volta l'artista comasco ha deciso di far conoscere un altro spaccato di vita, quello degli sciatori. Spiaggiati.

Commenti