Quando l’odio smette di avere radici e diventa «ad personam»

Quando l’odio smette di avere radici e diventa «ad personam»

«Avendo dimestichezza con la politologia e la polemica, l’ho considerato un tema familiare. E non ho esitato a dire di sì. Guardavo il clima di oggi, e mi è parso pertinente. In Italia c’è una tale carica di intolleranza, non si dialoga più, non c’è comunicazione fra gli schieramenti. Ecco, mi è parso un tema sull’attualità presente».
Dialoghi sulla Rappresentazione, volume quarto e terzo appuntamento di questa rassegna ideata da Sergio Maifredi, questa sera con Marcello Veneziani, firma del nostro giornale, introdotto dal caporedattore del Giornale di Genova, Massimiliano Lussana. Sempre a Palazzo Tursi e sempre alle 21. Dunque, il tema dell’incontro: «Odiologia italiana. Il Novecento è finito, l’odio è rimasto». «Parlerò di una filosofia dell’odio - spiega Veneziani -. La tesi che proporrò è che fino al ’900 l’odio è stato un effetto secondario di alcune ideologie radicali. Con il nuovo millennio, invece, è venuto meno il tema culturale e si è fatto ad personam. Ha smesso di essere motivato da ragioni discutibili». Come dire, ha perso la base a cui attingere e si è messo in proprio e si è trasformato in un sentimento puntuale rivolto ad un bersaglio su riversare ostilità e insofferenza con l’individuazione di un avversario politico.
E però di questo sentimento così potente, tanto da essere considerato un motore del mondo al pari del suo opposto, l’amore, nel suo viaggio il giornalista che ipotizza la nascita di una nuova branca del pensare, del sentire e dell’agire, l’odiologia appunto, ne descriverà anche gli aspetti positivi. «Spesso abbiamo bisogno di un nemico comune per creare una solidarietà sociale - continua a raccontare Marcello Veneziani -. L’odio costruisce un rapporto».
Ma una volta tramontato il secolo delle grandi passioni ideologiche che facevano da tessuto all’odio, ora non diventa ancora più pericoloso?
«Quello universale produce devastazioni universali. Quello ad personam, invece, è molto più circoscritto. Ma è anche vero che l’odio ideologico è astratto, mentre l’altro è concreto, colpisce un bersaglio. Insomma, potrebbe essere tanto pericoloso l’uno quando l’altro».

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento