Pure la Provincia di Palermo tra le vittime della finanziaria fantasma di Como

L'ente a partire dal 2006 ha investito 30 milioni di euro attraverso la Ibs Forex, la società ora sparita nel nulla. L'attuale presidente, Giovanni Avanti, era all'oscuro di tutto. È stata avviata un'indagine interna, segnalazioni alla Procura e alla Corte dei conti

C'è anche la Provincia regionale di Palermo tra le vittime della Ibs Forex spa, la società finanziaria di Como che nei giorni scorsi ha smantellato in fretta e furia i propri uffici, lasciando con un pugno di mosche in mano i risparmiatori che le avevano dato fiducia. E non si tratta di una vittima da poco. Già, perché l'ente avrebbe affidato alla società ora desaparecida, nel 2006, la bellezza di 30 milioni di euro. Trenta milioni di euro che adesso rischiano di essere perduti per sempre.
Il caso della finanziaria diventata improvvisamente "fantasma" è esploso qualche settimana fa, quando si è scoperto che la Ibs Forex aveva lasciato in fretta e furia gli uffici di Como. Dopo una serie di denunce dei risparmiatori, il pm di Como Massimo Astori ha messo i sigilli e ha fatto perquisire la sede. Sono stati posti sotto sequestro alcuni computer e materiale cartaceo. Ma dei responsabili della finanziaria neanche l'ombra, in uno degli uffici è stata addirittura trovata una giacca abbandonata, quasi che la scrivania fosse stata abbandonata in fretta e furia.
Il coinvolgimento della Provincia di Palermo risale, come si diceva, al 2006. La responsabilità materiale degli investimenti, secondo l'ufficio stampa, sarebbe da addebitarsi all'ex direttore generale della Provincia, Antonino Caruso, che si è dimesso dall'incarico. Presidente, all'epoca, era Francesco Musotto, che attualmente è deputato regionale dell'Mpa.
A cadere dalle nuvole è l'attuale presidente della Provincia, Giovanni Avanti (Udc), eletto nel 2008, che ha immediatamente avviato un'indagine interna e dato mandato a un legale, l'avvocato Raffaele Bonsignore, perché tuteli l'ente e informi della vicenda tanto la Procura della Repubblica tanto la Corte dei Conti. «Non essendo mai stato messo al corrente di tali investimenti posti in essere in epoca precedente all'inizio del mio mandato - ha detto il presidente della Provincia - mi sono subito attivato richiedendo al direttore generale tutta la documentazione, e ho così appreso che la Provincia regionale di Palermo ha iniziato a versare dei propri fondi a Invest Banca nel novembre del 2006 affinché ne affidasse la gestione alla società Ibs Forex. Il primo versamento ammontava a 1,5 milioni di euro e nel corso di questi anni il capitale versato ha raggiunto i 29,5 milioni di euro, con ultimo versamento al febbraio 2008».
Dal canto suo l'ex presidente Musotto si dice tranquillo: «La gestione economica e finanziaria della Provincia - ha dichiarato - era gestita dal dottore Caruso a cui avevo dato ampia delega. Non conosco i dettagli della sua attività, sono sereno».